Premessa doverosa: la cena in questo ristorante è ...

Recensione di del 18/02/2011

Ad Gallias

60 € Prezzo
9 Cucina
9 Ambiente
9 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 60 €

Recensione

Premessa doverosa: la cena in questo ristorante è stata davvero un'esperienza da ricordare. L'Ad Gallias è un hotel spa con annesso ristorante ai piedi del suggestivo borgo di Bard. Per raggiungerlo prendete la strada statale 26 e lasciate la macchina nel parcheggio che troverete alla vostra sinistra appena usciti da Bard. In pochi minuti una passeggiata a picco sulla Dora vi porterà davanti al ristorante.
L'ambiente è caldo ed accogliente e rappresenta un riuscito mix di tradizione (come lo scenografico camino a vista) ed innovazione, soprattutto per l'essenzialità della mise en place e per l'utilizzo di stoviglie dal design particolare. Veniamo fatti accomodare in un tavolino di fronte al camino in una bella saletta (unica nota i tavoli sono leggermente troppo vicini) delle quattro che costituiscono il ristorante.
Una gentile e simpatica cameriera ci omaggia di un calice di prosecco per iniziare, mentre arriva il maître di sala (molto cortese ed estremamente professionale) con menu e carta dei vini.
Il menu è vario e ben bilanciato, offrendo sia proposte più radicate nel territorio che ricette che abbracciano anche il pesce o (peculiarità del locale) la cucina vegana.

Dopo un golosissimo appetizer di baccalà fritto partiamo con gli antipasti: morbido lardo di Arnad con castagne caramellate (un classicissimo della zona) e baccalà mantecato in padella con leggera salsa verde e polenta croccante, un vero inno alla freschezza della materia prima. Strepitoso il contrasto con la polenta.
Si passa ai primi: ottimi ravioli fatti a mano ripieni di zucca con salsa al bleu d'Aosta (un formaggio erborinato) e un sorprendente orzotto con radicchio tardivo, dalla perfetta mantecatura con la giusta dose di cremosità conferitagli da lardo e cipolla.
Le porzioni sono corrette e quindi si arriva al secondo senza problemi.
Qui le dosi aumentano, ma la preparazione rimane di una leggerezza assoluta: optiamo per il controfiletto di manzo ai carboni ardenti profumato all'olio nuovo con contorno di verdurine in agrodolce. La carne è buonissima, esaltata da una cottura leggera, perfettamente al sangue e condita solo con olio e sale grosso.
Infine due dolci: strudel vegano di mele con salsa al cioccolato (con pasta simile alla fillo anzichè sfoglia) e bavarese allo yogurt con salsa all'arancia e mousse di gianduia, presentata dentro un calice da spumante: entrambi i dolci sono stati un degno coronamento all'ottima cena.
Molto buono il caffè.
Carta dei vini varia e con ottime etichette, in particolare locali: noi abbiamo optato per un Pinot Gris 2009 della Maison Anselmet di Villenueve.
Assolutamente un posto da provare, magari abbinandoci un weekend nell'albergo per godere delle coccole della spa.
Complimenti!

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.