Solito dramma del sabato sera non avendo prenotato...

Recensione di del 12/04/2008

Trattoria il Roggiolo

25 € Prezzo
3 Cucina
5 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 25 €

Recensione

Solito dramma del sabato sera non avendo prenotato per tempo: dove telefonare sperando in una disponibilità di posti.
Indispensabile è il rimanere in zona per cui, tralasciando i nomi consolidati (Chierico, Viscontea etc.), si decide per uno spirito di avventura, la famosa sindrome di Marco Polo.

Optiamo per questa trattoria che ci è stata segnalata favorevolmente e che in una passata visita ci aveva favorevolmente impressionato dall'esterno anche se, a locale pieno, eravamo stati rimandati. Stranamente pur essendo sabato sera ci viene data la disponibilità dell'unico tavolino da due rimasto e correttamente ci viene segnalato che trattasi di sistemazione un poco sacrificata.
Ma curiosi, nella speranza di aver trovato la classica trattoria con cucina casalinga, ci riteniamo fortunati e... mai scelta fu però così infelice.

Per correttezza devo dire che ho provveduto a cancellare il numero della trattoria dalla memoria del mio cellulare.

Il locale si presenta bene, molto simpatico e rustico con alla parte di ingresso la parte posteriore di una Fiat 500 targata Roggiolo), il servizio è estremamente cortese. Parcheggio in cortile un po' angusto dato l'elevato numero dei commensali. L'inizio è pertanto più che positivo e ci predispone ad una serata piacevole.
Le pecche purtroppo vengono subito evidenziate.

La sala dove veniamo messi presenta una tavolata di una festa, il rumore è insopportabile. Anche un semplice dialogo è difficoltoso. Al tavolo a fianco una comitiva con tanto di bimbi in fasce (e pertanto abbiamo assistito anche ad un cambio di pannolini). Ma tutto questo è il "bello????" di questi locali, in funzione della tipologia del locale si ha anche la clientela... Ma questa è la caratteristica del locale e non mi sento di farne una colpa. Di rimando colpisce la gentilezza del servizio.

Il problema nasce invece dalla cucina. L'impronta è tipicamente piacentina, ci avevano consigliato lo gnocco fritto e pertanto su questo ci indirizziamo.

Ordiniamo due gnocchi fritti con salumi, ben fatto il gnocco e salumi senza infamia e lode. Piatto nel complesso anonimo.
Per primi i pisarei e fagioli, stranamente agliati o meglio dove il gusto dell'aglio era prevalente su tutto ed è la prima volta che mi capita, e spaghetti al coltello con ragù di carne e funghi, se possibile un piatto ancora peggiore dei precedenti: i funghi duri e.... il tutto immangibile.

Abbiamo dato la colpa al sabato sera ed al fatto che il locale era pieno ma questo non può essere una giustificazione.

Sconsolati saltiamo i secondi, in menu la solita coppa al forno ed un brasato di asino per cercare di addolcirci con i dolci. Scegliamo il budino di latte (accettabile) ed una crostata casalinga che avevavmo visto in entrata, direi deludente e quindi senza ulteriori indugi ci fiondiamo sui caffè per poter uscire al più presto.

Prezzo equo, 45 euro in due, con un Gutturnio del Lusenti ed acqua gassata.
Purtroppo prezzo concorrenziale (forse) ma qualità scarsa (eufemismo).
Da riprovare probabilmente non di sabato sera ma comunque credo rimarremo con questo dubbio lasciando la sperimentazione ad altri.
E cercherò per il futuro di non farmi coinvolgere nella sindrome dell'esploratore.
Mai lasciare le strade vecchie per le nuove, soprattutto a livello di trattorie e ristoranti in genere.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.