Dopo esserci assicurati della disponibilità in sal...

Recensione di del 21/07/2007

Arianna

50 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 50 €

Recensione

Dopo esserci assicurati della disponibilità in sala, ci rechiamo al locale per le 21:00 circa.
Socio onorario del circuito JRE, tre "forchette e coltello" per la Guida Michelin, Arianna si trova nel tranquillo borgo di Cavaglietto, a fianco della piccola e graziosa piazza antistante il Municipio, recentemente rivalutata con pavimentazione in porfido ed altri finiture di pregio. Suoniamo e, una volta entrati, ci dirigiamo lungo un ampio corridoio che conduce al salone principale. Arredi eleganti e raffinati, colori tenui, ambiente tranquillo. La prima impressione è senza dubbio positiva. Il nostro tavolo è già pronto, la mise en place è completa e di gusto, con piattino del pane e posateria dedita. In sala solo la Sig.ra Viazzi, che con molta attenzione e discrezione ci seguirà lungo la cena.

È presente un menu degustazione di cinque portate a 50 €, noi optiamo invece per un primo ed un secondo, e magari un eventuale dolce. La cantina è ben fornita, spiccano degli ottimi bianchi francesi; noi optiamo per un Fiano di Avellino, abbastanza robusto e di carattere. Acqua frizzante San Pellegrino, sopraggiunta contemporaneamente con uno stuzzicante piattino del pane (costantemente rimboccato) in cui ne sono presenti varie tipologie, con uvette, con olive, integrale, tutte prodotte in casa ed assolutamente fresche. Anche il burro che accompagna è davvero di ottima qualità.

La gentilezza del patron di casa non manca: come entrée ci viene offerto un filetto di triglia con pomodorini e capperi, presente anche in carta alla voce degli antipasti (e che ci stuzzicava non poco), davvero gustoso e piacevole. Ringraziamo, sorridendo, piacevolmente soddisfatti.

Come primo scegliamo un risotto con zafferano, piselli e calamaretti: piatto semplice ma di gran sapore, una buona porzione, chicchi di riso impeccabili, netti, il tutto ottimamente amalgamato con gli ingredienti del piatto.

Come secondo la mia ragazza sceglie una scaloppa di branzino adagiata su puré di zucchine e basilico, mentre io opto per una tagliata di filetto di fassone al vino rosso.
La carne del bovino piemontese è tenerissima, inutile dire che promuovo il piatto a pieni voti; come contorno dei fagiolini (o "cornette"), io non impazzisco per questo tipo di ortaggio che devo però ammettere è cucinato a regola d'arte.
Assaggio anche il branzino, tenero, equilibrato, avvolto da questo puré incredibilmente delicato. Ottimo. Le porzioni di tutti i piatti sono state generose, dosi giuste e non "astratte", tantoché saltiamo a malincuore il dolce.
Il caffé è fortunatamente accompagnato da un assortimento di piccola pasticceria che compensa completamente il nostro dolce mancato!

Il conto: due antipasti/entrée, offerto; una bottiglia d'acqua, 3 €; un Fiano di Avellino, 18 €; due risotti, 26 €; un fassone, 20 €; un branzino, 21 €; due caffé, 4 €; due coperti, 10 €; sconto finale, 4 €. Totale: 100 €, 50 € a testa.
Rapporto qualità/prezzo decisamente buono considerando servizio, ambiente e soprattutto qualità delle materie prime offerte. Assolutamente da provare per chi desidera un ristorante di una certa caratura, un servizio superiore, in cui la cura dei particolari e dei dettagli è un aspetto quotidiano.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.