Un piacevole ritorno

Recensione di del 02/09/2016

Trattoria La Madia

46 € Prezzo
8 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 46 €

Recensione

Ritornare in questo particolare ristorante è stato veramente un piacere.

Per vari motivi, in primis geografici, erano più di tre anni che non ci venivo.

E devo ammettere che, pur se richiede un discreto spostamento dalla mia zona, vale tutti i km e le curve necessarie per raggiungerlo.

Ambiente sempre caratteristico e, direi, invariato. Così come invariato è lo stile, la filosofia del menù, il modo di servire e....di far parcheggiare; cosa che è importante perchè lo spazio a disposizione è piuttosto esiguo in rapporto al numero di clienti: anche in questa occasione tutti i tavoli erano occupati; alcuni due volte.

Nessun problema per chi come noi ed un'altra coppia di avventori, ha deciso di sedersi all'aperto sul terrazzino. Approfittando dello splendido tepore per gustarsi il tramonto mangiando.

Mangiare che è partito con un grazioso bicchierino contenente una specie di purea di melone con grappa. Fresco l'insieme, e non particolarmente aggressiva la parte alcolica. Simpatico.

Dal menu, ho scelto un “ Gaspacio “ che oltre che da alcuni ingredienti classici, era arricchito da ribes secchi e “fatulì” un formaggio locale; decorato con fiorellini commestibili; un vero piccolo “quadro”: vedi foto. Tutti gli ingredienti in piccolissimi pezzettini. Sicuramente un gaspacio inusuale; ma bello e molto buono.

Ho poi ordinato gli “ Gnocchi bio di ricotta con pesto di mandorle e

sedano “. Molto saporito e gustoso il pesto; buoni e delicati gli gnocchi. Forse per i miei gusti, avrei preferito sentire un po' meno il sedano; che comunque ho gradito. Un bel piatto anche questo.

Originale, ancora, il secondo piatto: “Guancia di maiale con le sarde secche del lago di Iseo”.

Ero incuriosito da questo abbinamento e anche un po' perplesso. In realtà le sarde vengono trattate in maniera da ricavarne una specie di colatura di alici. Con la quale si insaporisce ancor di più la guancia. Tenera e saporita di per se. Non amando le esagerazioni, dico: provare per credere!

Tre mezze porzioni di contorni, patate arrosto, verdure cotte e polenta. Buoni; con pole position per le verdure.

Segnalo inoltre la “ Frutta con stracchino all'antica “ preso da mia moglie; che insieme alla “Terrina di Tinca” ( anch'essa molto bella nella presentazione ) mi fanno pensare che ho veramente sbagliato a non tornare prima in questo locale.

Come tradizione della Madia, gli avanzi possono essere portati al cane (nella fattispecie..... il sottoscritto di guardia il giorno dopo) con delle comode bacinelle in alluminio.

Un solo dessert da dividere in due; con un nome da interpretare: “La puttana”.

Licenza poetica? Un omaggio....a qualche personaggio? Un avvertimento?

Non saprei! Comunque sia mi ripeto: originale, buono, caratterizzato in particolare dalla grappa che donava solo un retrogusto discreto, ma ottimo. Decisamente sostanziosa. Tra gli altri ingredienti fichi secchi e farina di mais, mele, uvetta e vaniglia.

Lista dei vini sempre mirata a produttori e vini non banali e di moda.

Ai produttori locali, si affiancano anche Aziende del sud. E da una di queste, la Cantina del Notaio, di Rionero in Vulture, è prodotto il “Preliminare”. Un blend di primitivo vinificato in bianco, Moscato, Malvasia e Chardonnay. Che mi ha incuriosito e che ho voluto assaggiare; pur preferendo di solito scegliere vini prodotti in zona. Direi una buona scelta per i miei gusti. Un bianco corposo, profumato, con un retrogusto....e qui mi fermo per limiti miei.

Però in sintesi e per essere pratici: da ri-assaggiare.

Cos'altro dire?

Che anche se alla carta si spende qualchecosa in più, il rapporto prezzo/soddisfazione resta alto. Per motivi che si possono desumere facilmente.

Che fare le cose (cibo; moto; scarpe; sedie ecc ecc ) bene, alla lunga paga! Salvo rare e sfortunate eccezioni.

Che la cena vale il viaggio; perlomeno da Verona; e secondo me.

Che non lascerò passare altri tre anni abbondanti prima di inerpicarmi sulla tortuosa salita che porta alla Madia.

(e infatti ci sono già tornato: con rinnovata soddisfazione e piacere. Prendendo il menu degustazione che mi permette di riconfermare l'ottimo al Q/P! )

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.