Sto leggendo adesso il sito (http://www.ristorante...

Recensione di del 07/06/2005

Postale

55 € Prezzo
9 Cucina
10 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 55 €

Recensione

Sto leggendo adesso il sito (http://www.ristoranteilpostale.it/index.htm) e il "curriculum" su esso di Marco Bistarelli... aaahhh è stata la mia reazione spontanea al leggere che inizia con Cammerucci alla Grotta di Brisighella, ahh quanti ricordi! Iniziavo l'università, sapevo molto poco di ristoranti ma ci andavo spesso perché mi piaceva molto. All'epoca non sapevo nemmeno il nome dello chef.

Nei dintorni di Perugia alle 12.15 decidiamo che, se il postale a Città di Castello fosse aperto, sarebbe stata una meravigliosa idea per pranzo. Non fanno una piega per la prenotazione all'ultimo minuto, e, fortunatamente scopriamo che il locale non è in centro. Quindi nessun problema di macchina e parcheggi. L'esterno del locale è bellissimo, e parecchio originale, non descrivo molto perché preferisco non fare troppi spoiler.

Ci accomodiamo nella fresca veranda, bellissima, è martedì a pranzo e ci siamo solo noi, ovvero veniamo coccolati e viziati come figli unici. Abbiamo anche la possibilità di scambiare due chiacchiere con loro senza formalità o sussurri.

Ci vuole un po’ di tempo per decidere cosa ordinare perché il menù è davvero intrigante. Sono molto indecisa se prendere un menù o ordinare alla carta (ossia sceglierei i piatti zappingando da un menù all'altro, perché la carta è composta da vari menù degustativi e o se ne ordina uno intero oppure si scelgono piatti individuali, prendere un menù variando uno o più piatti non è ammesso). Perdo un po’ di tempo a ricopiare dal menù quanto ordinato perché mi ricordo vagamente che sul sito c'è qualcosa (non volendo rovinarmi le sorprese non leggo tutto prima) ma non sono certa se sia tutto dettagliato. Su questo come si può vedere si dovrebbe fare una standig ovation. Sul sito non solo ci sono tutti i menù ma ci sono anche i prezzi. Come tutti i ristoranti dovrebbero avere, che meraviglia!

Prendiamo un Menù Sensazioni per me e un "La Terra ed il Mare" per lui.
benvenuto dello chef: alice marinata (logicamente senza limone, basilare ma non scontata come cosa) ripiena di fegatino di piccione, un connubio poderoso e succo di pomodoro e asparagi, dal sapore sorprendente.
Sensazioni (lievemente diverso da quello sul sito):
- Variazione di fegato grasso con composta di mele, uvetta e pan brioche: orgasmico, non saprei come altro definirlo anche se finisco per parlare come muccapazza. No, anzi non voglio descrivervelo per nulla, oltretutto poi farei fatica a continuare il post.
- Crema tiepida di fave con coda di scampo scottata: la scottatura in olio bollente della coda di gambero, mi ha spiegato è rapidissima infatti il gambero pareva crudo solo con una texture più turgida, l'abilità di uno chef si vede anche nel fatto che, una volta finito un piatto simile e rimpiangendone una seconda porzione, ti fa dimenticare persino che le fave non ti piacciono più di tanto. Scuoti la testa incredula e cerchi di raccogliere con il cucchiaio ogni microresiduo di crema rimasta.
- Tortelli di carbonara su crema di asparagi, ottimi la materia prima si sente in maniera preponderante, e se non fosse perfetta il piatto sarebbe disequilibrato, l'uovo sta all'interno dei tortelloni ma anche qui non descrivo oltre...

A questo punto chiacchierando chiacchierando ci dice che vuole farci assaggiare un piatto che sta finendo di mettere a punto. A mio parere sembra finitissimo cosa potrebbe mai mancare ? un erbetta, un aroma ? io avrei dubbi ad azzardare ulteriori modifiche: piedino di maiale in terrina con mozzarella di bufala (non salata) ostriche e schiuma di latte (della mozzarella). Come gli sia venuto in mente di metterci le ostriche è un mistero, ma per me c'è del genio. I sapori si mixano alla perfezione, non ci sono prevaricazioni e le consistenze sono giocate con maestria. Come faccia una mozzarella ad alleggerire un piedino di maiale non lo so ma il mio palato dice che funziona.
- Piccione arrostito con la coscia farcita, schiacciata di patate al lardo e code di gamberi di fiume, forse i gamberi qui scompaiono un po’ ma se servono anch'essi a dare al piccione quel sapore così cristallino, ben vengano. Si sono scusati dicendo fra le chiacchiere che forse nel mio piatto c'era troppa salsa (pare che le critiche costruttive siano molto benvenute) ma sinceramente a me la salsa piaceva proprio cosi', non solo accennata, può esser che il mio palato abbia ancora qualche grossolanità, ma a me piaceva proprio, ecco. Debbo pure dirvi qualcosa sulla consistenza e cottura del piccione ?? mi pare sia scontato da quel che ho detto finora: rosato alla perfezione non troppo e non troppo poco.

