Decidiamo di provare la cucina del ristorante "Il ...

Recensione di del 25/02/2006

Violino Rosso

50 € Prezzo
9 Cucina
7 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 50 €

Recensione

Decidiamo di provare la cucina del ristorante "Il Violino Rosso": è un'occasione speciale per me, quindi prenotiamo per tempo.

Sabato arriviamo in quel di Genova in una bella giornata, passeggio con aperitivo in centro.
All'orario ci presentiamo al ristorante ubicato in una zona decentrata di Genova, parcheggio selvaggio sul marciapiede a pochi metri dal Violino Rosso. Bella l'insegna del locale, rappresenta un violino. Entriamo e ci accoglie Francesca giovane moglie dello chef, dalla cucina esce Fabio a salutarci e ci accompagnano al piano superiore dove si trova il tavolo a noi dedicato.

Il locale è diviso su due livelli: al piano terra ingresso e cucina, al piano superiore a balconata sono ubicati i 9 tavoli divisi in due spazi separati da un muretto. Predominante cromatica di un bel rosso pompeiano con luci soffuse in una atmosfera calda e romantica.
I tavoli tutti finemente apparecchiati, nel nostro dominava un grande mazzo di rose rosse precedentemente concordato con Fabio e Francesca
per la speciale occasione, il tutto a lume di candela.

Ci affidiamo allo chef Fabio per una carrellata di colori profumi e sapori e alla sommelier Francesca per i vini, tutti biodinamici triple"A".
................inizia la nostra cena:

Come inizio: Sorso di pasqualina.
Una rivisitazione della classica torta ligure servita in un bicchierino di vetro, ottima la cromia, il contrasto di sapori e il gioco caldo freddo, accompagnato da una mini croissant.

Antipasti
Polpettone genovese al vapore con bloody mary solido.
Un piatto dove le doppie cotture rendono merito a semplici elementi come le patate e i fagiolini nelle piramidali forme.
Intrigante forma di pomodorino dal sapore del più noto aperitivo.

Capesante scottate con fondo di vitello e porri fondenti.
Presentazione e cottura perfetta per questo mollusco, riuscito accostamento al fondo di vitello sempre in una nota dolciastra amalgamata da porri fondenti.

Polpo cotto all'orientale con crema di lenticchie e zenzero.
La cromia si adegua all'ambiente in questo piatto dalle calde colorazioni delle lenticchie e del polpo, profumi incredibili, orientali-meridionali di mare-terra.
Sapori e consistenze incredibili, polipo croccante, morbida crema e sensazione afrodisiaca dello zenzero.

Rotolino di suinetto con delicato a finocchio.
Maialino disossato cotto a bassa temperatura accompagnato da una spuma di finocchio condita con sale pepe olio presentata in un bicchierino.
Per precisione si tratta di un pinzimonio di finocchio rivisitato che deve dare freschezza al piatto notevole.


Primi Piatti

Tortelli di stracciatella d'uovo in brodetto di bianchetti.
Una minestra delicata di tortelli fatti a mano con all'interno una stracciatella di battuto d'uovo tuffati in un brodo di bianchetti, cipollotti, pomodorini e spezie.

Mezzelune di mozzarella di bufala, crema al cavolfiore e bottarga.
Ottimo mixer di sapori tutti distinguibili al palato singolarmente.

Ravioli di gallo salsa al vino rosso e creste stufate.
Memoria della mia gioventù, piatto povero " le creste di gallo" dall'incredibile sapore ruspante.


Secondi Piatti

Guancia di vitello brasata con variazioni di verdure.
Piatto eccellente basato sulla cottura estremamente morbida della carne, una tavolozza di verdure sode e croccanti e i loro pure.

Carrè di cinghialetto con salsa al vino e pure di patate e cavolo nero.
Anche in questo piatto domina l'estrema attenzione per le cotture della carne morbidissima, accompagnata da un delicato pure di patate e cavolo nero stufato.


Dolce

Quartetto dolce.

Il piatto si presenta in quattro soluzioni,
Sacherglass rivisitazione della nota torta sacher inserita all'interno di un bicchierino.
Delicato all'arancio con olio sale e pepe, particolare mix di sapori per un dolce rapportato alla pop art della cucina.
Cremè brulèe ottima.
Tortino al cioccolato e culis di pere molto buono.


Il tutto accompagnato dai seguenti vini in ordine di portate:

Per gli antipasti
Gavi montemarino cascina degli ulivi bianco
Ma terre des apilles chardonnay bianco
Pista e mutta etna rosato

Per i primi
Morgon la pierre rosso
Chateau musar couve reserve rosso

Per i secondi
Rioja lanzaga rosso

Per il dolce
Vin santo toscano

Tutti rigorosamente biodinamici con una cromia calda e un ventaglio di profumi e sapori incredibili.

Caffè

Terminiamo con una lunga e piacevole chiacchierata con Fabio e Francesca, dove ci spiega della sua sempre e continua ricerca di piatti legati al territorio alla famiglia e ai ricordi di profumi gusti e colori.
Ci lasciamo soddisfatti e contenti della piacevole serata riproponendoci di tornare al più presto.

Il tutto per un conto totale di 100,00€

Ad maiora

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.