L'hotel La Perla di Corvara in Val Badia,oltre all...

Recensione di del 03/02/2008

La Stüa de Michil - Hotel La Perla

65 € Prezzo
10 Cucina
10 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 65 €

Recensione

L'hotel La Perla di Corvara in Val Badia,oltre alla notissima "Stua di Michil", propone ottimi piatti anche a mezzogiorno nell'altro ristorante situato al piano terra dell'hotel stesso. Questo ristorante è accessibile non solo agli ospiti dell'Hotel, ma anche agli sciatori che desiderano fare una piacevolissima sosta tra una discesa e l'altra: a condizione che dopo pranzo si riduca la velocità...
Vedendo le votazioni da me attribuite, si può facilmente dedurre che sono sempre stato soddisfatissimo sia in passato che in occasione di questo pranzo.

Entrando nei dettagli: come primo piatto ho scelto una crema di cavolo-rapa con polpettine di foie gras; questo piatto è stato preceduto da un "saluto dalla cucina" che consisteva in una guancetta di manzo su una insalatina; successivamente ho preso dei ravioli di radicchio con una fonduta di taleggio, con tartufo nero e noci.

In considerazione del previsto rientro in Val Gardena ero deciso a concludere senza il dessert. La mia sicurezza si è incrinata istantaneamente dopo aver letto le proposte dolci; ed ho scelto una tartare di melone e tartufo, cialde di mela con mousse di cioccolato. Tutti piatti buonissimi.

Vino: la carta è veramente notevole. Con prezzi che spaziano da valori abbordabili a valori stellari adatti ai vari personaggi dello spettacolo e dello sport, nonchè ai sempre più numerosi "ranzani replica" che da qualche anno hanno invaso questa stupenda valle.
Questa caratteristica mi permette,rimanendo sulla fascia bassa, di assaggiare comunque vini non comuni; in particolare questa volta ho assaggiato un Riesling Austriaco, Smaragd il nome, del 1990. Il prezzo, 20 euro, è legato al fatto che, come spiegatomi dal sommelier, si trattava di un Riesling "normale"; che comunque è stato di mio gradimento: devo dire che è la prima volta che mi capita di assaggiare un bianco invecchiato 17 anni.

Segnalo inoltre con grande piacere che il coperto non esiste; il caffè servito con accompagnamento di panna montata e tre/quattro biscotti costa 1,50 euro; ho scoperto solo questa volta che si può avere l'acqua, buonissima, dell'acquedotto di Corvara in caraffa al prezzo di 0 euro.

In sintesi ho speso, togliendo il filetto, la Coca Cola e il gelato di mio figlio, 65,50 euro; quindi 45,50 il cibo e 20 euro il vino.
Tutto questo mi porta a considerare il rapporto prezzo/qualità buono.

P.S. Vorrei segnalare anche un piatto preso il giorno prima quando ho fatto una sosta molto più veloce: filetti di pesce su crema di zucca e frutto della passione con insalatina di cetrioli e ravanelli: semplicemente commoventi.
Infine devo concordare con il commento di un cameriere, che si lamentava dell'eccessiva fretta degli avventori. Forse la soluzione migliore è quella di sciare fino alle 13.45; sedersi a tavola, mangiare tranquillamente e magari farsi venire a prendere mettendo gli sci non ai piedi ma sul porta-sci.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.