- Selezione di formaggi italiani e esteri con confetture. Piatto forse un po’ comune, che se non fosse stato nel menù non avrei preso, mi aspettavo qualcosa tipo pecorini locali, dal Norcia al Vallo di Nera invece no: Reblochon, Costra Fiorita e Toma, e, trovandoli davvero ottimi (con le loro marmellate, forse servite in quantità troppo esigua per una uniforme distribuzione) ed anche per rimanere impresse, perché qui la memoria deficita (non posso scriver tutto, sarei ossessiva! fatemi mangiare in pace) alla fine, dicevo mi son detta, ma chi se ne frega ad un certo punto della valorizzazione dei prodotti del territorio, essa deve esser sempre una linea guida di fondo ma farla diventare dogma rigido è parecchio restrittivo.

- Pre dessert: crema al mango (dal sapore intensissimo arriverei a definirlo esplosivo) con gelatina alle Halls Mentoliptus (ribadisco se che ne fosse bisogno che c'è del genio). Davvero notevole.
- Terrina di mele renette e liquerizia (non invasiva fortunatamente, anzi appena accennata) con salsa alla menta e gelato alla cannella e cialde di saba. Buono, anzi molto buono, non spettacolare ma buono. Ottimo il gelato alla cannella.
Secondo menù La Terra ed il Mare, Degustazioni di Antipasti:
- Carpaccio di tonno leggermente scottato al finocchietto arance ed aceto balsamico con salsa di panna acida, sia questa che per la rana di seguito la descrizione del mucca è già perfetta, non saprei che altro aggiungere
- Insalata di ortaggi e frutta all'aceto balsamico tradizionale, cervo arrostito alle erbe e salsa al caramello speziato, nonostante la reitarata presenza del balsamico, questo non è risultato "coprente" nei confronti dei costituenti del piatto.
- Pappa al pomodoro con gambero arrostito, triglie e consommè di crostacei, buonissima
- Millefoglie di rana pescatrice marinata, animelle arrostite e salsa di agretto di piccione, anche qui, in teoria, a me le animelle non piacciono... ma resta teoria ed il piatto era meraviglioso, animelle incluse (logico che arrostite, perdono quella viscidità inquietante che gli è propria e che genericamente le fa non piacere a tutti)
- Guancia di vitello brasata con purè di sedano rapa e porri fritti, era talmente buono, tenero e difficile da dimenticare che ne avrei aumentate le dimensioni è l'unico difetto che vi si possa trovare.
- Creme brulee allo zafferano di Colfiorito con gelato di mele Golden, griglia di zenzero, questo dessert era perfetto, il bilanciamento dello zafferano nel dolce era sapiente. Sorbetto di mela eccezionale.
Piccola pasticceria non in doppia versione ma noi stiamo insieme e potevamo mordere a metà ogni cosa, del resto debbo anche ammettere che il vantaggio della non duplicità del tutto risiede nel fatto che di assaggi ce n'è una varietà maggiore. Le gelatine erano davvero intriganti, ma anche il resto.

C'è la possibilità di scegliere il caffè espresso voluto da apposita carta, noi abbiamo preso un Blue Mountain ed un Haiti.

L'aperitivo (e qualche altro bicchiere che logicamente non abbiamo rifiutato, anche se il buon senso del ritorno a casa e dell'orario ci ha impedito di ordinare una boccia intera) è stato offerto, cosa da rimarcare con evidenziatore, è da queste cose che si vede la vera ospitalità (la vera ristorazione e la grandezza di un ristorante le abbiamo già viste nel corso del pranzo) e l'eleganza, sì per me l'eleganza sta anche in questo conto:

Sensazioni 58€
Terra ed il Mare 45€
Acqua 2€ (naturale e frizzante)
quindi 52€ circa a testa.

Esiste il mal d'Umbria? Perché mi sa che mi sta proprio venendo.... (vedi rece Cantico settimana scorsa)

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.