Giornata di lunedì, tempo da lupi, di passaggio in...

Recensione di del 21/04/2008

Al Vigneto

65 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 65 €

Recensione

Giornata di lunedì, tempo da lupi, di passaggio in quel di Grumello del Monte provo a contattare il ristorante che mi conferma l’apertura; detto fatto eccomi nella bella struttura.
Patron Vito Siracusa, siciliano di Mazara del Vallo e con dieci anni di esperienza al ristorante “da Vittorio”.

AMBIENTE
Esterno
Il ristorante si trova sulla strada che da Grumello al Monte porta verso la frazione di S. Pantaleone; disposto su due piani, esternamente è un mix gradevole di muratura tinteggiata di un elegante giallo carico intervallata con rivestimenti in pietra di Credaro e grandi vetrate. Il vigneto confinante ha dato il nome al locale.
Si raggiunge da una strada privata e il piccolo parcheggio privato garantisce comodità.
Interno
L’ingresso, situato al piano terra, ha una zona con piccolo divano e poltrone con cuscini bianchi, bancone bar e toilette; la sala ristorante si trova al piano superiore e si raggiunge tramite una lunga scala o con ascensore. Quindi al mio arrivo non trovo nessuno e sono accolto al piano superiore dal patron/maitre/sommelier Vito Siracusa.
La sala ristorante ha una forma rettangolare con al centro la zona guardaroba e servizio, della stessa forma e vengoni così a formarsi due sale ben distinte ove sono disposti tavoli tondi e rettangolari non molto distanziati fra loro e garantendo un totale massimo di 65/70 coperti.
Tinte calde, pavimento in piastrelle mix grigio/marrone, verticalmente grande senso di spazio con tetto a vista e travature in legno, illuminazione tesata con punti luce sopra i tavoli, anche qui pareti con un mix di intonaco e pietra a vista, pochi quadri e grandi vetrate con bella apertura sulla collina e sul paese, doppio tovagliato chiaro, tendaggio terra di Siena, sedie classiche in ciliegio, posateria e cristalli normali, bicchieri per acqua di colore rosso così come il sottopiatto, centrotavola un pò ingombranti con strutture mobili in ferro, gradevole musica di sottofondo.
In sala vi sono tre persone Vito Siracusa, la moglie Silvana e Rubens, tutti molto disponibili e gentili.

MENU
La carta cambia ogni 45 giorni e quella nuova sarà proposta a partire da mercoledì 23 Aprile; di seguito segnalo comunque quella in essere per potere comprendere la linea e i prezzi del locale.
Troviamo due percorsi degustazione:
Il menu degustazione al prezzo di 42,00 euro, bevande escluse.
Lasciatevi tentare dal nostro menu a base di pesci e crostacei secondo gli arrivi di mercato.

Nudo e crudo al prezzo di 51,00 euro, bevande escluse.
Otto differenti suggestioni di mare leggere e delicate, carpacci, tartare, molluschi e crostacei. Abbinamenti classici e nuovi che esaltano la freschezza del prodotto.

Alla carta abbiamo:
Menu colazione di lavoro al prezzo di euro 20,00.
Servito soltanto a pranzo, sabato, domenica e festivi esclusi

Gli antipasti
- I medaglioni di pescatrice dorati con zuppetta di farro e orzo, pomodoro confit euro 15,00;
- Le cappesante scottate con brunoise di finocchi brasati, pompelmo rosa e riduzione di malvasia euro 17,00;
- Il trancetto di salmone gratinato con salsa olandese all’arancia, crema di prezzemolo e bottarga di branzino affumicata euro 14,00;
- Il “Nudo e Crudo” (pesci e crostacei) euro 26,00;
- Le millefoglie di culatello con sott’olii di nostra selezione euro 14,00;
- L’hamburger di vitello semi-cotto con sandwich di pane, pomodoro arrosto e crema di basilico euro 15,00;
- Il foie-gras d’anatra da noi affumicato con purea di mela verde e ristretto al porto bianco euro 17,00;

I Primi Piatti
- I ravioli di verdure con vongole veraci e anelli di cacciaroli brasati euro 15,00;
- Il risotto mantecato alla zucca con code di scampi in croccante di sesamo nero (2 pers. min.) euro 17,00;
- I cavatelli con fasolari e ricci di mare, julienne di pomodoro euro 16,00;
- I fagottini di ceci e maggiorana con gamberi semi cotti e il loro brodetto liquido/solido euro 16,00;
- Le tagliatelle con pioppini e polvere d’arancia euro 14,00;
- Gli straccetti di pasta fresca con ragù d’anatra, scaglie di pecorino e melanzana croccante euro 13,00;
- I paccheri con pomodorini freschi, basilico e fonduta di formaggio euro 12,00;

