Al di sotto delle aspettative

Recensione di del 23/04/2014

La Madia

124 € Prezzo
8 Cucina
5 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 124 €

Recensione

Dopo un paio di anni che ci pensavo, finalmente sono riuscito ad andare a La Madia; probabilmente le aspettative erano talmente alte, che alla fine sono state in parte deluse.

Siamo arrivati per cena, con un pò di fatica nel cercare il sito. Gli ambienti sono un po' angusti all’ingresso, poi si aprono in una sala di media grandezza piuttosto scialba; sembra di stare in una pizzeria-ristorante elegante degli anni ’80.

Il servizio, tenuto in sala da maitre, cameriere e aiuto, non è risultato adeguato al livello della fama de La Madia: gentilezza formale, e ci mancherebbe, ma solo due parole di spiegazione dei piatti, senza alcun entusiasmo, anzi da parte del cameriere più giovane, che credo fosse addirittura il maitre, quasi un certo senso di fastidio e voglia di far presto. Non ci hanno saputo o voluto consigliare un vino e così ho deciso per un Bianco dell’Etna, della casa vinicola Graci, di discreto livello, al costo di 32€. Discreti i vari tipi di pane proposti e i grissini, ma mi sono capitate scelte migliori in ristoranti meno blasonati.

Ho scelto il Menù Sapori di Mare, mentre mia moglie quello In Bianco e Nero; qui devo dire che ci sono venuti gentilmente incontro, permettendoci due menù degustazione differenti, sia pure avendo dovuto acconsentire a cambiare una portata affinché il primo di pasta fosse lo stesso per entrambi.

La presentazione alla vista dei piatti è stata senza dubbio eccezionale. Il mio menù Sapori di Mare l’ho però trovato troppo poco deciso nei sapori e negli aromi, insomma niente di eccezionale, almeno per tutte le prime cinque portate. In maggior dettaglio, come preantipasto c’è stata portata una sorta di spuma montata di bufala in pellicola di latte su riduzione di pomodorino pachino, piatto dall’aspetto davvero sorprendente, appare in tutto e per tutto come un grossa mozzarella di bufala, ma della stessa ne ricorda blandamente il gusto.

Nel Battutino di gambero rosso, maionese di bottarga di tonno e olio al mandarino il gambero utilizzato non m’è parso freschissimo, complessivamente discreto e non più.

In Sapori di mare, sapori di …, un insieme di prodotti del mare e verdurine, il gusto era troppo attenuato, piatto molto gradevole alla vista, ma che mi ha lasciato nostalgia per i veri sapori del mare.

Buono il Bianco e nero di baccalà, in crosta di olive. Per il Raviolo di calamaro ripieno di tenerume, in salsa d’acciughe, nuovamente una piccola delusione, sapori troppo tenui, anche se alla vista il piatto è ragguardevole.

Lo stesso dicasi per il Polpo sulla Roccia. La minestra di pasta con crostacei m’è parso il piatto peggio riuscito, per il motivo che la pasta usata, una sorta di grosso spaghetto spezzato, aveva una consistenza tale da rimanere appiccicata ai denti.

Emozionanti invece le ultime tre portate: Tataki Sikano di ricciola, Gelo di Manderino, Cassata di gelato, tutti perfetti per preparazione, sapori e aromi. Per quello che ho assaggiato avrei preferito il menù che ha preso mia moglie, dove i sapori mi sono parsi mediamente più decisi e degni di ricordo.

Vorrei precisare, per i lettori, che questo mio giudizio critico, non pienamente positivo, è in relazione alla fama del ristorante e al livello del costo; la cena è stata comunque abbastanza piacevole e credo che se ci sarà l’occasione tornerò per provare differenti preparazioni.

Cordiale lo Chef al momento dei saluti.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.