Ottimo Bistrot, ricercato ma non caro

Recensione di del 20/06/2013

Brindo by Orlando

44 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 44 €

Recensione

Veloce pranzo di lavoro con cliente buongustaio da organizzare in zona ovest e vado a cercare qualcosa di nuovo saltando fra i miei preferiti de “ilmangione.it” e la sua geolocalizzazione (sperando che venga ripristinata la visualizzazione della distanza come nella vecchia interfaccia) e da un puntatore fissato su “Orlando” si passa velocemente e comprensibilmente ad un “Brindo by Orlando”, il suo Bistrot. Recensioni buone, double check sul sito del locale non possibile perchè questo non riporta nulla oltre i riferimenti per prenotare, chiamata il giorno prima per bloccare il posto che trova una interfaccia molto gentile e che ben predispone.

Viettina carina da porzione vecchia del paesotto dell'hinterland ancora ben conservata, porta di ingresso che praticamente non si nota se non quando ci si è proprio davanti, una casa dai muri gialli, delle finestre con le originali vecchie inferriate, una porta contornata di sasso, un portacenere smilzo e stilish in alluminio, una targa in plexigas con il nome del ristorante, nel complesso una positiva sensazione di eleganza e sobrietà.
Prima sala con il bancone e la cassa, una tenda sulla destra che porta forse alla cucina forse ad una altra sala da cui si affaccia il cameriere che controlla le nostre prenotazioni e ci accompagna al tavolo nella sala sulla destra.
Sala con le pareti gialle che danno una sensazione di luminosità, nessun orpello a rovinare il senso di equilibrio dell'arredamento, bellissimo soffitto originale in legno dipinto di marrone scuro per accentuare il contrasto con il giallo delle pareti.
Tavoli eleganti, non molto spaziati, con le gambe quadrate in alluminio satinato e piano in legno impiallicciato scuro, una tovaglietta in gomma dai colori forti, tovagliolo giallo fortunatamente in cotone, posate in acciaio stilizzate, calice del vino e bicchiere dell'acqua e due piattini per il pane.

Menu in una custodia in legno, stampato su una pagina con la lista dei vini nella seconda, impostazione molto originale, capitoli con tre proposte suddivise fra “I classici” (che sono più in realtà antipasti freddi), “paste e zuppe”, “Le tartare” (sia pesce che carne), “i crudi di pesce, “i caldi” (anche qui sia carne che pesce) e per finire “i dolci”. Proposte fantasiose ma ben abbinate e senza fughe in avanti anche grazie ad un certo ancoraggio alla tradizione, prezzi dei piatti fissati per categoria a 10 o 15 euro. Carta dei vini limitata ma ben costruita con ricarichi interessanti e focus su bottiglie non impegnative dal punto di vista economico con possibilità di avere una discreta scelta al bicchiere.

Ci scegliamo una bottiglia intera con l'obiettivo di portarci a casa quello che avanza, forse poco elegante ma sicuramente permette di scegliere quel che si vuole senza lo spreco di buttare via quello che non si beve, e ci orientiamo su un Dolcetto di Dogliani San Luigi di Pecchenino. Vino interessante, fruttato al naso, morbido ed avvolgente, ne siamo pienamente soddisfatti.

Si comincia con i classici, uno a testa.
Terrina al formaggio di capra e verdure grigliate. Presentazione ben fatta. Piatto rettangolare in vetro lavorato con temi che richiamano l'intreccio di un cestino su cui poggia un tortino chiaro in cui si intravvedono i pezzettini di verdura e condito con un velo di olio. Gusto molto fresco, lievemente dolce la capra in contrasto con le verdure, nel complesso ben equilibrato.

Insalata di petto d'anatra al profumo di agrumi con mele e nocciole tostate. Piatto freddo, abbondante, che vede uno strato di insalatina coperto da un petto d'anatra dai colori rosati e spolverato di mele tagliate alla julienne e pezzi di nocciola. Carne morbida e per niente asciutta, il sapore dell'anatra è ingentilito dagli agrumi e da un ottimo contrasto con il dolce della mela con la nocciola che fa da ottimo collante.

Filetto di maiale iberico bellota cotto a bassa temperatura su salsa tonnata all'antica e tortino di zucca. Prima di tutto la ricerca con Google mi ha spiegato che Bellota non è la razza ma indica la tipica alimentazione a base di ghiande (o bellote) che conferisce alla carne un sapore più dolce ed intenso. Sul piatto il filetto arriva già tagliato in sei fettine, ha un colore marroncino uniforme, è adagiato su un poco di salsa tonnata ed accompagnato dal tortino arancione. Carne molto saporita ed estremamente tenera, non c'è che dire, troppo asciutta però se mangiata da sola. Dobbiamo perciò mangiarla o assieme al tortino o assieme alla salsa tonnata e di questa purtroppo ve ne è proprio poca. Tortino dal buon sapore, salsa tonnata sicuramente buona ma troppo liquida e con una eccessiva predominanza dell'acciuga per poter essere classificata come vera “tonnata all'antica”.

Bavarese alla yogurt su zuppetta di fragole. Una fondina ellittica che contiene la cupola di bavarese circondata da una buona dose di fragole a pezzettini annegate in una salsa densa. Molto fresca, vaporosa al palato, rinfrescante e con un ottimo contrasto dolce ed acido

Tortino di pesche ed amaretti. Viene servito su un piatto dalla forma distorta, un tortino in cui una fetta è già stata staccata e posata sul dorso, dove risultano evidenti i pezzi di pesca. Assaggio prevenuto perchè mi aspetto di trovarlo un po' asciutto ed invece lo trovo molto morbido, con una giusta umidità che gratifica il palato. Pesca ed amaretto si fondono perfettamente e il risultato è decisamente da lodare.

Un buon caffè alla fine ed il conto, un ennesimo sorriso mentre ci prestano un tappo per chiudere la nostra bottiglia per completare un buon pranzo in cui sino ad adesso mi sono dimenticato di citare l'estrema cordialità e professionalità con cui siamo stai serviti. Prezzi buoni per Milano, ci tornerò sicuramente molto presto.

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.