I Secondi Piatti
- Il trancio di baccalà al forno con salsa di fagiolini e riso basmati euro 15,00;
- La spirale di calamaro cotto a bassa temperatura farcito con spinaci, salsa di cicale e scampi euro 16,00;
- Il portafoglio di rombo con piselli e cipolla rossa glassata, demì-glace alla senape euro 17,00;
- Il gran fritto di pesce e verdure in olio extravergine euro 18,00;
- Le quaglie con cosciette confit e petto arrosto, patata glassata all’uva passa euro 15,00;
- Il duetto di filetto di manzo con prosciutto di Parma, salsa al tamarindo e ananas scottato euro 20,00;
- Il lombo di maialino in crosta di erbe con giardiniera di verdure in agrodolce, semi di papavero e pioppini euro 14,00;

Dessert purtroppo non ricordo i vari prezzi.
- La crème-brulèe ai frutti di bosco;
- Il tortino al cioccolato con cuore di banana e gelato al rhum;
- La mela cotta con croccante alla cannella e gelato al caramello;
- La zuppetta di fragole con mousse al cioccolato bianco;
- Il fagottino di pera e menta con pina colada;
- I quadrotti di sfoglia con spuma al bergamotto e gelato al cioccolato;

Coperto con stuzzicappetito euro 3,00

Mi affido completamente al Patron.

CARTA DEI VINI
Sicuramente da ampliare, attualmente sufficiente presenza di varie tipologie e produttori ben suddivisi per tipologia e regione.
I ricarichi sono nella norma.
Sceglierò un accompagnamento al bicchiere.


VIAGGIO GUSTATIVO
Consegnano il menù e offrono l’aperitivo, un Prosecco di cui non ricordo il nome, servono acqua minerale, dei croccantini di maiale dolci/salati e del riso canadese integrale fritto.

Effettuata la scelta servono il pane di vario tipo, focaccia e grissini.
Tutto fatto in casa e di discreta qualità.

Benvenuto della cucina:
Panna cotta al parmigiano
Servito in un piccolo bicchiere cilindrico e uno sopra l’altro troviamo panna cotta, coulis di pomodoro e cardoncelli affumicati con inserita una foglia di basilico.
Delicata la panna cotta, un po’ insapore la coulis e buoni i cardoncelli anche se l’affumicatura era appena accennata.
Discreto.

Foie gras
In un piatto tondo bianco tre generosi riccioli di foie gras d’anatra in zuppetta.
Affumicatura realizzata da loro (ci vorrebbe un pò più delicata) per il gradevole foie gras, salsa gradevole realizzata con menta, melone e porto bianco.
Presi singolarmente gli ingredienti sono ottimi, abbinati il foie gras sovrasta e non si integra con la salsa.
Buono ma da rivedere l’abbinamento.

Carpaccio di tonno
Su di un piatto rettangolare e bianco, carpaccio di tonno, cialde di segale fritte, chicchi del frutto della passione e insalatina, il tutto terminato al tavolo con leggero spolvero di sale rosa e olio extravergine.
Discreto il tonno e buono l’abbinamento con il frutto della passione e le cialde. Forse i chicchi disturbano leggermente durante la degustazione, forse meglio una leggera crema.
Voto: 7,00

A questo piatto e al secondo appetizer è stato abbinato:
T Bianco 2006 – Kellerei Cantina Tramin
Uvaggio: Chardonnay, Pinot bianco, Sauvignon, Riesling;
Gradazione alcolica: 12,50°
Colore giallo paglierino, al naso mela e fiori bianchi, in bocca è equilibrato e acido, non molto persistente.
Discreto.


Scampi e carpaccio di seppie
Serviti su piatto bianco tondo vi sono due scampi di Mazara del Vallo e una discreta quantità di carpaccio di seppie, il tutto condito solo con olio extravergine e pepe, polvere d’astice a bordo piatto.
Buoni gli scampi, saporite e consistenti le seppie, insapore la polvere.
Voto: 7,00

Intermezzo di capesante
Su un piatto bianco rettangolare sono posizionati tre cucchiai in ceramica di diverse dimensioni con interno:
- Cappasanta, brunoise di finocchi brasati, pompelmo rosa e malvasia, ottima senza il pompelmo rosa;
- Cappasanta con spuma di cocco;
- Cappasanta con pomodoro confit.
Buoni gli abbinamenti e la materia prima.
Voto: 7,00

A questi due piatti è stato abbinato:
Raffaello 2006 – Bergamasca Chardonnay IGT – Colle dell’Aia
Uvaggio: 100% Chardonnay;
Gradazione alcolica: 12,50°
Fermentazione in vasche di acciaio e solo una piccola parte viene affinata per due mesi in piccole botti di legno, affinamento in bottiglia per tre mesi dopo l’imbottigliamento.
Colore giallo paglierino leggermente carico, al naso mela e pesca gialla, in bocca è equilibrato e sufficientemente persistente.
Discreto.


