Su indicazione di diversi mangioni proviamo a pran...

Recensione di del 26/09/2005

Da Orlando

60 € Prezzo
9 Cucina
8 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 60 €

Recensione

Su indicazione di diversi mangioni proviamo a pranzare in questa alternativa stellata ad un altro ristorante, più cliccato, di Cusago.
Il parcheggio è piuttosto agevole, il locale è ricavato nella struttura di un’antica trattoria di paese, di cui all’interno si può ammirare una fotografia storica. L’ambiente non è niente di eccezionale, ma molto ordinato e con un uso intelligente degli spazi. È un lunedì e i pranzi di lavoro sembrano essere l’elemento maggiormente contributivo all’incasso del ristorante.

La cosa che mi ha subito colpito ed entusiasmato aprendo il menu è che questo viene stampato quotidianamente, infatti in cima alla lista delle vivande compare la scritta “26 Settembre 2005”. Davvero notevole e non da tutti, bravi!
Ecco quindi le nostre golose scelte:

“Mousse di culatello e mascarpone ai pistacchi su insalatina di pere e grana all’aceto balsamico”
Ottimo piatto, tutto da scoprire e gustare con curiosità. Vince nettamente il confronto con la simile “sifonatura” della mortadella provata alla Francescana di Modena. (9)

“Pasta e fagioli alla veneta”
Tutta la tradizione regionale delle origini della gestione in questo piatto di consistenza e profumo davvero appaganti. (9,5)

“Calamaro ripieno all’astice, rombo e zucchine novelle”
“Dovevamo” provare questo piatto, prima di buttarci sui funghi ci siamo fatti spartire la grossa porzione in tre (è questo il numero di commensali al nostro tavolo) significativi assaggi. Da evidenziare la gentilezza e l’abilità nel servizio che prima ci vede ammirare il piatto nella sua integrità e poi, dopo un breve ritorno in cucina, ce lo ripresenta con altrettanto effetto coreografico nella sua non certo facile scomposizione. (9)

“Padellata di funghi porcini e patate alla foglia di vite”
Su una grande foglia di vite che ricopre il piatto viene adagiato questo letto ciottoloso croccante, per la nostra completa e meditata soddisfazione gustativa. Materia di qualità. (9)

“Semifreddo agli amaretti con cioccolata calda”
Finalmente un semifreddo servito alla giusta temperatura, il piacere del boccone supera per una volta la fatica di procacciarselo. (7,5)

Beviamo una bottiglia di Tocai rosso, paghiamo 180 euro in tre.
Volendo fare una costruttiva comparazione logistica, a pari merito di una visita ciascuno dico che vince decisamente “Da Orlando” su “La Corte”, comunque entrambi meritano la nostra attenzione per successivi approfondimenti.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.