Un posto dove ritornare

Recensione di del 24/06/2014

Trattoria Du Ruscin

45 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 45 €

Recensione

Incuriositi da altre segnalazioni e dalla pagina del sito internet del ristorante, per festeggiare il santo patrono ci siamo recati in tre, previa prenotazione via email in questo locale. Un po' sorpresi per la quasi assenza di altri clienti, tranne un tavolo con 3-4 persone, apparentemente amici dei gerenti, e un'altra coppia non giovane arrivata poco dopo di noi, ci siamo accomodati nel bel tavolo rotondo vicino alla finestra.

Il patron, il prode Anselmo, ci intrattiene con amabili conversazioni in dialetto genovese e, forse, data l'esiguità della clientela, non dà segno di particolare fretta nello svolgimento delle sue mansioni di sala. L'apparecchiatura è di qualità: tovagliato, stoviglie, calici e bicchieri.

Dal menu ci vien detto che mancano alcuni piatti, perché siamo al cambio di stagione. Ci viene recato del pane bianco e con semi di papavero, della focaccia, anche con cipolle e pomodoro, tutti fatti in casa. Ordiniamo acqua minerale lievemente frizzante della zona di Garessio (CN) e una bottiglia di Grignolino d'Asti Grignè, che si rivela eccellente.

Scegliamo dal menu una padellata di gamberi con verdure, panissette e cuculli, insalata di stoccafisso con pomodori, patate, olive e capperi; dato che i piatti sono preparati al momento ci viene suggerito dal ciarliero Anselmo di ordinare anche la pietanza successiva, così scegliamo un fritto all'italiana interpretato, un coniglio disossato con verdure in casseruola, un pescato del giorno con verdure al vapore, galletta e salsa verde.

Intanto che aspettiamo dalla cucina ci viene offerta una focaccina o quiche calda: i tempi di attesa sono in effetti lunghi, ma ci viene spiegato che la preparazione più complessa dello stoccafisso, del coniglio e poi del pagaro influisce più del dovuto. In effetti dopo un'ora abbiamo consumato solo la prima portata! La prova del cibo è comunque eccellente, squisiti i gamberi (ma solo tre di numero, a 18 €) e croccanti le verdure, più abbondante lo stoccafisso, giuste e ben presentate le panissette e i cuculli (a 4,5€).

Con altrettanta calma, mentre all'altro tavolo vengono serviti in anticipo sul nostro i primi di pasta, i fritti di mare e i fritti dolci (non è bello vedersi superare da chi è arrivato dopo), arrivano il piatto di fritto misto di verdure, stecco di formaggio e prosciutto e fettina di carne, il coniglio disossato e, finalmente, il pescato; quest'ultimo, certo in quantità non esagerata, rappresenta una sorta di reinterpretazione del cappon magro: ci sono le verdure al vapore, la galletta, la salsa verde e il pesce sfilettato e spinato. Anche qui grande soddisfazione del palato e della presentazione del piatto.

Chiediamo ancora un po' di focacce calde e un'altra minerale. Il fritto all'italiana prevede un secondo piatto di fritto dolce (questo sì una razione abbondante al confronto delle altre portate), che condividiamo golosamente: non avevamo ancora assaggiato il cioccolato fritto, ma non lo dimenticheremo.

Chiacchierando ancora delle glorie di Bavari, il paese dove si trova il ristorante, alle spalle del medio levante genovese, decidiamo di assaggiare anche, fuori menu, le acciughe impanate e fritte, servite su un piatto rialzato al centro tavola così che più commensali se ne possono servire. Superbe!

Possiamo farci mancare ancora un dessert? No, allora prendiamo la millefoglie croccante con crema chantilly e fragole (per chi la conosce, direi: una rivisitazione della millefoglie strachin di E. Perbellini) e la piramide di cioccolato bianco al cuore di menta. Veramente deliziosi.

Due caffè Illy per chiudere e ancora qualche chiacchiera col genuino Anselmo. Si sono fatte le 15, dalle 12,30 del nostro ingresso. A riscuotere ci pensano le donne di casa: la ricevuta dice 9,00 di coperto, 14,00 di vino, 4,00 di acqua, 34,50 di antipasti, 59,00 di secondi, 12,00 di dessert, 3,00 di caffè = 135,50€ pari a 45 € a testa.

Pro: qualità, esecuzione, cordialità; Contro: tempistica, quantità (di alcune pietanze). Comunque, un indirizzo sicuro e un posto dove ritornare, anche se una limatura ad alcuni prezzi sarebbe benvenuta e lo renderebbe imbattibile.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.