Le storie infinite rimangono nel cuore (e nello st...

Recensione di del 14/12/2011

Il Latini

25 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €

Recensione

Le storie infinite rimangono nel cuore (e nello stomaco) per sempre e, come nel film omonimo imperniato sul regno di Fantàsia, cerchi di rifugiarti nei Valori per fuggire dal Nulla.
Arrivi a Firenze e subito pensi al Latini e alla sua lunghissima tradizione di ristoratori, tutta la giornata viene imperniata su questo rigoroso appuntamento gastronomico. Sarà la quindicesima o ventesima volta come minimo che pranzo qui, ma ogni volta è un turbinio di emozioni e piaceri: una deliziosa consuetudine che ti fa perdere leggermente di vista la imparzialità dei giudizi e su cui chiedo di essere perdonato.

Inutile prenotare, occorre arrivare presto (o molto tardi) per avere la certezza di un tavolo: varchiamo la porta d'ingresso alle 12:15 e già parecchi turisti misti a fiorentini veraci hanno preso d’assalto le sale.
Il fiasco di Chianti della casa è già sul tavolo pronto e stappato, come il fantastico olio extravergine d’oliva da provare subito sul pane per aprire lo stomaco. Il film sta partendo!
Veloce come sempre il personale di servizio e con la giusta simpatia fiorentina che non eccede nell’invadenza.

Nessun dubbio su come aprire le danze, i crostoni di pane con i fegatini ci aspettano: da sempre li ritengo i migliori di tutta Firenze e anche stavolta non tradiscono le attese. Li mangi con le mani, ti ungi le dita, sbricioli dappertutto, ma sono sempre loro.
Proseguiamo il nostro percorso saltando il primo, il tempo stringe un po’ e ci sono ancora molto acquisti da fare. A malincuore saltiamo la “solita” enorme fiorentina, perchè ci siamo ripromessi di provare anche qualche altra specialità.
Optiamo per le salsicce con i fagioli. Il piatto è degno di una menzione sulle guide ristoranti: forti e selvaggi sapori di carne e legumi armonizzati in piena sintonia. Immancabile la scarpetta finale con il pane, l’ambiente amichevole lo consente.
E non possiamo mancare neppure all’appuntamento con il Vinsanto e i cantuccini: quest’ultimi, pur molto buoni, li trovo un po’ più morbidi rispetto alla media.

Solito rito per il conto: cameriere a fianco del boss che “inventa“ un totale sempre arrotondato e calcolato forse in base alla simpatie. Guarda caso, sono 50 euro tondi tondi, come sempre, 25 euro a testa. Unico piccolo neo: il pasto un po’ pesante (ma ce la siamo cercata noi) ha richiesto alcune ore per la digestione, rallentando di parecchio il proseguimento della giornata.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.