Buongiorno a tutti. In occasione di una cena di la...

Recensione di del 21/10/2005

Al Sodo

39 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 39 €

Recensione

Buongiorno a tutti. In occasione di una cena di lavoro decido di dirigermi verso un locale nelle vicinanze del centro e che, a detta di altri mangioni sia tranquillo e senza sgradite sorprese dal punto di vista culinario.
Il locale si trova ad est rispetto al centro di Milano, in zona Città Studi, il che permette con un po’ di fortuna di trovare parcheggio. Effettivamente la presenza di alcuni cinema multisala nelle vicinanze a volte rende difficile trovare posto per l'auto anche dove effettivamente ci sarebbe qualche possibilità in più rispetto ai locali ubicati nel centro storico.

Avevo prenotato per quattro, entriamo e siamo accolto piuttosto calorosamente e accompagnati al nostro tavolo nella prima delle due salette da cui è composto il locale.
L'arredamento è semplice, piacevole stile trattoria e non di cattivo gusto. Ogni tavolo ha la sua abat-jour e la sua candela, le cui luce un poco si perdono nell'illuminazione generale dell'ambiente che non è esagerata, ma la preferirei di un tono più basso proprio per permettere un contrasto migliore con le luci dei tavoli. Le posate e i bicchieri sono di livello medio e il servizio si rivelerà più che discreto con una sola "caduta" e con scuse ricevute immediatamente dal proprietario.

Quando ci accomodiamo noto che il locale è pieno, e che anche l'altra saletta, forse un po’ più intima della nostra è gremita. I tavoli sono alquanto ravvicinati, ma comunque si dispone di una certa privacy. Il locale è più rumoroso di quanto me l'aspettassi, ma di un chiacchierio sopportabile e del resto vicino a noi c'era una tavolata che festeggiava un compleanno, che comunque piuttosto educata ha fatto davvero chiasso per poco tempo. Sì, per il resto sono particolarmente in sintonia con alcuni altri mangioni sulla tipologia de locale, un posto adatto sia a coppiette che non hanno certo pretese di sfarzo e lussi vari, sia a gente come noi dove purtroppo anche la sera dovevamo parlare di lavoro. Insomma un locale senza eccelsi, ma piuttosto affidabile nel panorama metropolitano milanese, con un rapporto qualità prezzo tra il normale e il discreto che per Milano è già un successone.

Veniamo alla cena.
Iniziamo con 4 antipasti, tre crostate salate di verdure, più che discrete, voto 7 e capesante in flan spumantizzate, ottimo il sugo e buone le capesante, peccato che un paio fossero eccessivamente gommose (voto 8).

In tre decidiamo di saltare i primi mentre un commensale ordina gli stracci ai pinoli e rosmarino che provo e sono davvero l'esempio di come un piatto semplice possa essere strepitoso se fatto a regola d'arte (voto 9,5.) Pur essendo tentati da un risotto con pesce persico vivamente consigliatoci dalla signora che ci serviva, alla fine abbiamo optato per due filetti di maiale alle prugne, Calvados e purè di patate mentre la mia compagna una porzione di polpo alla piastra in aceto balsamico che alla fine assaggio abbondantemente.
Filetto di maiale alle prugne: voto 6,5, non mi ha fatto particolarmente impazzire, e la carne era un po’ stopposa, mentre la salsa e soprattutto il purè di accompagnamento eccellenti.

A questo punto più per curiosità che per gola, provo il polpo della mia compagna perché afferma di trovarlo piuttosto insipido nonostante fosse arrivato assieme a due salsine, una di aglio e l'altra tipo una specie di tartara, ma era insipido rispetto al sapore dell'aceto balsamico che era inesistente, tanto che abbiamo pensato che davvero sui fossero dimenticati di metterlo. Forse in questa circostanza abbiamo fatto male a non chiedere lumi, ma la prossima volta staremo più attenti. (Voto 6).
Arriviamo ai dolci, due ottime mousse al cioccolato (voto 8) accompagnate da un chupito di rhum barbacourt, e 20 strepitose fette di torta di cioccolato e arancia (voto 10).

Per ciò che concerne le bevande abbiamo pasteggiato con una ottima bottiglia di Gewurztraminer (20 €) e 2 bottiglie di acqua, naturale e gasata servite in bottiglie di vetro, e 2 birre Menabrea da 33cl. Per i vini la cantina è discreta. Unitamente al menu all'inizio della serata ci è stata data la carta dei vini che riportava un certo numero di bottiglie interessanti con ricarichi accettabili.

Conto finale:
2 acque 3.60
1 bott vino 20.00
2 birre 8.00
4 antipasti 26.50
1 primo piatto 7.80
3 secondi piatti 44.50
4 dessert 24.00
5 chupiti 20.00
Un po’ cari i chupiti, pazienza, in ogni caso nel conto ci scontano le due birre e il coperto non me lo calcolano. Diciamo che ci è andata lo stesso bene, siamo a Milano del resto.
E' un locale in cui ritornerò volentieri.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.