In occasione di una cena di arrivederci, prima di ...

Recensione di del 21/11/2009

Il Gusto della Vita

52 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 52 €

Recensione

In occasione di una cena di arrivederci, prima di un viaggio all'estero, scegliamo questo ristorantino aperto ormai da alcuni anni in via Bergamo a Monza. Non dobbiamo nemmeno dannarci per il parcheggio, visto che abitiamo molto vicino. Parcheggio che non deve essere molto agevole, a meno che non scegliate il nuovo garage a pagamento sotto alla piscina "Nei".
Ma arriviamo al dunque. Sono le ore venti e non abbiamo prenotato. Essendo sabato la cosa potrebbe essere rischiosa ma siamo fortunati. Un tavolo solo è già occupato ma nel corso della serata il locale si riempirà.

L'ambiente è di classe, le tonalità sono sul crema ed invitano ad una conversazione rilassata ed a volume che non disturbi i vicini. La musica di sottofondo non disturba affatto, anzi.

Ci vengono subito portati i menu e, come da noi richiesto poco prima, una bottiglia di acqua gassata.
Poco dopo ci viene offerto un calice di prosecco e come benvenuto della cucina un trancetto di salmone su letto di lenticchie. Nella sua semplicità il piatto è ben eseguito e mette in mostra l'altissima qualità della materia prima. Il salmone infatti non è per niente condito ma "regge" da solo la pietanza egregiamente. Il prosecco invece è senza infamia e senza lode.
Ordiniamo ora i piatti della serata. Ad accompagnarli opto per un Franciacorta Brut, ahimè non rammento la casa vinicola. Lo spumante è comunque promosso su tutta la linea.

Come prima portata optiamo rispettivamente per dei gamberi rossi di Sicilia su morbido di patate e lime, per una crema di patate di Oreno al sentore di tartufo, con sandwich di pan brioche e funghi porcini, e per un riso basmati pilaf con salsa al curry e scampi.
Dopo una ragionevole attesa, giungono i piatti. Notiamo subito la cura con cui sono presentati. Il gusto e la freschezza della materie prime non deludono. In particolare i miei gamberi sono eccezionali. Temevo che il lime potesse coprire gli altri sapori, invece si sposa alla perfezione. La crema di patate di Oreno invece è racchiusa in un bicchierino da liquore ed è da bere. Il tartufo in questo caso dona un tocco in più alla già eccellente crema di patate. Completano il piatto due sandwich con funghi porcini. Pietanza promossa a pieni voti. Purtroppo non ho avuto modo di assaggiare il riso pilaf ma la mia commensale è rimasta molto soddisfatta.

Come piatti principali invece scegliamo due tagliate di pata negra, con patata in tre cotture e panna acida all’erba cipollina, ed una cotoletta alla milanese poco battuta, cotta in burro chiarificato, rucola e pomodoro concassè.
Il pata negra, per chi non lo sapesse, è un incrocio tra cinghiale e maiale e vive in Spagna. La carne è molto tenera e saporita. Infatti non servono tante erbe o intingoli, è eccellente così, presentando addirittura un po' di cotenna abbrustolita per la gioia delle mie commensali, entrambe tedesche. In Germania infatti la cotenna non si toglie quasi mai (vedasi stinco di maiale scadentissimo che di solito ci presentano in Italia). A dire il vero i tre tagli di patate che accompagnano il meticcio cinghiale/maiale sono molto simili nel grado di cottura e né mia moglie né io notiamo una differenza. Sono comunque buone e guadagnano molto condendole con la panna acida all'erba cipollina.
La cotoletta invece è come preannunciato poco battuta e più alta del solito. La carne però si scioglie in bocca, a sentire la persona che l'ha scelta.

Concludiamo la cena con due tortini di cioccolato ed una mousse bianca su banane carammellate. Il tortino è sempre il solito, ormai viene presentato in quasi ogni ristorante ma ogni volta non resisto. Siamo andati quindi sul sicuro.
La mousse invece è forse il piatto meno riuscito della serata. Semplicemente troppo dolce e quasi stucchevole. Ma si sa, è questione di gusti, quindi magari a molti può piacere.
Prima del conto ordiniamo ancora due Mirto ed un Nocino e paghiamo il conto che è un poco salato ma, se si pensa alle materie prime utilizzate, ragionevole.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.