Una domenica sera di primavera decidiamo di provar...

Recensione di del 29/04/2012

Aranciamara

30 € Prezzo
7 Cucina
7 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 30 €

Recensione

Una domenica sera di primavera decidiamo di provare questo ristorante, invogliati dalle segnalazioni de ilmangione.it.
Si trova ad Arenzano, gradevole cittadina a vocazione turistica del Ponente ligure: arrivando da Voltri sull'Aurelia, all'inizio del paese, prima dell'Ena Hotel, si svolta a destra e il locale è a 200 metri. Posteggiare potrebbe essere difficoltoso in estate, ma con il tempo uggioso dei giorni scorsi, noi non abbiamo avuto problemi.
L'Aranciamara è una trattoria/pizzeria costituita da un'ampia sala colorata e dal dehors: in caso di tavolate numerose, il rumore potrebbe rivelarsi fastidioso, ma la distanza fra i tavoli rende il possibile disagio accettabile.
I tavoli sono apparecchiati in modo spartano, ma con ordine e pulizia.
Pur senza prenotazione veniamo immediatamente fatti accomodare e il proprietario, cortese e chiacchierone per essere un genovese, ci porta subito un piattino di frisceu, frittelline di pasta non molto croccanti a dire il vero e dell'ottimo pane fatto in casa, più acqua e una bottiglia di Vermentino.
Leggendo il menù vengo subito colpita dalla varietà di scelta, anche per quanto riguarda le pizze, che mi ripropongo di assaggiare durante una seconda visita.

Io, reduce da un pantagruelico pranzo in famiglia, scelgo l'insalatina di mare con verdure fresche e pesto di rucola: non ho molta fame e mi rendo presto conto che all'Aranciamara bisogna andare affamati.
Le porzioni sono generosissime: subito arrivano per me e il mio fidanzato due piattini di insalata russa e soppressata di polpo che scambio erroneamente per il mio antipasto, si tratta invece dello stuzzichino proposto dalla casa, iniziativa molto carina che tutti i locali dovrebbero seguire, a mio parere.
Arriva poi la mia insalatina: un'insalatona tiepida di verdurine croccanti a dadini e cozze, totanetti, polpetti a volontà.
Il mio fidanzato sceglie il menù Aranciamara, a 20 euro: stuzzichino, tagliolini Aranciamara e frittura.
I tagliolini sono come piacciono a lui: più condimento che pasta, un ricco ragù di frutti di mare e verdurine.
Buono l'impiattamento, anche se dovrebbero portare i piattini per i gusci, vista la generosità delle porzioni.
Io passo direttamente al secondo con lo spiedo di pesce, gamberi e verdurine arrostite al forno: buono, con una patata al cartoccio e insalatona d'accompagnamento, ma qui, forse, la predominanaza delle verdure è eccessiva. Non ho modo di preoccuparmene più di tanto perchè, ormai sazia, al mio piatto fa onore il mio ragazzo, dopo essersi divorato la frittura, presentata nel tradizionale cartoccio: un'idea molto carina.
Rinunciamo al dessert perchè proprio non ci sta, ma vedo agli altri tavoli che, anche per quello, le porzioni sono più che generose.

Veniamo al conto: 1 euro il coperto, 14 euro il Vermentino, 2 euro per una bottiglia d'acqua naturale, 9 euro il mio antipasto e 13 euro il secondo, 20 euro per il menù, decisamente conveniente, del mio ragazzo. Totale di 60 euro spesi volentieri.
E' la prima volta che trovo un locale di cui si può dire: mangi bene e spendi poco. Qualche piccola pecca, ma si può soprassedere, anche perchè il posto non vanta pretese che rischiano di essere disattese. Onesto, per serate tra amici.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.