In giro per l’Oltrepò di venerdì mezzogiorno, ho m...

Recensione di del 28/05/2010

Al Fuoco di Brace

36 € Prezzo
7 Cucina
5 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 36 €

Recensione

In giro per l’Oltrepò di venerdì mezzogiorno, ho modo di rivisitare un locale che ho frequentato anni orsono e che mi ha sempre regalato sostanza, a dispetto di altalenanti esperienze a livello di servizio.
Posizionato sulla provinciale da Stradella a Santa Maria della Versa, è facile parcheggiare ai lati della strada laterale che, proprio partendo dal ristorant, si inerpica per Canneto Pavese. Siamo in due e si decide di mangiare nel “dehors” coperto, preferito dalla totalità degli avventori che ben riempiono la quarantina di coperti a disposizione. Come all’interno, i tavoli sono molto, "troppo" ravvicinati, e si perde la giusta intimità per poter affrontare una qualsiasi discussione.
Siamo fatti accomodare quasi subito da una delle due ragazze in sala, che scopriremo essere due delle quattro figlie del proprietario: ci viene portato immediatamente il menu e la carta dei vini. La tavola è apparecchiata con copritovaglia bianco, doppio bicchiere, doppia forchetta e corredato degli stessi grissini di produzione industriale.
Il proprietario passa a prendere la comanda e, tra le tante offerte, ci lasciamo tentare per quanto sul menu è riportato come “Consiglio dello chef”: un antipasto composto da mocetta di capra e ricotta affumicata, seguito da tagliata con lardo di Colonnata. La carne è la specialità del locale e alla carta è possibile spaziare su tanti tagli interessanti, tra cui anche chianina certificata: ma in questo caso lasciamo allo Chef la possibilità di guidare la scelta.
Come vino ci faremo accompagnare da una bottiglia di Buttafuoco brioso, cantina Quaquarini, direttamente dalla collina immediatamente adiacente, ed offerto ad un ricarico assolutamente onesto (9 euro): peccato che la bottiglia venga presentata già aperta, a dimostrazione di ricerca di efficienza piuttosto che di attenzione al servizio. Col vino ci viene portato anche un bacile di alluminio col pane, di ottima provenienza oltrepadana.

Non dobbiamo attendere molto per la mocetta, che ci viene ottimamente presentata su un letto di rucola e coperta da quattro fette sottili di formaggio vaccino affumicato, condito con pepe e un filo d’olio. Avevo provato la mocetta ossolana in passato e avevo trovato questo salume molto secco ma gustoso. Anche in questo caso, il piatto è interessante, soprattutto nell’accostamento col formaggio affumicato, che riesce a non prevalere sul gusto del salume.

Per il secondo aspettiamo un poco di più per venire serviti delle due tagliate, servite fumanti con adeguato sottopiatto: una fettina di lardo di Colonnata è sciolta sulla carne, ma è troppo poca per incidere e troppa per non passare inosservata, con il rischio di rimanere un “corpo estraneo” nel piatto. La carne è cotta alla perfezione anche se, purtroppo, il mio taglio non dei più fortunati, trovando parti non del tutto tenerissime e persino nervose. Invece c'è piena soddisfazione da parte di mia padre per quanto servitole, anche nei riguardi del contorno, costituito da cipolline in agrodolce.

Chiudiamo con i dessert, per i quali si può spaziare in un'ampia scelta. Io vado per delle fragole alla crema di moscato (buone ma non eccezionali, essendo servite in coppa ad imbuto stretto, con fragole appena sporcate dalla crema, raccolta tutta nel fondo) mentre dell’altra parte una crema catalana, portata in tavola con il flambé non ancora estinto, piace.
Con due caffè il conto chiama 72 euro: come detto in apertura, non si deve cercare altro che sostanza, peraltro fatta "pagare”. Il locale manca forse di quel tocco di attenzione in più che gli consentirebbe di evolvere decisamente su uno standard superiore.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.