Alle 14:30 io e mia moglie varchiamo la porta di q...

Recensione di del 09/05/2010

Enoteca Tognoni

35 € Prezzo
8 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

Alle 14:30 io e mia moglie varchiamo la porta di questa enoteca della piccola e bella Bolgheri speranzosi di poter ancora pranzare dopo una mattina e un primo pomeriggio di visite turistiche. Ci accoglie quello che si rivelerà poi il proprietario, persona molto gentile.
Sul tavolo, di legno, ci sono un po' di briciole lasciate da qualche commensale precedente, ma noto che non viene pulito dall'avvenente cameriera che si limita a mettere due tovagliette singole di carta e le posate. Il menu, ahimè, viene elencato a voce: le proposte sono tantissime ed allettanti, peccato non poterle visionare per iscritto e ponderare anche i prezzi. A parte questo, nel complesso il servizio sarà attento e la cameriera che ci segue (forse la moglie del proprietario) ci spiega parecchie curiosità e dettagli dei piatti con dovizia di particolari. L'ambiente è accogliente, alle pareti ci sono diverse fotografie di paesaggi toscani, i tavoli non sono molto distanziati ma non si sta stretti.

Dopo aver scelto acqua naturale (saranno due alla fine) e un bicchiere di vino rosso fermo della locale cantina del Castello di Bolgheri (purtroppo non mi ricordo il nome del vino, la bottiglia costava 15 euro), mia moglie sceglie di mangiare la tartare di carne cruda di fassona con aceto balsamico, finocchi e insalata; io mi butto su una fiorentina al sangue con insalata di contorno. Assaggio la pietanza della mia dolce metà e ne rimango piacevolmente colpito: il gusto è ottimo, la carne è battuta al coltello, saporita di suo senza aggiunte particolari, servita su un letto di finocchi, con a fianco un cespuglio di insalata e il balsamico a parte.
La mia fiorentina, di 950 grammi, è al sangue, servita su un tagliere di legno: la carne è molto gustosa, morbida, alta 3-4 dita; con calma me la mangio tutta, senza lasciare nulla nel piatto se non l'osso. L'insalata di contorno è discreta ma nulla di più.
Ci lasciamo poi tentare, per finire in bellezza questo bel weekend toscano, dalle proposte dei dolci: lei opta per un flan al cioccolato con cuore fondente e io per una torta di ricotta con gelato alla yogurt. Il suo dolce non l'ho assaggiato ma mia moglie dice che è delizioso, si sente che è fatto da loro, non industriale. La mia torta di ricotta è morbida e abbastanza leggera e ben si abbina al gelato allo yogurt, delicatamente affogato in una salsa di frutti di bosco.
Concludiamo con due caffè.

Passiamo alla cassa, dove spendiamo 69 euro.
Per riassumere: un locale la cui cucina è aperta quasi a tutte le ore, in cui la scelta è ampia e varia e le pietanze assaggiate sono risultate ottime; nota negativa l'assenza di menu scritto.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.