Questo sabato è un giorno speciale e per tale moti...

Recensione di del 13/06/2009

Taverna degli Artisti

48 € Prezzo
8 Cucina
9 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 48 €

Recensione

Questo sabato è un giorno speciale e per tale motivo, cerco un locale speciale.
Attirato dalle recensioni precedenti e data la vicinanza al paese, decido di prenotare. Telefono per le sedici del sabato stesso e chiedo cortesemente se ci sono due posti per le 20:00. Mi viene risposto dal proprietario, che non c'è alcun problema ed anzi, quando gli chiedo di poter cenare nella sala "fienile" mi rassicura sul fatto che non avremo problemi.
Arrivata sera, ci rechiamo puntualissimi e non abbiamo nemmeno bisogno di suonare che la cameriera/maître ci viene ad aprire alla porta e ci dà il benvenuto.
Non ne descriverò l'aspetto perché già fatto ampliamente dagli altri recensori ed è anche disponibile un bel sito con foto aggiornate, che rendono più chiaramente l'idea, senza che il giudizio possa essere influenzato dall'esterno.
Devo comunque fare delle correzioni sulle recensioni precedenti. L'ingresso non è per nulla "squallido", ma qui va a gusto. Sicuramente, lo stile è sul rustico poiché è stata ripresa la mobilia originale. Al limite si potrebbe dire che l'ingresso è un po' spoglio di mobilia. Le sedie non hanno la seduta in plastica ma in paglia. Il menu e la carta di vini non hanno la fodera della cartelletta in pelle, ma sono decisamente più che adeguate.

Il servizio, come notato da subito, è eccellente. La cameriera girerà tra i pochi tavoli occupati (tre coppie compreso il mio tavolo ed una famigliola) senza darlo assolutamente a vedere ma sempre attenta, veloce e precisa nel servire. Il proprietario stesso verrà più volte ai tavoli, recando ai commensali le varie portate. Ottima cosa il fatto che si fermi a spiegare le portate, se i commensali si faranno notare interessati o come cerchi di venire incontro ai gusti o ai problemi dei commensali stessi.
Ad esempio, guidavo io ed ero l'unico a bere, così mi ha illustrato sul fatto che ci fossero delle bottigliette da 375 millilitri, a disposizione nella cantina. Non lo finirò e gentilissimamente, mi tapperanno la bottiglia, permettendomi di portarla a casa. Abbiamo anche intavolato, pagando il conto alla cassa, una bella chiacchierata con il proprietario.
Passiamo ora al cibo ed alle bevande.

Per quanto riguarda il bere.
Chiediamo due bottiglie d'acqua naturale, dato che abbiamo passato la giornata tra Lecco, Bellagio e Como ed è stata calda rispetto alle precedenti, circa 32 gradi. Ci vengono portate due bottiglie di acqua Panna (ad una temperatura fresca, direi perfetta, né temperatura ambiente, né gelata) e scelgo, come vino, pensando di mangiare carne, un Aglianico del Vulture del 2002, delle Cantine del Notaio, etichetta La Firma.
Come volevasi dimostrare, il vino era eccellente, rispettando tutte le qualità per cui è annoverato come tra i migliori d'Italia e, come sempre, le Cantine del Notaio (Prestige Producer) sono firma di qualità.

Per quanto riguarda il cibo.
Sedutici, ci viene portato del pane, già affettato, in un cestino con il sacchetto di carta.
Fragrante, ha la crosta croccante e la mollica morbidissima ma compatta.
Ricorda un po' il pane d'Altamura, dalla fattura, ma sicuramente era del luogo, anche se non so come definirlo, perché, purtroppo, non conosco le varie tipologie di pane lombardo.
Comunque non è sicuramente un pane industriale ma artigianale.

Come primo scegliamo un risotto radiccio e zola per tutti e due.
Avendo più e più volte degustato il risotto nel novarese mi rendo subito conto di quanto sia ben cotto e mantecato, questo.
Il gusto di zola (termine dialettale lombardo per definire il gorgonzola) era calibrato alla perfezione, non esageratamente forte ma si sentiva bene, sia all'odorato che al gusto, ed il radicchio dava quel tocco di amarognolo che contrastava il dolce della "gorgo" che rendeva il piatto unico, delicato (non forte e/o nauseante ma nemmeno acquaccia, cosa che odio) ma gustosissimo.

Per quanto riguarda il secondo, io scelgo un filetto al tartufo nero estivo che mi faccio cuocere al sangue (la cameriera, ovviamente, mi ha chiesto come lo gradissi) e del radicchio gratinato.
La mia ragazza sceglie, invece, delle verdure gratinate miste.
Mi perdonerà il cuoco se non ricordo il nome corretto scritto sul menu.
Per quanto riguarda il filetto, è morbidissimo, da sciogliersi in bocca e gustosissimo. Mi viene servito con una fetta di pane seccato (lo stesso tipo che ci è stato servito fresco) e ricoperto di fettine di tartufo nero.
Il gusto è eccezionale, non "stucca" per niente ma è molto ben odoroso e gustoso.
Il radicchio è bello caldo. Anch'esso saporito ed il tocco amarognolo s'abbina perfettamente alla carne, che essendo al sangue, tende di più al dolciastro.
Le verdure della mia ragazza, mi sembrano ottime (io mangio il suo radicchio gratinato perché a lei non piace il gusto amaro) e mi sembra ottimo, oltre che allo sguardo, anche al gusto.
Per lei, però, sono un po' unte, il che appiattisce un po' la differenza dei gusti. Ottimo comunque.

Come dolce prendo, da solo, la torta medioevale, specialità del locale.
Stupenda, è composta da una crosta di cioccolata fondende e peperoncino. Il ripieno di una crema. Tra l'altro, sperando di non errare sulla sezione della torta, la crema era di cioccolata e melanzana.
La torta è una prelibatezza meravigliosa che consiglio a tutti. L'amaro della melanzana non si sente per nulla ed il piccante del peperoncino con la cioccolata fondente è eccezionale come sempre.
Questa tortina viene accompagnata da una pallina di panna montata su cui è appoggiata una fettina di castagnaccio buonissimo anch'esso ma forse leggermente troppo secco.
Li prova, ambedue, la mia ragazza e fanno colpo anche su di lei.
Per finire prendo un caffé. Non esageratamente caldo né esageratamente amaro (tra l'altro io lo prendo sempre senza zucchero, perché non sopporto il dolciastro misto all'amaro che si avrebbe così).
Sembrava di una buona tostatura.

Conclusione.
Locale stupendo per serate romantiche e per mangiare bene. Ovviamente il prezzo, per l'insieme, è più che buono. Sicuramente lo consiglio a tutti per momenti particolari. Spero di tornarci anche piuttosto presto.
In totale abbiamo speso 97,50 euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.