Cercavo una risotteria in provincia di Vercelli e ...

Recensione di del 21/01/2012

Oryza

23 € Prezzo
10 Cucina
9 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 23 €

Recensione

Cercavo una risotteria in provincia di Vercelli e credo di aver centrato in pieno l'obbiettivo. Devo dire che prima di prenotare ho controllato su queste pagine se c'erano recensioni sul posto e mi sono fidata dei giudizi positivi.
Eccoci dunque a Desana, un piccolo Comune del vercellese che vanta trascorsi storici di cui ancora oggi c'è traccia in antichi palazzi e tenute.
Il ristorante Oryza sorge appunto nei pressi della Tenuta dell'Azienda Agricola Castello, ma si trova in centro paese con un ampio parcheggio antistante.

E' una giornata piovosa e la temperatura gelida ci fa subito cercare riparo all'interno del locale dove avevamo prenotato per tre.
Puntuali veniamo fatti accomodare e ci viene illustrato il menù.
Subito optiamo per una caraffa di acqua naturale e mezzo litro di Barbera della casa (davvero ottimo).
Sul tavolo preparato in modo semplice, con tovaglietta di carta paglia, c'è un cestino con grissini, pane e pezzi di focaccia al finocchio.
Attorno a noi altri tre tavoli occupati di cui uno con un comitiva che sta già degustando piatti di panissa, il tipico risotto della zona. Dal lunedì al venerdì, tra l'altro, il menù pranzo è a 12 €.
Indecisi se scegliere il menù degustazione (piatto piccolo di antipasti a buffet, due assaggi di riso - uguali per tutto il tavolo - e dolce), preferiamo ognuno scegliere il proprio riso e quindi ordiniamo tre antipasti piccoli a buffet, un risotto alle tome d'alpeggio, un risotto caprino e rucola, un risotto pomodoro e provola affumicata.

Mentre i primi piatti vengono preparati sul momento, noi ci dedichiamo al buffet di antipasti davvero ricco. Noi abbiamo scelto il piatto piccolo, ma è già abbastanza capiente, si poteva altrimenti optare per quello grande: 7,50 € il primo, 9,50 € il grande.
La scelta spazia tra insalate di riso e cereali, un ottimo cous cous con verdure e tonno, melanzane sott'olio, due formaggi abbinabili a miele e marmellata, due torte salate (a mio avviso, queste sarebbero state più buone se tiepide), una crema di ceci e una di caprino e aglio davvero buone, finocchi stufati e sicuramente almeno un altro piatto che non ricordo. Abbiamo saltato i taglieri di salame e pancetta ma avevano un ottimo aspetto.
Man mano che terminiamo il cameriere ci porta via il piatto, abbiamo di che chiacchierare e il tempo d'attesa dopo l'antipasto ci sembra anche breve.

Arrivano i tre risotti fumanti, porzioni più che giuste e gusto davvero equilibrato per tutte e tre le scelte. Sono molto soddisfatta del mio riso alle tome d'alpeggio, ha una spolverata di pepe che lo rende speciale. Assaggio anche gli altri due e tra questi preferisco quello con pomodoro e provola affumicata. Si poteva scegliere tra almeno dodici tipi di riso che come prezzo vanno dai 7 € ai 9,50 € ma anche tre-quattro paste, questa però è la patria del riso.

Sulla lavagna appesa al muro si può leggere il menù del giorno: un risotto particolare che non ricordo, lo stinco al forno, un altro secondo, patate al forno. Noi decidiamo di saltare il secondo perchè vogliamo lasciare spazio per il dolce. Un ristorante che predilige tutta la cultura del riso non poteva lasciarsi sfuggire di preparare dolci a base di riso.
Noi scegliamo un budino di riso al cioccolato (davvero buono), salame di cioccolato e una torta cioccolato e pere, da 3,50 € a 4,50 €. Ottimi e serviti con un biscottino di farina di mais. Chiudiamo con tre caffè.

Noi siamo rimasti davvero soddisfatti, il servizio è stato gentile, puntuale, discreto, disponibile (pazienti con noi che alle 14:30 eravamo ancora seduti al tavolo). Mentre eravamo alla cassa a pagare qualche cliente stava telefonando per prenotare con la Smartbox, vuol quindi dire che l'iniziativa ha il suo discreto successo, il locale è accogliente e me lo segno anche per serate "a due".
Dopo la prima saletta con cinque-sei tavoli, si accede a una sala un po' più grande con altri tavolini e da qui ai servizi (puliti, nulla da dire, anzi aggiungo che fa aria di casa il cesto con spazzola e borotalco vicino al lavandino) e all'ultimo piccolo locale dove si possono vedere i prodotti della Tenuta Agricola in vendita. A farla da padrone il riso, neanche il caso di dirlo.
Come qualcuno aveva già scritto, da notare il bancone all'ingresso decorato con tanti chicchi di riso e i libri sulle bellezze della zona aperti, a consultazione dei clienti.

Noi eravamo in tre e per tre antipasti a buffet piatto piccolo, tre risotti, tre dolci, tre caffé, una caraffa d'acqua e mezzo litro di Barbera della casa abbiamo speso in tutto 68 €, neanche 23 euro a testa per un ottimo locale.
Nota positiva: qui accettano animali di piccola taglia, e mi pare una bella cosa. Sul sito si possono trovare le promozioni del periodo, le "serate riso" particolari, le offerte per eventi e in abbinamento al bed&breakfast della tenuta.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.