Caratteristico locale situato nell’entroterra geno...

Recensione di del 09/10/2011

La Madia

40 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 40 €

Recensione

Caratteristico locale situato nell’entroterra genovese, tra le alture di Voltri. Si distingue soprattutto per il servizio al cliente già dalla telefonata di prenotazione durante la quale Marco, il titolare, si preoccupa subito di avvertici che praticamente tutto il locale è prenotato per un matrimonio e che quindi non riusciranno a garantire la disponibilità di tutto il menu, ma che cercheranno comunque di soddisfare le nostre richieste.
Ci consiglia anche di anticipare, se possibile, l’arrivo verso le 12:45 in modo da non subire ritardi delle nostre comande sempre a causa del matrimonio.

Arriviamo e veniamo subito introdotti in una saletta appartata, con la capacità di 25 coperti, che scopriremo completamente a nostra disposizione; prima ancora di ricevere i menu, Marco ci intrattiene piacevolmente e ci guida in visita alle altre stanze del locale che si compone di una sala ricavata da una veranda attrezzata con un bel caminetto che comunica con una sala interna per un totale di un centinaio di posti.
La sala interna e la saletta a noi riservata hanno i soffitti a volte finite con pietre/mattoni a vista, pareti giallo pastello, che conferiscono agli ambienti un’atmosfera molto rilassata e accogliente, il tutto completato da un ingresso/bar e servizi attrezzati per portatori di handicap pulitissimi.
La tavola è ben apparecchiata con biancheria e posate appropriate.

Alla consegna del menu, ennesimo giro di scuse da parte del titolare sulle portate non disponibili, a conti fatti rimane una scelta decisamente ampia.

Decidiamo per un "Gran misto della Madia" da dividere in due, un piatto di ravioli al “tocco”, uno di gnocchi di zucca al castelmagno, una gran frittura di terra alla genovese e due dolci. E facciamo bene. Le porzioni sono l’ideale per saziare senza appesantire e facciamo fatica a finire tutte le portate.

L’antipasto.
E' composto da una decina di assaggi tra sformati caldi (di zucca, di carote, favoloso quello di cipolle), salumi sopra la media, uovo ripieno e altro ancora, che ci dividiamo senza sacrificarci troppo.
I primi.
Gli gnocchi sono di una delicatezza notevole, l’accostamento zucca e castelmagno è indicatissimo; i ravioli al “tocco” (per i non genovesi, il “tocco” è un sugo a base di pomodoro che ha consumato tantissimo) sono i primi che assaggio che non attaccano la gola con sapori troppo forti (e credetemi, ne ho assaggiati parecchi). Unico appunto, per i nostri gusti forse un pelo di maggiorana in meno non avrebbe guastato.
Il secondo.
Sempre per i non genovesi, il fritto di terra è composto da carni, cervella, verdure varie, mele, latte dolce, il tutto fritto in una pastella in cui risulta praticamente assente il sapore dell’olio utilizzato, veramente da dieci e lode.
Dolci.
Non abbiamo resistito e abbiamo preso una porzione di “Morbidezza al cioccolato” e una porzione di “Biancomangiare al cocco”, semplicemente da favola.

In conclusione è sicuramente un locale da consigliare sia per un pranzo a due che tra amici; il servizio è stato decisamente attento nonostante l’impegno della tavolata matrimoniale: bravo Marco, continua così, torneremo sicuramente.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.