Il ristorante si trova su una traversa di Corso It...

Recensione di del 17/08/2010

Il Saraceno

22 € Prezzo
8 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 22 €

Recensione

Il ristorante si trova su una traversa di Corso Italia, la via centrale di Arezzo, all'interno di un'ampia zona a traffico limitato. La macchina va pertanto lasciata al di fuori del centro storico. Anche potendo accedere all'interno della zona a traffico limitato i parcheggi sono comunque molto pochi e non nelle immediate vicinanze del ristorante.
La trattoria Il Saraceno è suddivisa in due sale, arredate ambedue con uno stile tipico da osteria: tovaglie a quadrotti bianchi e rossi con i vini della carta in bella mostra sulle pareti. Lo spazio non è moltissimo ma i posti a sedere non mancano; proprio per questo motivo c'è lo svantaggio di stare a volte un po' troppo attaccati al vicino. L'ambiente è decisamente rustico e gradevole nel suo stile a meno di una televisione accesa che stona con il resto del locale.
L'accoglienza del cameriere che ci serve è molto calorosa ed essendo presto, ci viene data la possibilità di scegliere il tavolo dove accomodarci. Appena preso posto ci viene portata l'acqua e il menu, sul quale vengono evidenziate le portate tipiche della zona.
Come antipasto optiamo per un tris di bruschette con pomodorini, fagioli cannellini e una all'olio (il tutto ben accompagnato da uno spicchio d'aglio infilzato in uno spiedino, da aggiungere a piacere) e un misto di affettati di cinghiale dal gusto speziato e un pezzo di formaggio invece meno saporito. Buona la presentazione di entrambi.
Come primo ci facciamo tentare da pappardelle e pici al ragù di cinghiale con chiodi di garofano e bacche di ginepro: entrambi sono portati entro un piatto di terracotta con l'insegna del ristorante. Molto d'effetto. Tuttavia la porzione è abbondante e dopo un po' il sapore stanca. L'abbiamo finito a fatica.
Decidiamo di saltare il secondo e passare direttamente al dolce. La scelta ricade sui dolci fatti in casa: panna cotta con i frutti di bosco e un dessert al mascarpone e caffè. Il primo viene valutato buono, in quanto genuino, il secondo lascia un po' a desiderare poiché sembra davvero solo un classico tiramisù senza sentire la particolarità della cucina toscana.
Il conto, compreso di una bottiglia di acqua (del rubinetto in realtà) e di due coperti, è di 43 €. La cifra in sè risulta giusta, ma la cucina non ci ha lasciato memoria di particolari aromi toscani.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.