Arriviamo in questo locale, già conosciuto in altr...

Recensione di del 10/11/2007

Antica Osteria Lungoladda

32 € Prezzo
6 Cucina
6 Ambiente
5 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 32 €

Recensione

Arriviamo in questo locale, già conosciuto in altre occasioni, nella sera di Sabato senza avere prenotato. Troviamo comunque posto e non c'è da stupirsi: è un po' tardi rispetto al consueto (21:45); i tavoli sono parecchi e accalcati, nonostante il ristorante disponga ancora di una sala che però è misteriosamente chiusa; il servizio è rapido, del tipo mangia-paga-vattene. Tutto ciò contrasta fortemente con la nostra esperienza precedente, quando ci eravamo sentiti accolti, incontrando un ambiente caloroso e rustico.
In ogni caso, ci troviamo (come in passato) nel bel mezzo della Rassegna Gastronomica del Lodigiano.

Come antipasti, vengono serviti:
un tris di salame al tagliere, presentato come fettine striminzite appoggiate su di un tagliere che presto ci è stato tolto; mentre in passato ci avevano servito mezzo salame con tagliere e coltello, ancora da affettare; cosa decisamente più consona al tono del locale effettivamente rustico;
Polpettine della nonna: chiaramente una scelta di recupero più adatte ad un aperitivo al bar che ad una rassegna gastronomica;
Ovaline di polenta lodigiana al gorgonzola; si tratta di medaglioni di polenta modellati a mo' di tartina lievemete pennellati di gorgonzola, già rappreso e freddo;
Pipetto rosso di patate con bondiola; non ho capito se in questo pipetto vi fosse la verza oppure solo patate (considerato il gusto prevalentemente patatoso). Se non ci fossero verze, proporrei quanto meno di non chiamarlo pipetto. Mi astengo da una valutazione, dacché per noi non era pipetto. Criticabile, comunque, la scelta di presentare la bondiola spappolata sopra il pipetto, anziché tagliata a fette di fianco a questo;
Trippa lodigiana alle verdure; grazie al cielo la servono abbastanza calda e devo dire che era buona, genuina.

Come primi piatti:
Risotto carnaroli al pannerone, provolone e raspadura: un risotto con ogni probabilità rinvenuto (a meno che non sia stato fatto proprio male). Insapore, nonostante la provola, poco cremoso (nonostante il pannerone); non so se addirittura privo di soffritto, oppure se fatto rinvenire con l'acqua riuscendo a trar fuori dal carnaroli persino il sapore dell'amido; appariva stracotto sia nella consistenza che nel sapore.
Ravioli di carne al burro fuso con salvia: la pasta era quella dei ravioli già pronti, piuttosto dura e salata. Comunque, meglio del risotto (anche se non ci vuole molto).

I secondi:
Coniglio alla cacciatora con polenta mantecata: buono, rustico e contemporaneamente delicato. Polenta gradevole, ma certamente non preparata al momento.
Reale di vitello cremoso con patate: anche questo buono, decisamente più goloso.

Dessert:
Semifreddo meringato con cioccolata calda; anche questo buono e soffice. Cremoso, ma non troppo dolce.

Come bevande abbiamo preso acqua minerale e il vino proposto dalla rassegna, cioè un San Colombano rosso fermo della Azienda vinicola Nettare dei Santi. Si sa che i Santi fanno grandi rinunce, ma in attesa di una mia santificazione vorrei bere un buon vino la cui bottiglia, per altro, non ci è stata aperta al tavolo.

Sul tavolo imbandito troviamo anche un cestino di sfoglia di formaggio al cui interno c'era la raspadura, molto gustosa.
Questa è l'unica nota positiva della presentazione. Per il resto, le portate erano servite in modo ammassato e poco curato. Il centrotavola era rotto, ridotto in uno stato pietoso.

Il servizio è stato piuttosto scadente, dato anche l'affollamento del locale: i tavoli troppo ammassati davano qualche fatica anche alle cameriere. C'era una eccessiva velocità nel raccogliere i piatti e sparecchiare: una pausa durante la cena poteva essere intepretata come "è ora di sparecchiare".
Se si vuole proporre un locale con atmosfera rustica e familiare, non basta fare delle scelte di arredo a tema. Occorre che la gestione degli spazi e il servizio siano consoni.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.