Alla disperata ricerca di un buon ristorante nella...

Recensione di del 16/03/2012

Vecchia Malcesine

95 € Prezzo
8 Cucina
7 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 95 €

Recensione

Alla disperata ricerca di un buon ristorante nella zona dell'alto Garda, ricerca a lungo infruttuosa perchè tutti i migliori della zona riapriranno la settimana successiva dopo la chiusura invernale, troviamo finalmente aperto questo ristorante dove eravamo già stati l'anno scorso, più o meno nello stesso periodo, ricavandone una buona impressione, anche se non memorabile. Come poi ci dirà lo stesso chef-proprietario, Leandro Luppi, ha aperto un po' in anticipo perchè, avendo due nuovi nella squadra di cucina, vuole rodare bene il gruppo prima che inizi la stagione.
In effetti quando arriviamo il ristorante è deserto e più tardi si aggiungeranno solo altri due tavoli da due persone.
Al ristorante si arriva percorrendo una stradina acciottolata tra due muretti di sasso e poi entrando in un giardino con vecchi ulivi. Il ristorante ha una veranda aperta sul lago che però, vista la stagione, non utilizziamo. L'arredamento è moderno con pezzi anche di pregio: solo certi colori un po' violenti non mi piacciono moltissimo. Comunque l'insieme è elegante e confortevole.

Per aiutarci a scegliere subito si avvicina lo chef, che sarà una presenza costante ma mai invadente durante tutta la cena, dandoci l'occasione di un piacevole scambio di opinioni ed esperienze per me istruttivo.

Scegliamo. Mia moglie opta per il: "menù territorio...come eravamo", mentre io scelgo alla carta.

Rapidamente ci arrivano le nostre scelte: Patate uovo e tartufo per mia moglie e "il nostro cocktail di gamberi e scampi" per me. Io continuo con il buon spumante offertoci come aperitivo mentre mia moglie inizia con il rosso scelto che è un Groppello della sponda bresciana del lago, il Balosse di Zuliani.

Il mio antipasto è composto da gamberi rossi crudi, scampi e mazzancolle, accompagnati da gelatina all'americano (il famoso aperitivo ), sorbetto di gin tonic ed insalatina tra cui delle sorprendenti "foglie di ostrica". Si tratta di un'erba rara, il cui gusto incredibile è esattamente quello dell'ostrica. Il tutto è estremamente piacevole per freschezza anche per merito della gelatina all'americano e del sorbetto al gin tonic. Altrettanto buono sembra essere l'antipasto di mia moglie sul quale svetta il tartufo del vicino Monte Baldo.

A seguire per mia moglie spaghettoni con le sarde e per me tortelli lumache e gamberi.

Per me con questo piatto siamo all'eccellenza: la pasta sottile dei tortelli con il ripieno di tenere e saporite lumache alleggerito da una picola parte di gambero è di un'armonia e delicatezza, pur con sapore deciso, veramente sorprendenti: come ho detto allo chef, per fare un piatto così oltre che creatività e tecnica, ci vuole anche coraggio: grande piatto.

Buoni anche gli spaghettoni di mia moglie, che ho assaggiato, ma che al confronto con il mio piatto un po' "muoiono".

A seguire maialino di latte al forno con mele mentre il vitello in tre forme, controfiletto, fegato e cervello, per me.

Sul mio piatto sensazioni un po' diverse: il controfiletto cotto a punto rosa, è un po' asciutto: il fegato alla veneta è perfetto, ma strepitoso è invece il cervello aglio olio e peperoncino: la delicatissima frittura con un interno morbido e cremoso e il sapore dell'insieme rinfrescato dal peperoncino verde è memorabile: certo bisogna che piaccia il cervello di vitello.

Anche mia moglie dichiara eccellente, tenero e gustoso il suo maialino con le mele.

Mia moglie chiude poi con torta di mele con gelato di capra che, dice essere eccellente mentre io mi rifiuto di far dimenticare al mio palato il sapore del cervello e chiudo così.

Il vino, fruttato al naso e al palato, piacevole, ma forse la cucina avrebbe meritato qualcosa di più rotondo in bocca.

Conto, compreso un Bas-Armagnac di 20 anni; 190 Euro, assolutamente ben spesi.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.