Ho voluto riprovare questo tanto lodato ristorante...

Recensione di del 14/10/2006

D'O

77 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 77 €

Recensione

Ho voluto riprovare questo tanto lodato ristorante dopo esserci già stato (21/05/2005 in 4 persone, conto di € 273,50 di cui € 136 di vino).

Se la volta precedente avevo dato un giudizio decisamente buono, purtroppo questa volta mi sono dovuto ricredere. A parte la cortesia del proprietario e un servizio al tavolo di routine (ma ad esempio i vini abbiamo dovuto sempre versarli noi), per quanto riguarda il cibo ho avuto una profonda delusione.

Avevo invitato quattro persone enfatizzando la cucina e invece ho dovuto constatare nella maggioranza dei piatti l'assoluto insapore.
Sono perfettamente d'accordo con il giudizio di "vecchia" e siamo sicuramente obiettivi.
In 5 abbiamo preso 17 diverse ricette, di cui 4 molto buone, altre 4 abbastanza buone e le altre 9 del tutto da dimenticare, non tanto per l'accostamento degli ingredienti (sempre interessante) quanto per l'assoluta insipidezza.

Molto buoni: cipolla caramellata, coscia d'anatra alla marengo con gambero a vapore, mousse di cioccolato e…, tortino con ananas e…
Buoni: zuppa di castagne con pane, lardo, capesante (2 di numero) su crema di cavolfiore – questo piatto non era in lista e ci è stato proposto dallo chef, ne abbiamo ordinato tre porzioni il cui prezzo però (€ 13.50 cadauna nel conto) mi è senza dubbio parso eccessivo -, canederli con pasta di patate e polpa di mela, trancio di trippa con scorzonera e salsa agrodolce
Da dimenticare: semola fritta con pesce azzurro, mandorla con uova di seppia (€ 15),

Abbiamo preso anche tre porzioni di formaggi (4 pezzi) il cui sapore invece era molto forte.
Altri piatti decisamente anonimi (per il sapore): qualcosa col salame, riso mantecato con uva sbucciata, scialatielli con pancetta di pesce, carpaccio di verdura grigliata e testina di vitello, melagrana, agrumi e cacao e riso Carnaroli, budino di caffelatte con gelato al cocco.

Per i vini, su consiglio del sommelier, abbiamo preso Franciacorta Saten di Contadi Castaldi (2 bottiglie a € 28 cadauna) e Nero d’Avola Sedàra di Donnafugata, vendemmia 2004 (€ 15).
Per il dolce 1 solo calice di Vin Santo trentino dell'Azienda Agricola Pisoni (€ 12)(ottimo)(la bottiglietta da 0,375 a € 42)

Ho avuto l'impressione (del tutto personale) che lo chef Davide Oldani voglia cambiare spesso i suoi piatti senza approfondire particolarmente, testandoli prima con più persone in cucina, il sapore dei medesimi. Voglia cioè più stupire per gli abbinamenti e la leggerezza delle composizioni che non per il gusto (che ogni tanto è indovinato e diverse altre volte proprio no).

Abbiamo speso quindi in cinque persone € 387.
Molto rumorosa anche la sala (3 tavoli per 4, 5, 6 persone)

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.