Su questa recensione è stata aperta una discussion...

Recensione di del 29/10/2007

Circolo del Bridge

35 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

Su questa recensione è stata aperta una discussione nel nostro forum: clicca QUI per leggerla e parteciparvi

Incuriosito dalla precedente recensione e agevolato dalla estrema vicinanza, decidiamo di festeggiare il compleanno della mia metà in questo luogo.

Come ci aspettavamo, entriamo dall’ingresso della Villa posto in via Tenconi con qualche dubbio visto che non vi è nulla a segnalare questo ristorante; all’interno attorno alla villa, nel piccolo parco, ci possono stare comodamente una trentina di auto, e sul campanello esterno un solo bottone con una minuscola dicitura (e anche poco illuminata) “Circolo di Gallarate”.

Come previsto il cameriere, un baldanzoso giovanotto, ci viene a prendere sulla porta della villa e ci conduce con l’ascensore al secondo piano.
La sala ristorante è davvero minuta, giusto lo spazio per 6 tavoli, una trentina di coperti. Con gli spazi giusti per ogni commensale, tanto di guardaroba esterno, tovagliato di porpora e sovratovaglia in bianco, doppi calici di ottima fattura per acqua e vino e ottima posateria. Inoltre tutti i piatti saranno con il logo “Circolo di Gallarate”.

In un angolo della sala fa mostra di sé su un tavolo la “lista dei vini”, una decina di differenti vini delle Colline Novaresi, e qualche “straniero” non della zona, che decidiamo di concederci (visto che conosciamo molto bene i restanti vini): ceneremo con un Aglianico Bali’aggio Basilicata Rosso Doc 2005 della Cantina di Venosa che verrà aperto sotto i nostri occhi e offerto in degustazione.

Su un altro tavolo invece fanno bella mostra di sé distillati e amari di notevole qualità e ottima scelta. Siamo soli, presto verremo affiancati da una tavolata di aficionados, il cameriere è premuroso e attentissimo a non farci mancare nulla; recita la lista dei piatti disponibili: decidiamo così di prendere una porzione di antipasti misti della casa e due secondi piatti.
Acqua frizzante San Pellegrino da 0,500 Lt. - il cestino del pane è abbastanza anonimo, presenti solo 5 fette di pane.

Gli antipasti misti sono davvero notevoli sia in quantità sia in qualità.
Un tagliere di salumi freschissimi con bresaola, coppa, pancetta e salame crudo a grana grossa, Lardo di Colonnata in abbinamento a noci e miele. Sarde con cipolle. Cotechino con lenticchie. Carpaccio con grana e carciofini freschi. Piadina calda a spicchi.
Rimaniamo completamente soddisfatti e quasi già sazi.

La scelta di saltare i primi piatti (disponibili delle Pappardelle agli stinchi che mi intrigavano assai…) è stata però corretta.

Dopo una piccola pausa si presentano i due filetti con contorno di patate arrosto. I piatti sono presentati divinamente, con le patate a raggiera intorno al filetto e un rametto di rosmarino e basilico a contorno di colore. Il filetto è alto almeno due dita, cotto alla perfezione e morbido come un burro… un piacere davvero. Un piatto semplice ma realizzato divinamente. L’alternativa erano secondi più della tradizione (Stinco di maiale, Fegato con cipolla, Trippa – Buseca, ecc.).

Saltiamo anche i dolci (non ce li gusteremmo, nonostante ci abbiano detto che era appena stato preparato il Tiramisù) e ci gustiamo 2 caffè e 2 amari Averna (porzione ricca di amaro).

Che dire? Il luogo è molto carino, tranquillo, pulito e ti mette a proprio agio, il servizio perfetto (più volte il cameriere è venuto a sincerarsi che tutto fosse ok e anche la cuoca ha fatto visita alla sala pranzo), il cibo di qualità e non povero nelle porzioni.
Ma una sorta di “insoddisfazione” ci rimane: non trovandoci in una trattoria di passaggio, magari una di quelle a prezzo fisso, ci ha molto infastidito il non poter avere un menu; la recita del cameriere è dovuta essere ripetuta più volte e senza conoscere i prezzi del servito.

Anche la “lista dei vini” a vista è poco funzionale: i prezzi non sono espressi e alla mia domanda il cameriere risponde “sono tutti fra i 10 e i 15 euro”, ma dubito che il Barolo ed il Barbaresco lì presenti potessero essere inclusi in questo range di prezzi.
E così alla fine ci troviamo nel conto due antipasti misti (quando ne volevamo e ne abbiamo ordinato uno per entrambi, che sarebbe stato sufficiente) e addirittura due bottiglie di acqua (quando ne abbiamo consumata una sola)…

Leggendo la precedente recensione e non avendo potuto vedere nessun prezzo, non riusciamo a capire come consumando due dolci in meno abbiamo pagato 20 euro in più.
Nota positiva: non si paga il coperto.

Nel dettaglio il conto:
2 Antipasti misti: 20,00 Euro – 2 Filetti con contorno: 34,00 Euro – 2 Acqua: 3,00 Euro – 1 Bottiglia Vino Rosso 0,750 Lt.: 12,00 Euro – 2 Caffè: 2,00 Euro – 2 Amari: 6,00 Euro.
Gli amari ci verranno offerti, pagando così 70 Euro cifra tonda.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.