Il mio interesse verso la cucina toscana mi ha spi...

Recensione di del 25/02/2007

Posta

35 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 35 €

Recensione

Il mio interesse verso la cucina toscana mi ha spinto a dedicare una domenica a questo locale, situato proprio a ridosso delle mura del centro storico di Bologna, in una zona tranquilla, in cui è difficile, ma non impossibile trovare parcheggio. Prenotazione praticamente obbligatoria, almeno nei festivi: il locale, sebbene sia abbastanza spazioso, si è infatti riempito del tutto e diversi clienti sono arrivati anche oltre le 14.

L'aspetto del locale è quello di un rustico elegante: per entrare bisogna suonare il campanello e il personale, molto gentile, accoglie i clienti collocando i cappotti in grandi armadi d'epoca che si trovano all'ingresso.

Passiamo al menu. L'offerta è davvero ampia, dagli antipasti al dolce le scelte sono numerose e comprendono le principali specialità della cucina delle diverse parti della Toscana.

Come antipasto decidiamo di partire con la "fantasia di lumini" che consiste in un misto di salsine servite ciascuna su un vasetto di coccio con sotto un piccolo lumino acceso che le mantiene calde. Le salsine, da gustare con fette di pane lievemente abbrustolito e dunque abbastanza morbido, sono a base di vegetali (una di cipolla, una di pomodoro ed una terza di verdure miste), ma è possibile richiedere anche una salsina ai fegatini di pollo, che personalmente ho apprezzato molto. Nel complesso è davvero originale l'idea e gustose le salsine, peraltro in discreta quantità.

Come primo decido di assaggiare le classiche pappardelle al sugo di lepre, che vengono servite in piatti molto ampi nei quali le porzioni appaiono piuttosto minime. In realtà è la pasta a non essere particolarmente abbondante, tanto da rendere quasi prevalente il ragù di lepre che al contrario è presente in quantità generosa. Il giudizio sul piatto è molto buono, grazie ad un ragù estremamente asciutto e saporito.

Per secondo scelgo tra le molteplici opzioni il cinghiale in salmì con polenta. Buona la quantità e la qualità del piatto, con carne morbida e polenta piuttosto liquida.
Il menu prevede anche le classiche fiorentine e tagliate, che altri commensali hanno preso: non avendole assaggiate non posso giudicare, posso solo dire che le dimensioni sono "tagliate" per una clientela non toscana e dunque non vi è da aspettarsi bistecche enormi e questo contrasta forse un po' con i prezzi medio-alti dei secondi.

La sazietà ci impedisce di ordinare dolci.
L'accompagnamento del pranzo è affidato ad un Chianti giovane, non memorabile, ma accettabile.
Il prezzo a persona è stato di 35 euro, che giudico equilibrato.

Nota molto positiva è la qualità del servizio, estremamente gentile e disponibile: la velocità del servizio non è molto alta, ma questo non è a priori un difetto, poiché anzi può essere la conseguenza di un utilizzo di prodotti non precotti.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.