Poche luci, molte ombre

Recensione di del 21/09/2013

Trattoria c'era una Volta ...

23 € Prezzo
6 Cucina
6 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 23 €

Recensione

Andiamo con amici a cena in questa trattoria di antiche origini almeno in una parte del nome che, completo, sarebbe "Trattoria c'era una volta...Mussa di ferro".
Il locale si sviluppa diritto in senso orizzontale, dall'entrata si spazia dal banco del bar a tutta la sala che ha la capacità di circa 40 coperti passati i quali si vede la cucina quasi completamente a vista.
Normalmente questo particolare è apprezzabile, un po' meno quando l'aspirazione in cucina funziona non benissimo con conseguente ampia diffusione di odori che probabilmente impregneranno abiti e capelli (problema sentito dalle signore preoccupate per il prosieguo della serata che sarà danzante).
L'ambiente, come descritto da altri mangioni, è una combinazione di mattoni a vista, finiture pastello che vogliono richiamare la vecchia osteria ristrutturata.

Il menù prevede, oltre alla carta, una combinazione fissa a base di funghi molto allettante che sarà la mia scelta e che comprende: funghi al forno con patate, ravioloni ai funghi con porcini e porcini impanati e fritti.
Le porzioni risultano al limite del giusto, non ci alzeremo dal tavolo con lo stomaco vuoto ma neanche eccesivamente pieno.
La cucina non è espressa, e questo si riflette pesantemente sui piatti che risulteranno tutti eccessivamente cotti e unti.
L'antipasto è composto da porcini quasi secchi che navigano nell'olio con patate, pomodorini ed erbe varie oltre al solito prezzemolo.
I ravioloni sono industriali con un ripieno gustoso (anche troppo) ma che impasta la bocca, conditi con pezzi di porcini di stagione, sugo molto unto.
Anche i porcini impanati e fritti risultano imbevuti d'olio (se li schiacci leggermente con la forchetta ne fuoriesce in quantità) al punto che li annaffio di limone per stemperare, cosa che non faccio mai per potermi gustare il sapore del prezioso miceto.
Anche la coppia che ordina alla carta non è particolarmente soddisfatta del brasato, giudicato senza lode nè infamia, e degli spiedini di calamaretti e gamberi buoni ma troppo cotti.
Fragole con gelato e caffè chiudono la serata.
In definitiva non abbiamo mangiato male, è il classico posto che consiglierei se trovandosi in zona si è alla ricerca di un pranzo veloce, ma non un posto memorabile.
Molto attenta l'unica cameriera che sarà sempre puntuale e cortese per tutta la serata.
Non mi pronuncio sul vino frizzante della casa.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.