La serata inizia alle 18.30, una telefonata lampo ...

Recensione di del 12/05/2009

D'O

70 € Prezzo
10 Cucina
10 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 70 €

Recensione

La serata inizia alle 18.30, una telefonata lampo mi dà il via all'operazione Oldani: un tavolo libero per due c'è. "E ci raccomandiamo la puntualità, per le venti... venti e quindici...".

Parcheggio, facile, alle otto e tredici ed arriviamo in questo locale a cui da fuori, sulla strada principale di S. Pietro all'Olmo frazione di Cornaredo, non daresti 5 centesimi.
Dentro invece, è tutt'altra musica: ambiente curatissimo fino nei minimi particolari, non eccessivamente grande ma con i tavoli correttamente distanziati, stoviglie personalizzate e dal design particolare (calici sghembi, fondine a zuppiera, forchetta cucchiaiata).

Le ordinazioni viene a prenderle direttamente il padrone di casa, il quale ci dà il benvenuto riconoscendo una nuova coppia di avventori. Oldani è prodigo di consigli e di spiegazioni sulle preparazioni e si attarda volentieri al nostro tavolo (per il resto devo dire che in sala si è visto molto raramente).

Di antipasto abbiamo preso la cipolla caramellata al doppio parmigiano, eh sì! non potevamo non assaggiarla. E non ha tradito le attese, sapida e dolce, caldo e freddo, croccante e mobido continuano a danzare e ad alternarsi al palato. Davvero ottima.

Come primo la scelta è invece caduta su degli gnocchi di patate arrostiti con le erbe aromatiche e pera per mia moglie e ravioli al cacao ripieni di patata conditi con cozze e cicerchie per me. Entrambi i piatti azzeccattissimi come gusto e piacevolezza della consistenza.

Per i secondi, sia mia moglie che io abbiamo optato per un navarin di agnello. Si tratta di un muscolo stracotto e insaporito da un insieme di verdure e prugne allo spirito. il risultato è una preparazione morbidissima, dal gusto di agnello e dai profumi generosi con un intingolo in cui prevale il sapore dolce della prugna leggermente caramellata.

Per tutta la cena ci ha accompagnato un pinot nero di Hofstaetter dell'Alto Adige, profumato e morbido, non troppo vinoso.

Come dessert, infine, ci siamo dedicati ad una cassatina di squaquerone con pistacchi e una macedonia con gelato al tè verde. Davvero molto buoni, forse un po' troppo impegnativa la cassatina. In questo caso ci è stato servito un generosissimo calice di malvasia di Pantelleria.

Per tutta la durata della cena il servizio è stato ineccepibile, il personale preciso e disponibile a dare spiegazioni su tutte le portate, compreso il pane: un impasto di varie farine di cinque cerali.

Al termine abbiamo avuto modo di intrattenerci con Oldani e commentare non solo la squisitezza delle preparazioni ma anche, partendo dall'osservazione sulla proponibilità a tutti delle sue scelte (ad esempio ai bambini), su come il gusto del cibo sia innanzitutto un'educazione, una scoperta e un non arrendersi alla banalità. In una parola: un incontro.

Due ore passate in piacevolezze, coccole e gusto. Il conto finale non è stato sproporzionato: 140 euro decisamente ben spesi.

Altre recensioni per "D'O"

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.