Passando davanti per caso, noto la scomparsa dell'...

Recensione di del 04/04/2008

Trattoria del Ghiottone

38 € Prezzo
7 Cucina
8 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 38 €

Recensione

Passando davanti per caso, noto la scomparsa dell'Osteria della Scimmia e questa nuova insegna. Troppo curioso... alla prima occasione si sperimenta.
Il parcheggio in zona resta drammatico, quindi conviene armarsi di molta pazienza. L'ambiente è stato compeltamente rinnovato: per chi non ci fosse mai stato è bene sottolineare che si tratta di un'unica saletta di ridotte dimensioni, e con l'estate una piacevole micro-verandina che si affaccia su un cortile laterale, quindi leggermente defilato dal traffico. Le pareti sono dorate con quell'effetto spazzolato-spatolato - non so mai il nome giusto del tipo di decorazione -, sulla parete principale campeggia una gigantografia di San Luca in bianco e nero, suggestiva soprattutto per la cornice scura di pittura attorno che la sottolinea.

Il servizio è celere ed indaffaratissimo, non ci fanno mancare nulla: un piattino con delle fettine di mortadella arriva in men che non si dica assieme al pane, fra cui un panino fatto con l'impasto della crescenta con i ciccioli, davvero buonissimo. Quando nel corso della serata il cestino risulterà svuotato, ne arriverà un altro senza indugi, cosa rarissima in una trattoria... un servizio praticamente da ristorante.
La Mortadella è superlativa (la scrivo scientemente con la maiuscola): punto tutte le fiches che ho che si tratti di quella di Pasquini, ma non ho potuto appurare. Quando vedo il personale troppo indaffarato mi limito ad ordinare e basta, non è il caso di creare contrattempi e costringerli a chiacchierare. Qui "volano"... non ce n'è proprio il tempo!

Menù molto tradizionale bolognese.

Tagliere di affettati misti e formaggi con tigelle: antipasto unico, che non abbiamo esitato ad ordinare. Molto buone le tigelle (non mi viene in mente al momento un altro posto a Bologna città che le faccia, mi pare nessuno), eccellenti a dir poco i salumi: come dicevo, soprattutto la mortadella, ma anche il prosciutto ed i ciccioli pressati erano davvero buonissimi. Ciotolina con squacquarone. Peccato per l'assenza del pesto modenese, che sarebbe stato d'obbligo con le tigelle.

Come primi, Tortellini con brodo di cappone, Lasagne verdi alla bolognese, Tagliatelle alla petroniana (al ragù), Tagliatelle alla romagnola (burro e prosciutto), Gramigna alla salsiccia, Maccheroncini del Ghiottone (speck e carciofi).
La gramigna alla salsiccia risulta molto buona, in bianco, senza pomodoro ma anche assolutamente senza panna: si sentiva l'ottima qualità della salsiccia usata, perché comunque le salsicce non sono tutte uguali e non tutte sono ugualmente saporite. La pasta è indubbiamente all'uovo, purtroppo non al torchio o similare, ma almeno non è vulgaris pasta secca di grano duro.
Le tagliatelle al ragù sono molto buone: buono lo spessore della pasta - che non trovo debba essere necessariamente sottilissimo come molti si ostinano ad asserire -, giustamente condite come quantitativo di ragù. Quest'ultimo è ben cotto, non unto ma nemmeno troppo magro e la presenza del latte non è nettamente percepibile. Mi piacciono anche questi ragù, dagli spigoli meno arrotondati rispetto ad altri dove il latte tende a smorzare un po' i toni.

Come secondi, Polpettine con piselli, Ossobuco di vitello, Scaloppine ai funghi porcini/carciofi/limone, Coniglio del Ghiottone, Cotoletta alla bolognese, Tagliate di filetto, Filetto alla griglia/funghi porcini/aceto balsamico/pepe verde.
Il coniglio del Ghiottone è farcito con il ripieno dei tortellini, resta morbido e succoso, non asciutto, ben rosolato ed in porzione discreta. Come contorno, c'è la scelta fra Patate al forno, Verdure al vapore, Insalata mista di stagione e Verdure alla griglia. Prendiamo le patate al forno, buone davvero, ben dorate e saporite.
La cotoletta alla bolognese è correttissima, di quelle senza besciamella di accompagnamento, ossia in purezza, solo ben ricoperta con prosciutto e formaggio di buona qualità. Buoni lo spessore della cotoletta e la sua frittura.

Come dolci, Tenera ciambellina con colata di Mascarpone, Panna cotta, Zuppa inglese, Creme caramel, Insalata di frutta, Fragole con gelato, Ananas.
La panna cotta è buona, forse un filo troppo densa; notevole soprattutto la ciambella con il Mascarpone.

Il conto è un tantino più alto della media, a partire dall'esorbitante coperto di 3 euro, che nemmeno fossimo in centro pieno. La spesa si attesta sui 35-38 euro: come dicevo, più alta di una media cittadina, che per una cena analoga si colloca secondo la mia esperienza sui 32-33.

Altre recensioni per "Trattoria del Ghiottone"

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.