Dietro segnalazione di persone del posto, scegliam...

Recensione di del 01/08/2011

Jolanda

21 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 21 €

Recensione

Dietro segnalazione di persone del posto, scegliamo di cenare alla Trattoria "Iolanda" con la "I" e non con la "J" a Lucugnano, frazione di Tricase (Le). Come anche in altre occasioni, Via Montanara non ci viene segnalata dal navigatore, è comunque facile trovare il locale, perchè la via è una traversa sulla Destra, andando in direzione Sud verso S. Maria di Leuca, della statale SS 275 che attraversa Lucugnano e la via stessa è praticamente sala unica per il ristorante. Si perchè infatti, sorpresa delle sorprese, si mangia per strada (chiusa al traffico fortunatamente) su dei tavoli con tovaglie a quadri verdi e bianco, però coperti da della carta protettiva bianca (peccato, ma trattandosi di un ristorante con due servizi serali, si può ben comprendere la scelta al fine di velocizzare i tempi morti della ripreparazione della tavola). La prenotazione per questa cena tipo "Casa Particular de Cuba" è d'obbligo se non si vuole essere respinti in modo deciso dalla titolare, che si occupa anche di raccogliere le comande.

A seguito prenotazione quindi, abbiamo scelto di cenare con il primo turno, quello delle 20:30, appena seduti nel vicolo (lontano dal passaggio della statale, dato che siamo arrivati appositamente 10 minuti prima dell'orario fissato) veniamo letteralmente avvolti dal profumo del basilico fresco.
Sognando già delle portate insaporite da questo fantastico aroma, ci siamo dovuti nostro malgrado accorgere che l'inebriante profumo arrivava da sotto il tavolo, dove vi erano posti due mazzi di basilico fresco per tenere lontano le fastidiosissime zanzare salentine, cosa per altro perfettamente riuscita.
Richiesta una naturale (portata una Panna finalmente in bottiglia di vetro), due Coca Cola per i bambini e un litro di Primitivo di Manduria, servito sfortunatamente troppo freddo, si parte con le portate degli antipasti, che ci siamo accorti essere la colonna portante della cucina salentina.

Arrivano in sequenza: dei sott'oli con carciofi, finocchi, fave, pomodori secchi e melanzane, a seguire un piatto di fritti tipici, con crocchette di patate, pittole con olive, peperoni, basilico e menta, formaggio fritto, a chiudere un piatto con dell'insalata di patate, pomodori freschi, capperi, cipolle e peperoni verdi.
Complessivamente gli antipasti sono stati a tutti molto graditi anche se personalmente le pittole le gradisco meno fritte e con il rosmarino, ma la variante assaggiata si difendeva a dovere.

Primi per noi adulti (io e mia moglie) le classiche orecchiette alle cime di rape, con pasta fatta a mano, ben cotte e molto delicate, non vi era infatti una presenza importante di aglio nè erano troppo innaffiate di olio, diciamo un giusto equilibrio fra il sapore della pasta e la delicatezza delle cime di rape unite dal giusto sapore di olio pugliese.
I bambini hanno preso delle orecchiette al pomodoro (la bambina) e delle sagne incanulate al pomodoro (il bambino).

Di secondo, sempre in abbinata con mia moglie ho scelto i pezzetti di cavallo, mentre i bambini hanno optato per una semplice bistecca di manzo alla griglia (la bambine) e il bambino delle salsicce alla griglia.
Migliore la loro scelta, perchè i pezzetti di cavallo pur essendo tenerissimi, sono stati serviti molto "tristemente" su un piattino anonimo di ceramica bianca, senza nessuna guarnizione, nè condimento aggiuntivo di verdura.
Solo pezzetti in salsa al pomodoro, decisamente non esaltanti.

Per dolce i soli bambini si sono lasciati tentare da dello "spumone" artigianale, di cui ignoro il gsto, ma che sembra essere piaciuto dato che i piatti sono stati puliti a dovere.
Finito di cenare verso le ore 21:55, anche perchè il secondo turno (quello delle 22:00) incombeva in strada, siamo passati alla cassa e abbiamo trovato un conto da 83 euro totali, che a mio giudizio si sono rivelati corretti per quanto e come cenato.
Ci è piaciuto: la location veramente spartana e caratteristica, molti degli antipasti e le orecchiette alle cime di rape
Non ci è piaciuto: i pezzettini di cavallo e il fatto che qualche tavolo era veramente troppo vicino alle macchine parcheggiate nel vicolo.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.