Locanda con un certo tono

Recensione di del 26/01/2019

La Locanda di Noris

56 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
7 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 56 €

Recensione

La Locanda di Noris, si trova a Peschiera del Garda ed è gestita da una esperta ristoratrice che un tempo aveva un altro Ristorante piuttosto noto sempre in questa cittadina lacustre.

Locanda scelta dal mio Amico che ha dei concetti sulla ristorazione e sul vino distanti anni luce dai miei.

Preoccupato, ma più per il Q/P che per la qualità del cibo, mi sono diretto verso la Locanda in una piovosa serata; molto piovosa.

Buona impressione appena entrati; sia per l’arredamento e la famosa “mise en place”, come dicono anche a Peschiera DG, che per l’accoglienza.

Camerieri “veri”, a partire dall’ abbigliamento, che hanno svolto il loro lavoro in maniera più che soddisfacente; con precisione, modi e tempistiche adeguati al tono del locale.

Bel tavolo rotondo per noi sei commensali. Più o meno al centro della sala al pianterreno, mentre un’ altra si trova al piano superiore. Tutti i tavoli occupati; cosa abituale secondo il mio Amico che ci va ogni tanto.

Segno quasi inequivocabile che è un Ristorante “riuscito”.

Menu vario e al 97% incentrato su piatti a base di pesce; da qui l’orripilante definizione: “Ristorante di pesce”.

Definizione che piace però quasi a tutti.

E quindi sono io che sbaglio a non gradirla.

Carta dei vini con prevalenza di bianchi, ovviamente, con molti Lugana, altrettanto ovviamente vista la zona, ma non solo. Ricarichi mediamente accettabili con qualche “licenza poetica” in particolare sul Giulio Ferrari 2006. Ma del resto fa parte del gioco e ho notato che “va molto”.

Scelto anche da una coppia di amici, neanche tanto giovani, con un abbigliamento che senza risalire alla Belle Epoque… 20/25 anni fa ne avrebbe precluso l’accesso ad un ristorante mediamente elegante.

Ma… anche qui sbaglio io !

Digressioni socio-estetiche a parte e andando al sodo, tutta la cena è stata piacevole con buone e più buone portate.

Tra le buone, segnalerei “ L’ antipasto misto “, cotto, della Locanda. Composto da due ostriche con una salsina che purtroppo non sono riuscito a decifrare completamente ma che secondo il menu avrebbe dovuto essere una gratinatura al Franciacorta: il meno convincente delle preparazioni dell’ antipasto; che comprendeva inoltre una discreta quantità di insalata di mare con componenti vari e direi sicuramente freschi; due code di gambero erano presentate su due fette di agrumi con una specie di marmellata di cipolle. Ovviamente gradita; vista la mia predilezione per l’odoroso ortaggio.

Tra i più buoni, metterei oltre agli “spaghetti Bottarga e Vongole” presi da mia moglie, la mia Grigliata Mista.

Porzione adeguata con tranci soddisfacenti di Spada, Coda di Rospo, Salmone e Rombo. Tranci elencati in ordine di preferenza. Con comunque anche l’ultimo classificato, il Rombo, buono e gradito. A completare due scampi: carnosi e gustosi.

Assaggiate anche le patate arrosto portate a due dei miei commensali; discrete.

Bello da vedere anche il fritto misto preso dal mio Amico; che stranamente non ho assaggiato.

Abbastanza sazi anche per aver mangiato abbondantemente il pane portato in tavola a più riprese, arricchito con un buon olio del Garda, in 5 su sei, abbiamo poi ordinato anche il dessert.

Per me una “Crema Catalana” decisamente buona. E con una forma insolita. Buona !

Insieme alla Crema Catalana, ho ordinato un bicchierino di un super alcolico del quale non ricordo il nome. Gradito anche se solitamente, e per fortuna, mi limito ai vini; ma l’ eccezione conferma la regola.

Tornando ai liquidi, abbiamo deciso di stare sui Lugana; partendo con un grande classico: il Santa Cristina di Zenato. Buono come al solito. A seguire una bottiglia di Brolettino. Altro classico che non bevevo da tempo. Forse il meno convincente, per me, dei tre ordinati durante questa simpatica cena. Bel finale con il Molceo superiore della Cantina Ottella. Direi il migliore e il più gradito da tutti. Anche dalla componente femminile che ha contribuito ad abbassare il numero di bottiglie ordinate.

Comunque sia, il bilancio complessivo è stato tutto sommato soddisfacente.

Con un Q/P discreto quasi buono grazie ad un piccolo sconto dovuto alla frequentazione della Locanda da parte del mio Amico.

58 euro a testa; che comunque possono diventare facilmente e senza fatica 70/80.

Comunque un Ristorante da tener presente nella sua fascia di prezzo.

Foto della recensione

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.