Decidiamo di tornare in questo locale vista l'espe...

Recensione di del 04/04/2010

Osteria del Divin Porcello

25 € Prezzo
5 Cucina
7 Ambiente
4 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €

Recensione

Decidiamo di tornare in questo locale vista l'esperienza complessivamente positiva dell'anno scorso. Gli arredi e i tavoli sono curati, probabilmente più di quelli a cui ci hanno abituato ristoranti di questa fascia di prezzo. Stile rustico, con una prevalenza di legno e pietra, ma con dettagli che ingentiliscono l'atmosfera.
Appena seduti mi informo sulla disponibilità della loro torta pere e cioccolato che la volta scorsa mia moglie aveva trovato eccellente (diciamo che siamo tornati in questo locale soprattutto per gustare questa torta), e la cameriera mi rassicura con un: "Certo, quella non manca mai", benissimo. Benissimo un corno, visto che poi al momento di ordinarla mi diranno di aver appena servito l'ultima fetta. Ma accidenti mi ero informato apposta! Prima nota dolente e voto sul servizio che cala a picco.
Ma non anticipiamo i tempi. Il menu è limitato e soprattutto resta identico durante tutto l'anno (questa è una cosa che non capisco e non amo, ma fa niente). Ordiniamo una pasta e fagioli e una zuppa di farro: piatti che abbiamo trovato anche nella nostra visita di agosto! Pasta e fagioli ad agosto? Mah. La pasta era veramente mediocre, i fagioli utilizzati non eccellenti e mancava di quella verve che dovrebbe avere una portata "rustica" come questa. La zuppa di farro è invece migliore, i sapori più convincenti e amalgamati, anche se a mio parere non merita di essere riprovata.

Come secondo io prendo un filetto di razza piemontese con una salsa di miele e noci. Buono e ben cotto il filetto, anche se la salsa risulta dopo un po' stucchevole e preferisco toglierla dal filetto e continuare a mangiare quello da solo. Mia moglie salta il secondo (d'altronde sta pregustando la torta, che purtroppo come ho anticipato non arriverà mai) e si limita ad piatto di verdure al vapore, mentre io prendo delle patate al formo come contorno. Il piatto delle verdure è sconcertante: delle rondelle di carote e zucchine buttate lì alla bell'e meglio nel piatto, senza sapore. Le patate, piuttosto saporite ma alcune molto dure, asciutte, evidentemente riscaldate male e perciò rinsecchite.

Il dolce. Dopo la delusione per non aver potuto mangiare la torta pere e cioccolato, mia moglie salta il dolce mentre io (più goloso) ripiego su una sfogliatina alla nutella: buona, il ripieno nè troppo, nè poco, e sapore gradevole, senza eccedere con il gusto zuccherino.
Conto di 49 euro in due con una bottiglia di acqua filtrata e mezzo litro di vino della casa (che consiglio visto che hanno il Prunent, un vino ossolano difficile da trovare).

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.