Ravioli alle erbe dell’orto
Piatto bianco tondo, piccoli ravioli con vongole veraci, cacciaroli, crema di crostacei e il sedano fritto.
Perfetta la cottura, buono il ripieno e tutti gli altri ingredienti che però risultano slegati fra loro.
Voto: 6,50

Fagottini ceci e maggiorana
Su di un piatto bianco tondo trovano posto i fagottini ripieni di ceci e maggiorana con sugo di cicale liquido e solido e gamberi rossi di Mazara del Vallo.
Cottura perfetta, sufficiente il ripieno ma troppo sapido il condimento che contamina anche i gamberi.
Voto: 6,00

A questi due piatti è stato abbinato:
Abbinamento:
Soave classico – Pieropan
Uvaggio: Garganega 80%, Trebbiano di Soave 15%, il resto 5% è composto da altre varietà di uva
Gradazione alcolica: 12,50°
Fermenta in vasche di cemento vetrificato e successivo affinamento per due mesi in bottiglia, colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, al naso frutta e fiori, in bocca secco e sapido.
Purtroppo all’olfatto un piccolo sentore di tappo di cui però, fortunatamente, in bocca non trovo traccia.
Sufficiente.


Trancio di merluzzo
Generosa porzione di merluzzo adagiato su fagiolini, la loro crema, zucchine e a contorno piccoli pezzi di fragola.
Doppia cottura per il pesce, prima 45 minuti sottovuoto e poi passato al forno; il tutto lo restituisce compatto ma morbido allo stesso tempo. Banale l’abbinamento con le materie dell’orto, più azzardato e sorprendentemente azzeccato con le fragole.
Voto: 6,50

Abbinamento:
Vie di Romans Chardonnay – 2004 – Vie di Romans
Uvaggio: Chardonnay 100%
Gradazione alcolica: 14,00°
Fermentazione in barrique e successivo affinamento per dieci mesi in bottiglia.
Colore giallo carico, al naso sentori intensi di frutta esotica, miele e vaniglia, in bocca caldo e morbido, leggermente sapido e con una buona persistenza.
Buono.

Proposto un assaggio di formaggi, declino l’invito, e il patron informa che hanno degli ottimi vaccini locali, nazionali e qualche proposta francese.


Predessert:
Panna cotta con fragole
Un classico.
Discreto.

Tortino al cioccolato
Posizionato al centro il classico tortino con cuore di banana, e a fianco ciotola contenente il gelato al rhum.
Tortino dalla morbidezza non perfetta, personalmente non ho gradito il cuore cremoso alla banana, buona la freschezza data dal gelato.
Voto: 6,00

Abbinamento:
Comtess Passito – 2003 – St Michael Eppan
Uvaggio: 70% Gewürztraminer; 15% Riesling; 15% Sauvignon.
Gradazione alcolica: 12,50°
Vendemmia tardiva e appassimento in cestelli, le uve sono pigiate a fine anno e il mosto fermentato viene affinato in inox.
Colore giallo dorato, al naso sentori di frutta matura, in bocca buona struttura, armonico e con una lunga persistenza.
Discreto.


Prendo un buon caffè servito con della buona piccola pasticceria e come distillato mi è offerto un discreto Bas Armagnac.



CONTO
1 Degustazione Euro 42,00
1 Degustazione al calice Euro 20,00
1 Acqua Euro 2,00
1 Caffè Euro 2,00
1 Bas Armagnac Offerto
TOTALE: Euro 66,00
Arrotondato a Euro 65,00


CONCLUSIONI
Ambiente
Struttura esterna e interna gradevole.
Toilette ampie e pulite.
Servizio
Gentile e professionale; forse i piatti devono essere spiegati con più convinzione e sarebbe meglio non chiedere al termine di ogni portata se il piatto è piaciuto.
Cucina
Cucina vocata principalmente al pesce di mare, tradizionale, nessun volo pindarico con accostamenti futuristici ma utilizzo e valorizzazione di buone materie prime; discreto equilibrio nei piatti, con alcuni accostamenti da rivedere.
Assemblaggio e presentazione migliorabile.
Nel menu propostomi ho trovato un doppione per due paste ripiene, meglio sarebbe stato diversificare.
Cantina
Il vino in degustazione, di qualità discreta, è risultato, a parte il Soave classico dal leggero sentore di tappo, discretamente abbinato alle portate.
Prezzi
Prezzi interessanti sia alla carta che in degustazione.

Rapporto Qualità/Prezzo
Due appetizer, tre antipasti, due primi, un secondo, predessert, dessert e piccola pasticceria a 42,00 euro mi sembra un prezzo decisamente interessante.
Anche l’abbinamento al bicchiere, pur non parlando di vini eccelsi, ma considerando i vari rabbocchi effettuati, al prezzo di 20,00 euro mi sembra buono.
Così pure per acqua e caffè a 2,00 euro cadauno.

Esperienza positiva.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.