Torno sulla “famigerata” sera all’Arianna per espr...

Recensione di del 24/11/2005

Arianna

70 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 70 €

Recensione

Torno sulla “famigerata” sera all’Arianna per esprimere le mie impressioni, che in larga parte si discostano da quelle di chi mi ha preceduto nelle recensioni.
Per la cronaca, si tratta della cena del 24 novembre tra un gruppo di “mangioni”.

Il locale è stato ampiamente descritto: sobrio, elegante, cristalleria di qualità. Anch’io, come l’amico Kinggeorge, l’ho trovato leggermente “ingessato”.

Ognuno ha gestito l’ordine alla carta. La cosa, dato il numero dei presenti, poteva comportare qualche rischio per il servizio e infatti non tutto è filato liscio. Tempi ben scanditi, ma colgo una certa freddezza nell’approccio del personale di sala e poi si aggiunge l’episodio del dessert “sbagliato e poi sottratto”, già raccontato su queste schermate. Vado oltre.

La mia scelta ricade su:
-sformato di peperoni con salsa di bagna caoda leggera. L’idea mi piaceva ma allo stesso tempo mi spaventava per un possibile eccesso di sapidità e pesantezza. Niente di tutto questo: il piatto è un piccolo capolavoro per consistenza ed equilibrio. Un applauso per lo chef Pier Giuseppe Viazzi.

-Risotto alle cosce di rana e fiori di zucca. Il piatto che ha sollevato più perplessità ma che a mio avviso merita una difesa d’ufficio e allo stesso tempo una diversa analisi. Si tratta infatti di una preparazione audace e coraggiosa perché si espone al rischio di una critica per eccessiva delicatezza: non a caso i miei commensali lo hanno trovato “un po’ spento”. Credo che difficilmente avrebbe potuto risultare più incisivo: si tratta evidentemente di un piatto pensato per palati che non amano i sapori forti. Essendo un appassionato di gusti mediterranei e aspri, sospendo il mio giudizio e apprezzo l’equilibrio che vi ha saputo infondere la cucina

-Costolette di agnello con crema di patate. Qui lo chef si esprime bene: materia prima notevole, preparata ottimamente e servita con un contorno all’altezza. Non si tratta certo della mia carne preferita, ma il risultato è più che positivo.

-dessert: cialda con gelato alla nocciola e fichi sciroppati. A oltre venti giorni dalla cena, credo di non aver definito correttamente questo dolce, che a mio gusto si è rivelato il miglior piatto della serata: forse un po’ troppo dolci i fichi, ma fa parte delle loro caratteristiche. Mi spiace per i miei commensali che hanno scelto altre soluzioni, ma questo è un piatto quasi perfetto.

La cucina, secondo il mio personalissimo giudizio, supera la prova e merita più di un 8. Mi rendo conto che l’aver scelto piatti diversi abbia esposto il signor Viazzi a giudizi diversi e sono perciò lieto – dato il prezzo - di aver optato per le proposte migliori della serata. Sui vini nulla da dire: un bravo a Calvin per averci proposto degli interessanti abbinamenti.

Quanto ai pani, i miei erano buoni e niente affatto gelati. Non posso tuttavia meravigliarmi del fatto che tali li abbia trovati chi sedeva di fronte a me. Tutto è possibile in un ristorante, specie se fuori, come nel nostro caso, la temperatura era di sette gradi sotto lo zero.

La parte meno convincente, in definitiva, riguarda il servizio. Il momento più interessante è arrivato nei minuti finali, quando abbiamo avuto modo di discutere con Viazzi. Anche se a quel punto i giudizi dei miei “colleghi mangioni” già si discostavano dal mio e quindi lo chef è stato accolto con una certa freddezza.

Una nota a margine. Ho sempre rifiutato la logica delle multirecensioni per cene di questo tipo, poiché le ritengo eccessivamente penalizzanti in caso di “serata storta” e al contrario in odore di santità se lo chef si esprime al meglio. A mio avviso, una basta e avanza anche quando si è in otto.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.