Recensire un ristorante sulla base del cenone di C...

Recensione di del 31/12/2010

Albikokka

120 € Prezzo
8 Cucina
9 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 120 €

Recensione

Recensire un ristorante sulla base del cenone di Capodanno non è propriamente corretto, comunque, avendolo già provato in precedenza durante l'estate, penso di poter dare un giudizio equilibrato. Il locale recentemente ristrutturato è molto bello, ampie sale con vetrate direttamente sul mare, un terrazzo molto grande ideale per la bella stagione, un arredamento che privilegia il colore bianco, tavoli abbastanza distanziati con bei tovagliati doppi, candele, stoviglie di buona fattura, sedie in plexigrass comodissime. E' un locale versatile e a seconda delle occasioni, pareti mobili possono dividere gli ambienti; un elegante ed attrezzatissimo bancone bar può servire per aperitivi, per drinks dopo cena, e in alcune occasioni le sale sgomberate dai tavoli funzionano da discoteca. Comunque il colpo d'occhio è molto gradevole.
Abbiamo la fortuna di avere un tavolo su una pedana rialzata vicino alla
vetrata e quindi pur essendo la sala molto affollata riusciamo ad essere in una posizione privilegiata (si rivelerà utilissimo dopo il brindisi di mezzanotte quando tutti cominceranno a scatenarsi nelle danze!).
Il servizio gentile, ma certamente complicato dalla quantità dei tavoli ed un po' rallentato. Era consigliato presentarsi per le 20:30, e forse, avendo ritardato di un'ora per vari motivi, abbiamo mangiato il cotechino espresso poco prima di mezzanotte.
Questo il menu.

Gamberi all'Albikokka (pastellati, su cruditè di verdure, tortino funghi e gamberi): buona qualità di gamberi, tortino con sfoglia un po' unta.
Gnocchetti agli scampetti e pistilli di zafferano: gradevoli.
Raviolini alla pescatrice: la pasta un po' spessa, comunque buoni.
Aragosta rosa della Mauritania dorata al topinanbur: il locale è un lobster club, e come tale garantisce una qualità superiore per questo piatto; ottimo.
Cotechino e lenticchie: un assaggio portafortuna.
Mousse di arancia, buono ma troppo cremoso
Per un tavolo da sei, duebottiglie di Veuve Clicquot Ponsardin.
Per il brindisi pandoro e una bottiglia di Blanchette de Limoux (non troppo considerata dopo lo champagne).
Musica dal vivo, e finito il cenone musica da discoteca.
Una serata piacevole, un buon servizio d'ordine all'ingresso, una pulizia perfetta nei servizi igienici, e tutto sommato un servizio sufficiente anche al tavolo.
Da tenere presente non solo per mangiare, ma anche se si vuole allungare la serata.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.