Trovandoci per una sera a Firenze decidiamo, io e ...

Recensione di del 01/11/2010

Da i' Coco Filippo

54 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 54 €

Recensione

Trovandoci per una sera a Firenze decidiamo, io e la mia fedele compagna dopo aver consultato il sito, di assaggiare l'ottima fiorentina di I'Coco Filippo.
Riserviamo nel tardo pomeriggio e riusciamo comunque a trovare posto; arriviamo e veniamo fatti accomodare in una delle sale inferiori. L'ambiente è molto rustico, ai muri fucili, trofei di caccia e quadri raffiguranti scene di caccia. La tavola è apparecchiata semplicemente con delle tovagliette di carta, posate in acciaio e bicchieri da taverna. Ci viene portato il menu (scritto su un foglio simile alle tovaglie) e la carta dei vini. L'offerta si basa esclusivamente sulla carne in quanto non è previsto alcun piatto di pesce, come bonus era disponibile anche dell'ottimo tartufo.
La carta dei vini è molto ben fornita, sia come copertura del territorio (nazionale e internazionale) che come profondità di annate, simpatica l'idea del giudizio personale dello chef/patron per ogni vino. Da questa scegliamo un Prelato di Massanera (Sangiovese in purezza, con un gusto molto caldo e pieno) che si rivelerà perfetto per la cena.

Ci viene portato un cestino di normale pane bianco, insieme alla naturale e al vino. Subito a seguire un appetizer composto da crostini con fegatini di pollo.
Decidiamo di saltare l'antipasto e optiamo per la vera rbollita di Firenze e dei sedanini alla vigliacca per me.
La ribollita per la mia lei era molto abbondante e (a sua detta) molto soddisfacente, purtroppo non avendo esperienze precedenti di questo piatto non abbiamo termini di paragone. I sedanini erano conditi con un ragù bianco di salsiccia e pancetta e abbondante peperoncino; anche qui porzioni molto abbondanti, sapore estremamente deciso.

Per secondo passiamo al coniglio in fricassea e non potevo esimermi all'ordinare una fiorentina accompagnata dai classici fagioli all'uccelletto (anche se altri piatti come trippa alla fiorentina e le slsicce e fagioli all'uccelletto mi attiravano lo stesso).
Il coniglio in fricassea è preparato secondo un'antica ricetta fiorentina, troveremo una porzione più che abbondante e la carne risulterà morbida e succosa. Il punto forte è però la fiorentina da 850 grammi che mi viene servita su un tagliere di legno. Carne ovviamente al sangue e giustamente non tanto tenera. Cottura perfetta, gusto fenomenale. Purtroppo le porzioni non mi hanno permesso di assaggiare neanche un po' dei fagioli ordinati.

Saltiamo anche i dessert, in quanto eravamo a rischio indigestione, e concludiamo con due caffè e due grappe barricate.
In conclusione, servizio molto informale, ambiente particolare e amichevole (abbiamo conosciuto una simpatica coppia di fiorentini del tavolo a fianco, con la quale ci siamo anche divisi il vino) e comunque il ristorante era pieno, a riprova dell'apprezzamento della cucina, che abbiamo trovato semplice ma buona con gusti molto decisi, porzioni abbondanti e carne fantastica. La nomea del ristorante per quanto riguarda la fiorentina calza a pennello.
Veniamo al conto che ammonta ad un totale di 107 euro così suddivisi: coperti (ancora con questi coperti?) 2 euro, vino 28 euro, acqua naturale 2 euro,
i primi piatti 14 euro, il coniglio 13 euro e la fiorentina 32 euro, i fagioli 4 euro, caffè e grappe 12 euro.
Se dovessi capitare a Firenze nuovamente, sicuramente si meriterebbe un'altra visita.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.