La trattoria "Monferrato" si trova a pochi passi d...

Recensione di del 12/07/2008

Monferrato

39 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 39 €

Recensione

La trattoria "Monferrato" si trova a pochi passi dalla piazza del municipio, in fondo ad una breve stradina che si dirama dal fondo della piazza, non visibile dalla stessa perchè sfalsata di pochi metri. Avevamo prenotato la sera prima e trovato posto senza difficoltà, per cui alle 20, come concordato, ci presentiamo all'ingresso.

Un piccolissimo disimpegno, all'interno del quale si trova in modo quasi ingombrante un pianoforte verticale, separa l'ingresso dal locale vero e proprio, un'unica stanza a forma di L, in cui lo spazio mancante del salone è occupato dalla cucina. Veniamo accolti da una ragazza sudamericana, una nuova presenza rispetto all'ultima visita, che risale a qualche anno fa. Ci viene fatto scegliere il tavolo, tra quelli da 4 persone disponibili, e possiamo quindi accomodarci.

L'arredamento è sobrio e caldo,tavoli e sedie in legno, ambiente raccolto, soffitti a volta, alle pareti quadri che rappresentano la vecchia Ivrea, raccontano del carnevale, riportano foto di personaggi passati di qua. Curioso un quadro costituito semplicemente da un vetro che lascia vedere dietro una nicchia nel muro con una bottiglia; era usanza quando si costruiva una casa, fare una piccola nicchia dove mettere una bottiglia di vino dell'anno di costruzione della casa stessa. La tavola è apparecchiata con una bella tovaglia aragosta di cotone, con posate di metallo molto pesanti, con doppio calice ed ampio sottopiatto di una nota casa di ceramiche.

Già presente un cestino con pane a fette, molto morbido e grissini fatti in casa. Dopo poco arriva il patron della trattoria, che salutiamo amichevolmente, che ci ricorda che la specialità sono gli antipasti, che da soli costituiscono una piccola cena, quindi ci consiglia di prendere prima quelli e poi ordinare il primo. Sentendomi quasi offeso, come se non sapesse che siamo veri mangioni, gli dico che possiamo ordinare direttamente non solo i primi, ma anche i secondi, e lui si fa una risata assieme a noi.

Iniziamo quindi con il giro di antipasti, tutte pietanze non banali, frutto di una ricerca gastronomica ed una sperimentazione sui sapori, con sempre presente l'attenzione verso il territorio.

Si inizia con Melone Porto e menta, fresco e piacevole al palato, anche se non sono un amante di questa cucurbitacea, lo apprezzo.
Bruschetta lardo e noci, un ottimo lardo di Arnad con abbinata una mezza noce, il tutto su una fetta di pane lievemente riscaldato ma un pò troppo abbrustolito.
Insalata di noci e prosciutto, in maionese: ottima, la noce copre totalmente il gusto del prosciutto, che diventa un riempitivo, e sgrassa anche completamente la maionese,della quale non si percepisce per nulla la sensazione di untuosità.
Mocetta grana e rucola, molto delicato questo salume, ed una volta tanto preparato senza esagerare con la rucola, come vedo quasi sempre fare, al punto tale che spesso copre il sapore della mocetta o della bresaola quando viene usata.
Carote grigliate, non le solite carote industriali tutte uguali, ma carotine dell'orto, morbide e dolcissime, cotte al punto giusto.
Zucchine in carpione, marinate con aceto, cipolla, pomodoro ed alloro: una preparazione veramente ottima, un carpione per niente acido.
Una verdura amara, molto amara, simile ad una piccola pannocchia di insalata, della quale mi è sfuggito il nome.
Cipolle arrosto con ripieno di amaretto, un piccolo capolavoro, dolcissima la cipolla, ma ancora abbastanza presente per contrastare il dolce amarognolo dell'amaretto.
Peperoni con bagna cauda, dolcissimo il peperone, perfetta la bagna cauda, nella versione torinese, con molto meno aglio di quella astigiana.
Crespelle con tartufo, una crespella abbastanza anonima ma condita con generose scaglie di tartufo.
Fettina di polenta con gorgonzola, buona, ma decisamente classica
Conclude il giro degli antipasti il classico Fritto misto alla piemontese, composto da mela, rana, semolino, amaretto, crocchetta di patata impanati e fritti molto bene, senza presentare assolutamente sensazione di unto.

Ogni antipasto è stato descritto con precisione dalla ragazza che li ha serviti, alternandosi a volte con il titolare: è una cosa che apprezzo molto e considero incida nel giudizio sul servizio. Troppo spesso mi trovo in locali dove, sopratutto nei giri di antipasti soliti qui in piemonte, vengono servite tante portate ottime ma alla fine rimangono dei dubbi circa la composizione, perchè non sono stati spiegati.

Passiamo ai primi: la scelta è ampia e difficoltosa, perchè tutte le possibilità sono interessanti. Io scelgo dei Tagliolini alla crema di noci, i miei commensali Tagliolini alle ceneri, che sono conditi con una crema di olive, e Tagliolini ai porcini. La pasta presenta un'ottima cottura, oltre che una consistenza che fa pensare ad un tipo di pasta non certo industriale. Il condimento a base di noci è forse un po' asciutto, ma sicuramente molto saporito e trasmette un profumo di noce piacevolissimo, che accompagna il gusto.

Come secondo scelgo del comune roastbeef, nonostante la presenza di altre scelte molto più attraenti, perchè voglio stare un po' leggero.
I miei commensali prendono Cinghiale in salsa di mirtilli, un piatto che conosco molto bene per averlo provato altre volte, e che io stesso ho consigliato loro. Il roastbeef è cotto alla perfezione, almeno dal mio punto di vista, cioè esattamente quell'attimo dopo l'essere al sangue. Il taglio è sottile ma non eccessivamente. Lo condisco con olio di oliva extravergine De Cecco, limone, sale e pepe. Ottimo risultato, una carne di quelle che fa sentire il suo gusto e non solamente la sua consistenza.

Saltiamo il dolce, in quanto già sazi, prendiamo un buon caffè, dopo il quale ci viene portato un vaso con mirtilli sotto spirito, un liquore poco alcoolico che ricopre mirtilli molto maturi, decisamente un bel digestivo per la serata.

Dopo aver saldato il conto, il titolare si è fermato a fare qualche chiacchera con noi, accompagnandoci all'uscita, lasciandoci quella sensazione piacevole di essere stati a casa di amici e non al ristorante. Meno male che ci sono ancora locali come questo.

Alberto Rubinelli

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.