Grande convivialità alla Palta

Recensione di del 17/03/2019

La Palta

100 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 100 €

Recensione

La gita fuori porta alla Palta è sempre un piacere per gli occhi, per il palato e per la mente.

Solito tavolo delle ultime due volte. Mise en place sempre molto elegante con queste lampade stupende poggiate sui tavoli a sfidare l'equilibrio visto che pocciano solo sul sottile gambo.

Ma veniamo a noi. Il servizio è sempre molto curato e veniamo consigliati molto bene sugli abbinamenti e sulle pietanze da prendere.

Partiamo con una "Verticale di coppa e mariola". Quattro differenti stagionature di coppa, dalla più giovane alla più stagionata che praticamente si scioglie a contatto con la lingua e col palato. Una vera delizia. Accompagnano molto bene le focacce e la rivisitazione di gnocco fritto che ci arriva dalla cucina.

Accompagniamo questa squisitezza con UNA meravigliosa Malvasia di Candia, tardiva del 2014. Il nome di questo vino è proprio "Una".

Altri commensali prenderanno "Uovo in camicia su chiodini al prezzemolo e toma del Boscasso". Purtroppo non lo assaggio, ma avrei voluto. Uovo perfetto nella forma e nella cottura.

Assaggerò invece le "Lumache impanate di "Chisola" ai ciccioli con biete brasate". Piatto molto buono, la lumaca fritta non l'avevo mai mangiata, ma sicuramente è una cottura che si addice alla lumaca che riesce a mantenere testa al sapore della panatura fritta.

I "Tortelli tradizionali di ricotta e spinaci" sono sempre una delizia. Pasta finissima e ripieno equilibrato. Serviti burro e salvia per apprezzare al massimo le fattezze del raviolo.

Un altro piatto che avrei voluto assaggiare è il "Ravioli di riso tra Oriente e Occidente (secondo classificato IMAF CHEF CUP)". Pare che sia stato

Il mio piccolino prendere invece un ottimo "Risotto allo zafferano".

Io e il mio compagno di merenda invece facciamo una scelta un po' ardita: due secondi invece di un primo e un secondo.

E quindi ci concediamo ad un "Filetto di baccalà in foglia di verza con topinambur e polenta fritta" per il mio amico e un "Capriolo firmato Valtidone in crosta di arachidi e radicchio di campo" per me.

Il capriolo è decisamente molto buono, cottura al sangue e decisamente piacevole il contrasto con la copertura di arachidi anche se dopo un po' risulta un po' troppo stucchevole.

Come secondo secondo prenderemo entrambi il "Guanciale di vitello, purea di zucca e pesto di capperi, caco sottaceto e porro". Lenta cottura per questa guancia di vitello che rimane sicuramente più gentile nei sapori rispetto alla più tradizionale guancia di manzo. Ottimo piatto.

Quest'ultima parte la accompagniamo con un Caberne Sauvignon, Luna Selvatica della Tosa. Gran vino, classico taglio bordolese, con un equilibrio davvero strepitoso. Si adatta facilmente sia alla cacciagione che a piatti meno forti come qualche primo.

Alla fine la Palta rimane sempre una simpatica gira fuori porta in questa casa di campagna dove si respira convivialità e ricercatezza al tempo stesso.

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.