Luci ed ombre

Recensione di del 03/03/2017

Alice

72 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 72 €

Recensione

Bella la sala con affaccio a vista sulla piazza, servizio corretto non invasivo, come in molti locali adesso la tendenza è quella di non usare tovaglie, almeno qui le posate poggiano su un rialzo, anche se non amo toccare il tavolo in legno di ulivo, lá dove altri ci appoggiano le mani e le braccia, trovo la tovaglia più igienica ed il tavolo più ordinato.

Menù molto articolato tra le degustazioni la carta ed il piccolo menù del mezzogiorno, le degustazioni forse un pò fuori prezzo 120 e 150 euro, buono invece il prezzo del menù pranzo a quarantasette euro tutto compreso, alla fine opto per un mix tra il menù pranzo, antipasto e la carta, secondo, nell'attesa mi portano quattro piccoli finger una pallina di tartare di salmone, un pacchero fritto, una polpettina con cuore morbido al cacio ed un mazzetto di insalatina condita, bella la presentazione ma solo la polpettina emerge nel gusto.

Arriva l'antipasto mi accorgo di aver completamente sbagliato ordinazione un piedino di maialino in pastella e fritto, una ricetta classica piemontese, un piatto volgare anche nella quantità, che non ti aspetti in un ristorante così, lo assaggio appena, non incontra proprio il mio gusto, troppo pesante non lo digerirei mai, lascio li e mangio la piccola burrata con le puntarelle di contorno.

La cameriera attenta mi offre un antipasto alternativo, una tartare di tonno con insalatina e pane carasau che riporta tutto nella normalità. A mio avviso è un errore imperdonabile non specificare nel menù il tipo di cottura con cui si presenta un piatto, come anche tutti gli ingredienti.

Dopo la mia lamentela ho visto che almeno sul sito hanno corretto l'errore, la sera stessa. Come secondo un ossobuco, da non togliere a Mario, cotto al barbecue con una battuta di fassona e maionese alla senape, buono ma già visto.

Chiudo con un grande dolce, una meringa "Già rotta" con al suo interno una mousse allo zabaione che racchiude un cuore di sorbetto al caffè e cacao, l'unico piatto veramente creativo degno della stella, complimenti al pasticciere.

Concludendo ristorante con molte ombre e poche luci, sono stati molto corretti a non farmi pagare il piatto in sostituzione all'antipasto non di mio gradimento, chiaramente una sola esperienza non basta per avere un giudizio completo sulle capacità dello chef, oggi non mi ha impressionato. Penso comunque di tornare.

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.