Pungolato dal grande Falcade, alla prima occasione...

Recensione di del 11/09/2009

Piccola Locanda

55 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 55 €

Recensione

Pungolato dal grande Falcade, alla prima occasione mia moglie ed io siamo andati a provare il ristorante “Piccola Locanda”. La prima sorpresa è stata il fatto che l'ubicazione del ristorante non mi fosse sconosciuta, ma non sapevo che fosse aperto da quasi un anno con questa gestione, un netto cambio di marcia rispetto alle gestioni precedenti.
Ambiente descritto con dovizia di particolari nelle recensioni già pubblicate.
Prenotiamo all'ultimo momento e dopo una decina di minuti ci presentiamo all'ingresso del ristorante, comodo il parcheggio privato. Ci viene chiesto se preferiamo accomodarci in terrazza o nella sala interna e la nostra scelta cade sulla seconda opzione. La terrazza ci viene comunque mostrata molto cortesemente.

Portata immediatamente acqua naturale e successivamente pane e grissini, non autoprodotti.
Con le scuse del caso, ci viene consegnato inizialmente un solo menu. Presenti due interessanti menu degustazione di carne e pesce rispettivamente a 42 e 46 euro, ma noi sceglieremo alla carta.
Indicativamente i prezzi sono: antipasti sui 10/11 euro, primi piatti da 11 a 15 euro, secondi piatti dai 18 ai 22 euro. Noi sceglieremo alla carta.

Per quanto riguarda il vino, chiedo l'accompagnamento di due calici e mi saranno versati due bicchieri di Lugana Santa Cristina, per un abbinamento classico con i piatti di pesce da me scelti.
La carta dei vini è contenuta ma a mio avviso ben fatta; il proprietario ci spiega le motivazioni che lo hanno spinto a proporre una carta di questo tipo e le condivido. Ci sarà tempo per migliorarla.

Primi piatti.
Per me: Tagliolini al nero, julienne di calamari, ricci di mare, zucchine e pomodori confit.
Per mia moglie: Linguine cicale di mare, polpa di granchio e pomodoro confit. Su precisa richiesta, è stata eliminata la leggera componente piccante prevista per il piatto.
Entrambi i primi ben eseguiti, appetitosi e con il condimento che ben legava con la pasta.

Secondi piatti.
Reduci da qualche cena a base di carne non proviamo la specialità della casa (Chateaubriand) e da una carta che propone principalmente pesce alla griglia, chiediamo (fuori carta) due Grigliate miste di pesce. Ci vengono serviti due piatti contenenti: rombo, branzino, gamberoni, tagliata di tonno e contorno di carote, zucchine e patate, il tutto di buona qualità.

Dolci.
Per me: una squisita Millefoglie con crema chantilly e frutti di bosco (al posto delle fragole in carta, come riferitomi a voce), con un bicchiere di Sauternes Caprice 2005.
Per mia moglie un classico Tortino al cioccolato fondente con cuore morbido e salsa di vaniglia, da lei molto apprezzato.
Davvero golosi i due dolci, da bis.

Il conto finale è di 110 euro, così suddivisi: due coperti 6 euro, due bottiglie di acqua 6 euro, due primi piatti 28 euro, due secondi piatti 50 euro, due dolci 12 euro, due bicchieri di vino 8 euro, un bicchiere Sauternes 5 euro (alla fine gentilmente offerto). Per onor di cronaca abbiamo scelto i primi più costosi in carta e i secondi (fuori carta) più costosi rispetto a quelli in carta. Rapporto qualità/prezzo normale.

Servizio molto cortese svolto dal proprietario e da una giovane cameriera, che paga talvolta un po' di inesperienza, ma la cui gentilezza fa andare oltre le piccole mancanze. Ovvio che la personalità in sala del titolare sia di altro spessore, senza nessuna offesa per i giovani che avranno la possibilità di maturare. Tempi di servizio leggermente lunghi ma non essendo un pranzo di lavoro e non avendo vincoli di orario nessun problema da parte nostra.

Conclusioni.
Un locale che propone una cucina classica ma comunque ricercata e con attenzione alla materia prima, in un gradevole ambiente. Aperto da meno di un anno, la mia impressione è quella che si voglia giustamente procedere per piccoli passi. Buoni margini di miglioramento a mio parere, anche se immagino che alcune scelte dipenderanno da eventuali “spinte” da parte della clientela e da quanto il locale riuscirà ad affermarsi ulteriormente.
Visto che oltre a scrivere qualche riga bisogna dare dei voti, senza presunzione alcuna, preciso che il 7 alla cucina è un 7 pieno, che scommetto diventerà un 8 alla prossima visita.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.