Mi era venuta voglia di una cena a base di carne e...

Recensione di del 25/07/2012

Taverna dei Lords

36 € Prezzo
6 Cucina
7 Ambiente
4 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Negativo
Prezzo per persona bevande incluse: 36 €

Recensione

Mi era venuta voglia di una cena a base di carne e ho consultato questo sito per vedere chi offriva una buona grigliata vicino al centro a Bologna.
I vari giudizi positivi su questo locale che ho letto qui mi hanno convinto a provarlo. Ci sono arrivato a piedi (assolutamente impossibile il parcheggio: non solo siamo nel centro storico della città dove si entra solo in fasce orarie prestabilite, ma la via stretta e frequentata dove si trova il ristorante dissuade qualunque temerario che ci si avventuri in auto dal tentare di trovare un buco nei paraggi in cui appoggiare la stessa).

All’esterno, il locale si presenta molto bene: infissi in legno scuro che incorniciano le vetrine ai lati dell’entrata dall’aria sontuosa. Nelle vetrine, diverse lavagne scritte a mano con il gesso pubblicizzano con grande enfasi il menù fisso con la formula “all you can eat”, cioè “antipasti a volontà, primi a volontà, secondi a volontà” per 25 euro in totale.
L’interno è arredato con stile vagamente retrò: lampade con volute e due grandi teche con fondo a specchio alle pareti laterali, richiamanti analoghi oggetti Liberty (sugli scaffali interni, alcune bottiglie di Morellino di Scansano); i tavoli sono relativamente distanziati, ricoperti da una grande tovaglia a quadretti bianchi e rossi a sua volta ricoperta da una più piccola tovaglia bianca molto pulita.

Essendoci andato abbastanza presto in un giorno infrasettimanale, ero l’unico avventore. Solo tre quarti d’ora dopo è entrato un altro cliente (anche lui nuovo del locale, perché si è informato, come avevo fatto anch’io all’inizio, sul funzionamento dell’offerta).
Ho trovato simpatico il non presentare una carta del menù, ma il portare sul tavolo una lavagnetta simile a quelle esposte in vetrina con l’indicazione delle portate.
Ho voluto tralasciare il prezzo fisso con tutto quanto proposto e mi sono concentrato sugli antipasti e una tagliata di carne di manzo.
Il servizio non è stato molto immediato; segno, probabilmente, che quanto ordinato è stato cotto al momento.

Il modo di servire gli antipasti è abbastanza originale: sono dieci piccole scodelline con assaggi di verdure cotte o elaborate in modo molto semplice. Si va dal cavolo cappuccio con due palline di mozzarella, a tronchettini di sedano con una scaglia di grana, a una sezione di melanzana ripiena, a tre pezzetti di peperone, a tre tronchettini di zucchina... Nell’insieme, tutto abbastanza gradevole per coloro ai quali piacciono le verdure. Non so se per scelta o per mancanza di cura, tuttavia, non mi è stato proposto alcun condimento, né limone, né aceto balsamico, né altro. A me, comunque, è andato bene così, considerato che prediligo gli alimenti al naturale.

La tagliata era decisamente buona: la carne saporita e non “nervosa” ricopriva a “mucchietto” alcune patate arrosto che, tuttavia, abbassavano di molto il livello qualitativo del piatto. Erano infatti per lo più bruciacchiate e un po’ stantie, per niente apprezzabili.

Da bere mi è stata portata una bottiglia di minerale e, al posto del quarto di rosso che avevo chiesto, una bottiglia di Sangiovese del 2010 (non malvagio), con l’accordo che avrei pagato a consumo.

La vera, spettacolare, sorpresa è stata alla presentazione del conto: 35,50 euro! Sono rimasto senza parole. Possibile che venga sbandierato ai quattro venti un menù a prezzo fisso con tutta quella roba “a volontà” per 25 euro mentre io, che ho preso un po’ di antipastini di verdure, una tagliata e due calici di vino, ho pagato 35,50 euro?
Ho analizzato il conto: le dieci scodelline con assaggini di verdurine, 12 euro (1,20 euro a scodellina!); la tagliata 15 euro, acqua 2,50 euro, calice di vino 3,50 (magari era un po’ più di un calice), coperto 2,50 euro.

Che dire? Pur non avendo provato il menù a prezzo fisso proposto, sconsiglio vivamente chiunque di uscire da quel seminato, per non avere sorprese nel prezzo.
Come giudizio complessivo, posso dire che la qualità del cibo è mediamente buona (mi ha convinto la tagliata), ma con quel prezzo il rapporto qualità/prezzo viene abbattuto ai minimi termini.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.