Siamo a Genova, per trascorrere una domenica con n...

Recensione di del 09/12/2012

Al Rustichello

25 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €

Recensione

Siamo a Genova, per trascorrere una domenica con nostra figlia e il suo moroso.
Approfittiamo della belle giornata di sole, anche se freddina, per una passeggiata in centro: tutto è pronto per lo shopping natalizio, ma non c’è molta gente in giro. Troviamo folla solo al simpatico Mercatino di San Nicola in piazza Piccapietra, dove bighelloniamo a lungo tra gli stand.

Giunta l’ora di pranzare, rimaniamo in centro ed entriamo in questo locale che i ragazzi conoscono. Il posto è piccolino. Nella sala d’ingresso si trova un lungo e troneggiante bancone bar ed un paio di tavoli per due: le pareti sono di mattoni a vista, con mensole e ripiani colmi di bottiglie. Al fondo, scendendo alcuni scalini si accede a due salette accoglienti con una decina di tavoli in totale, apparecchiati con semplicità: copritavola a quadretti,tovaglie bianche, bicchieri da osteria.

Una simpatica cameriera ci porge i menù e ci elenca a voce i piatti del giorno non compresi nella lista: io scelgo un primo (chicche ai carciofi), mentre mia moglie e mia figlia scelgono di iniziare con due antipasti di mare caldi. Il ragazzo di mia figlia opta per la parte “non marinara” del menù: lardo di montagna!
Per proseguire, io prendo un trancio di spada in umido con olive e capperi, mia moglie e mia figlia due piatti di tagliolini con polpa di granchio, mentre chi ha iniziato con il lardo per coerenza non può che scegliere del cinghiale con polenta!
Tutti i piatti sono ben preparati ed appetitosi. I miei gnocchetti, sodi e non gommosi, legano perfettamente con il sugo ai carciofi. I tagliolini, cotti al punto giusto, sono perfettamente al dente anche dopo essere stati saltati in padella nella polpa di granchio. Buono lo spada, preparato alla siciliana. Il cinghiale è proposto come spezzatino, tenero e speziato come si deve, insieme ad una polenta morbidissima, quasi liquida: io la preferisco nella versione più solida, da affettare, ma naturalmente è questione di gusti.

Chiediamo infine i dessert. Prendiamo due tiramisù al caffè, una bavarese al thè verde profumata di basilico, un gelato di vaniglia con scorze d’arancia, sale e pepe rosa: tutti ottimi. I tiramisù, molto morbidi e cremosi, sono serviti al bicchiere; insoliti la bavarese ed il gelato, quest’ultimo in particolare (è il mio dessert) intriga per la combinazione di dolce-salato-piccante.

Con l’aggiunta di quattro caffè, due bottiglie di minerale e un litro di onesto vino in caraffa ci viene presentato un conto complessivo di 110,00 euro. Al momento di pagare, ci dilunghiamo in chiacchiere con il simpaticissimo titolare: finisce che beviamo una grappa e ci viene scontato il conto a 100,00 euro!
Gradevolissimo locale, servizio informale ma preciso, buona cucina e prezzi molto onesti a due passi da via XX settembre.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.