Ci sono margini di crescita

Recensione di del 04/06/2019

Tracina

60 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 60 €

Recensione

Quando nel lontano 6 settembre 1502, Leonardo Da Vinci ebbe l’incarico di effettuare un sopralluogo sul canale di Cesenatico, marginalmente già esistente due secoli prima, andò ad imprimere geniali modifiche strutturali ammirabili anche ai giorni nostri.

Probabilmente nemmeno il “Genio” immaginava un’espansione così ridondante di attività a ridosso delle rive del canale, come oggigiorno possiamo constatare.

Questa premessa, unicamente per prendere atto di un’ultima attività ristorativa “nata” nel week end pasquale di quest’anno, da un’idea di un giovane Chef, Cristian Fava - formatosi alla corte di un noto ristorante stellato del luogo, nel quale ricopriva il ruolo del Sous Chef - e dal suo socio Giulio Biroli, anch’esso nonostante la giovane età, proveniente da precedenti esperienze nel settore ristorativo.

In occasione della nostra visita, in sala il ruolo di “Anfitrione” (ruolo iniziato come debuttante in occasione dell’apertura di Tracina), era affidato a Raffaello Ravagnan (in arte, Raffo), epico personaggio della narrazione eno-gastronomica. Ovviamente, dal raccontare al fare , necessita un periodo di “messa a punto”, di diversi passaggi nel servizio, che Raffo presumo avrebbe perfezionato. Ho scritto “avrebbe”, perche nel momento della pubblicazione di questa recensione, mi è giunta notizia che Raffaello ha “abdicato”, cessando la collaborazione.

La sede del ristorante è adiacente il Canale. L’interno arredato con l’essenzialità alla bisogna e il nulla alle pareti, lascia intravedere una misurata eleganza.

Nel periodo estivo viene allestito un dehors all’aperto, prospiciente il Canale.

Il Menù prevede complessivamente una decina di piatti. L’ esiguità della scelta, la motivano con un frequente inserimento di nuove proposte e del pescato quotidiano. Se questa scelta trova, e troverà riscontro pratico, potrebbe essere avallo di maggiore freschezza dei prodotti. Consultando i menù proposti dall’apertura, periodo pasquale ad oggi, non ho riscontrato un dinamico cambio di piatti.

Le nostre scelte complessive in quattro persone.

“ Crudo di ricciola alla puttanesca. Una proposta visivamente ammiccante, però, il gusto del crudo viene lievemente coperto dagl’ingredienti di complemento (capperi, olive).

” Vapore di mare e verdure alla catalana. Seppia, mazzancolle e razza. La pulizia della cottura a vapore rende ammansiti gli ingredienti per un facile consumo al palato.

“ Risotto, burro parmigiano e crudo di gamberi. Oggigiorno sempre con una maggiore frequenza viene concepito , e proposto, l’accostamento burro e formaggi con i prodotti della pesca.

A mio avviso, si insaporisce eccessivamente la base del riso che, inevitabilmente, si rende vano l’accostamento di un crudo di crostacei il cui sapore viene sommerso.

“ Paccheri alla pescatora. Cottura al dente con ragù di ricciola, saporito e apprezzato.

Totanetti fritti. Alla masticazione si palesavano duri. Evidentemente qualche inceppo c’è stato.

“ Torta di rose allo zabaione caldo servito con il pentolino al tavolo. Ottimo lo zabaione, ordinaria la torta di rose. In ogni caso, la scelta dei dessert era molto limitata.

Abbiamo bevuto una bottiglia di vino Rosè Btut, Azienda Pedrotti; due calici Albana Spumante Talandina , Azienda Celli e un calice di Marsala vintage 2004 Vergine secco, Azienda Francesco Intorcia – Eritage. Un calice di Brandy 1986, Villa Zarri (offerto).

Considerando le classiche quattro portate, il costo medio è di circa 50 € a testa, più bevande.

Conclusioni.

La disponibilità, la voglia di essere e la cortesia dei titolari e del personale addetto al servizio, si percepisce immediatamente.

In egual misura si percepiscono anche i margini esistenti di crescita per perfezionare e ampliare il menù … dessert compresi.

Forza ragazzi, sono certo che alla prossima visita ci stupirete con nuove proposte intriganti.

DonAttilio

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.