Su consiglio di una ormai assidua frequentatrice d...

Recensione di del 11/08/2007

Viola

40 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 40 €

Recensione

Su consiglio di una ormai assidua frequentatrice di questo ristorante, la cui nuova gestione è attiva da soli due mesi, telefono il sabato pomeriggio per la sera. Mi risponde il patron Elio Bersani che gentilmente mi informa che il locale è pieno, ma che c'è un tavolo in forse e che avrebbe verificato al più presto. Nel giro di pochi minuti mi richiama per confermare la prenotazione: il tavolo c'è. Bene.

Il locale si trova sulla via Aurelia, sulla sinistra andando in direzione di Vallecrosia; non c'è posteggio ma si trova posto abbastanza facilmente lungo la strada. Sui muri della palazzina rosa che ospita il ristorante è esposta una lavagnetta che illustra il menu del giorno.
Una porta a vetri in legno scuro immette in una piccola saletta con pareti color salmone, una delle quali affrescata con tinte tenui, pavimento tipo cotto e aria condizionata. Sul fondo della sala il bancone bar con alcune bottiglie di vino in bella mostra.
L'ambiente, che ospita una trentina di coperti, nell'insieme è accogliente e il patron fa di tutto per metterci a nostro agio nonostante sia piuttosto indaffarato nella sala al completo.

La mise en place è abbastanza curata, con sottotovaglia a motivi color salmone e tovaglia bianca, rose rosse e gialle su ogni tavolo, tumbler per l'acqua e calice per il vino.
In un piattino una grossa fetta di pane e delle squisite paste frolle al formaggio che sono sparite in un battibaleno.

Il menu contempla per lo più piatti di pesce fresco di mare, proposti nel rispetto della tradizione locale:

Antipasti
- Tartare di tonno
- Brandacujon
- Polpo con patate
- Acciughe marinate
- Trombette e fiori in pastella
- Mélange ortomare (un assaggio di tutti gli antipasti)

Primi piatti
- Ravioli all'astice e bottarga con pomodoro fresco
- Tagliolini con gamberi e trombette
- Spaghetti alle vongole
- Gnocchi al tonno fresco e pomodoro
- Ravioli della casa (spinaci e ricotta)

Secondi Piatti
- Pescato del giorno
- Gamberi al Cognac
- Filetto di tonno scottato
- Frittura di calamari e totani
- Frittura di mare
- Coniglio alla ligure

La carta dei vini spazia dal nord al sud Italia per rossi, bianchi e bollicine, con qualche etichetta francese e una più dettagliata scelta per i vini locali: Rossese di Dolceacqua, Pigato e Vermentino. Di tutte le etichette elencate in carta è possibile anche la scelta al bicchiere.

Mi faccio consigliare per un buon Vermentino tra i cinque o sei proposti, e il patron ci indica quello di Laura Aschero. Scambiate due parole sui vini locali e notata la mia passione per l'argomento, il patron durante la serata mi farà poi assaggiare anche il Vermentino di un altro produttore che aveva aperto per una richiesta a bicchiere. Abbiamo apprezzato moltissimo il gesto che non è comune. Successivamente mi indicherà poi altri vini da lui prediletti, e alcune case vinicole da visitare in zona.
Pur essendo la nostra prima volta ci siamo sentiti dunque da subito a nostro agio grazie all'affabilità del patron e al suo particolare entusiasmo per la professione che abbiamo notato da numerosi dettagli.
Per quanto riguarda la nostra cena, scegliamo un antipasto a testa, seguendo poi io con un primo e il mio commensale con un secondo.


Antipasti

Brandacujon. Si tratta di un antico piatto ligure a base di stoccafisso mantecato, patate, olio extra-vergine d'oliva, aglio e prezzemolo. E' servito tiepido con un crostino abbrustolito. E' una delle mie ricette preferite di questa zona e questo era veramente ottimo per l'equilibrio e la delicatezza dei sapori, dove l'aglio non era per nulla aggressivo. Proprio uno dei migliori Brandacujon che abbia mai mangiato. Voto 9.
Polpo con patate. Una razione un po’ risicata di polpo tiepido tenerissimo con patate saporite e non farinose, condito come vuole la tradizione solo con una spolveratina di prezzemolo e con un olio extra-vergine di qualità. Un piatto semplice ma dagli aromi tipici, penalizzato un po’ dall'esiguità della porzione. Voto 7,5.

Primo Piatto
Ravioli all'astice e bottarga con pomodoro fresco. Una discreta porzione di ravioli fatti a mano con un ripieno delicatissimo e consistente, dove il sapore dell'astice era ben riconoscibile. Il sugo di pomodoro fresco era piuttosto abbondante, io ne ho tralasciato un pò anche perché, per mio gusto, i ravioli erano saporiti e apprezzabili anche semplicemente con un filo d'olio crudo. Voto 7,5.
Grazie a questo piatto ho potuto verificare qualità della pasta fatta in casa che mi lasciato il desiderio di tornarci per provare anche le altre proposte.

Secondo Piatto
Frittura di calamari e totani a cui il patron, dopo esserci accertato che lo gradissimo, ha aggiunto anche qualche gambero. La cottura era perfetta, i calamari erano morbidissimi e i totani niente affatto gommosi come spesso capita. Il piatto migliore della serata, riuscitissimo, anche per la qualità dell'olio e la leggerezza del fritto. Voto 9.

Fuori menu c'era anche un ricco piatto di pesce crudo marinato che il patron mi ha mostrato passando accanto al nostro tavolo e che sarà sicuramente una mia scelta alla prossima visita.

Dolce
Cialda ai frutti di bosco con gelato alla vaniglia. Un dolce semplice e genuino, presentato con una spolverata di vaniglia e di caramello.
Nonostante le mie resistenze a prendere anche il dolce, il Signor Elio ha insistito perché assaggiassi una fetta della frolla ripiena di scorze d'arancia e cannella con gelato alla vaniglia che poi ha gentilmente offerto. Nonostante fossi sazia non ho resistito e ho fatto onore anche a questo dolce semplice e genuino. Per entrambi voto 7.

Dalla prima idea che mi sono fatta, la cucina di questo locale è basata essenzialmente su materie prime di qualità e ricette non troppo elaborate. Lo riproverò a breve e magari farò seguire una seconda recensione per completare le informazioni. Nel frattempo lo consiglio senz'altro agli amanti del pesce di mare.

Siccome non prendiamo il caffè, che di prassi il patron offre a tutti i suoi ospiti, lui ci fa addirittura lo sconto su uno dei piatti.

Il conto: due antipasti 22 euro; un primo 16 euro (costava 20); un secondo 16 euro; una bottiglia di vino 18 euro; un dolce 5 euro; una bottiglia di acqua minerale 2 euro. Coperti non addebitati.
Totale 79 euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.