Il ristorante è sito in un bellissimo complesso ot...

Recensione di del 13/10/2007

Lear

92 € Prezzo
10 Cucina
10 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 92 €

Recensione

Il ristorante è sito in un bellissimo complesso ottocentesco ristrutturato e circondato da un bel parco con opere d'arte esposte all'aperto.
In cucina abbiamo ritrovato il mitico chef Claudio Prandi, che per tanti anni avevamo apprezzato al Griso di Malgrate e con cui abbiamo scambiato quattro chiacchiere alla fine del pasto assieme al bravissimo direttore di sala signor Andrea.
Molto bella la sala arredata in stile moderno.
Con dei buoni grissini vengono serviti anche dei piccoli panini discreti.
Molto valida la carta dei vini con ampia scelta anche di distillati.

Le proposte del giorno comprendevano:

Antipasti: risina di Spello, gamberoni avvolti nella pancetta affumicata e emulsione di pomodoro; crema di patate e peperoncino leggero, brandade di baccalà, pane all'aglio e olio di frantoio; petto di piccione arrostito, piccole verdure, mostarda di pere e aceto balsamico; funghi porcini tiepidi, indivia, veli di Bitto e extra vergine del Lago di Como; uova di quaglia, polenta di Storo morbida e tartufo bianco d'Alba.

Pasta fresca, zuppe e riso: zuppa di lenticchie di Castelluccio, bocconcini di gallinella di mare e erba cipollina; straccetti di grano duro spadellati, cacciaroli, pomodorini Pachino, broccoletti e alici; gnocchi ai funghi porcini, leggera fonduta di casera e tartufo; risotto morbido, pistilli di zafferano, animelle di vitello dorate e riduzione di marsala "Samperi"; tortelloni di coniglio, il suo fondo e burro di fattoria profumato alla maggiorana.

Pesci e carni: sogliola della Galizia cotta intera alle mandorle, prezzemolo e salvia; trancio di branzino di pescato croccante, fior di sale e purée di finocchio; lombata di cervo marinata al ginepro con canederli al rosmarino; stracotto di puledro al Pinot nero di Montevecchia e dadini di mais croccante; filetto di fassone alla senape dolce, patate dorate.

Degustazione di formaggi affinati da Felicita Fantino: piccola porzione (7 tipologie); porzione (10 tipologie). Accompagnati da mostarda di cipolle rosse di Tropea e pomodori verdi.

Dolci: il castagnaccio in evoluzione delicata; tortino alle pere e mandorle, salsa inglese; flan di copertura fondente e coulis di lamponi; semifreddo al croccante, cioccolato tiepido; mele padellate al Calvados, gelato alla crema e cannella; gratin "caldo freddo" ai frutti rossi.

Come amuse-bouche ci hanno portato: zuppetta di crostacei e tempura di verdure e gamberoni.

Poi abbiamo scelto: petto di piccione, risina di Spello, gnocchi, risotto, lombata di cervo, stracotto di puledro, una degustazione di formaggi (10 tipi), gratin, semifreddo.

Un pre-dessert composto da crema di mascarpone con scaglie di cioccolato e della piccola pasticceria hanno completato una splendida cena.

I piatti erano tutti perfetti nell'accostamento dei sapori, nella cottura e nella mise en place.

Vini:
Offerto come aperitivo, ci hanno portato un Prosecco di Valdobbiadene Contadi Castaldi con cui abbiamo poi proseguito e quindi abbiamo preso anche una bottiglia di Fumin Esprit della Valle d'Aosta.
Un bicchiere di passito Sagrantino di Montefalco Arnaldo Caprai 2003
Un bicchiere di moscato passito "Essenza" Degiorgis 2003
Una grappe Berta – Brit del Gaian
Una grappa di Amarone Capovilla

Totale: 185 euro, di cui 55 di vino e distillati.

Roberto Guidini

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.