Dopo una faticosa mattinata dedicata allo sci a To...

Recensione di del 06/03/2010

La Marmotta

28 € Prezzo
7 Cucina
5 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 28 €

Recensione

Dopo una faticosa mattinata dedicata allo sci a Torgnon, intorno alle 13:30 insieme alla mia famiglia siamo scesi verso il fondo valle per il pranzo volendo così evitare la ressa dei ristoranti nei pressi delle piste.
Siamo così arrivati ad Antey Saint Andrè. Eravamo affamati e quasiasi cosa sarebbe andata bene per saziare lo stomaco. Abbiamo scelto questo ristorante pizzeria, senza avere grosse prestese. Ed invece il pranzo ci ha piacevolmente sorpresi.
Il locale si trova lungo la strada principale del paese che porta a Cervinia. Interamente in legno, anche se non prettamente di carattere montanaro come magari uno si aspetta di trovare, il ristorante dispone di 10/12 tavoli per indicativamente una cinquantina di persone. Arredamento molto semplice, senza pretese di essere nè un ristorante tipico, nè d'alto livello. Tovagliette in tessuto/carta, tovaglioli di carta, ambiente pulito ed accogliente. Più una pizzeria che un ristorante. Il personale molto gentile, accogliente e disponibile. Noi siamo in cinque. Ci portano i menu e decidiamo che, nonostante una più che discreta varietà di pizze, siamo in Valle d'Aosta e vogliamo mangiare le specialità valdostane!

La carta prevede sei/sette antipasti per lo più di carattere montanaro (lardo e castagne, verdure e tomino grigliato, tagliere di salumi). Saltiamo l'apetura e arriviamo direttamente ai primi. Anche qui la scelta è tra sei/sette piatti. Io e mia figlia prendiamo le tagliatelle della casa, con panna, castagne e funghi porcini. La presentazione è buona, una porzione abbondante di pasta che non mi pare fatta in casa ma è piacevole e di giusta cottura, con veramente molti funghi porcini e una spolverata di erba cipollina. Non sono in grado di dire se fossero freschi o surgelati (vista la stagione), comunque sia i funghi erano molto saporiti e molto grandi. I ragazzi prendono le crespelle alla valdostana. Buone. Mio marito un originale risotto alle castagne e formaggio valdostano.

Decidiamo di proseguire, siamo in montagna e dopo una giornata di sci bisogna mangiare la polenta! Prendiamo un piatto di salamelle alla griglia con patatine fritte (piatto abbondante, sei salamelle piccole adagiate su un letto di rucola), due porzioni di polenta e funghi porcini, un piatto di polenta con salsiccia ed un filetto all'aceto balsamico. Anche in questo caso le porzioni sono abbondanti, forse come pranzo bastava quello, ma volevamo farci del male! L'unica pecca è stata per me la polenta, ma è una questione di gusto personale: la polenta, infatti, di farina mista gialla e saracena, era secondo me un po' troppo morbida, ma ribadisco è una questione di gusto. Tanto di cappello, invece, al filetto: un grosso pezzo, cotto al punto giusto (ci è stato chiesto il grado di cottura desiderato), con una salsa all'aceto morbida e profumata, e soprattutto carne tenerissima. Complimenti alla mucca.
Chiudiamo con due caffè e tre gelati.
Per le bevande solo bibite.

Il servizio è stato veloce (forse anche un po' troppo, mi sono chiesta come abbiano fatto un risotto in meno di dieci minuti), ho notato molta cortesia nel personale che ha accolto clienti anche dopo le 14:30. Non ci aspettavmo nulla di particolare da questo pranzo ma tutto sommato abbiamo notato un buon livello ed una buona qualità anche nella presentazione (piatti rettangolari per i primi ed ovali e grandi per i secondi).
Insomma, una sorpresa considerato che facendo cinque pasti completi abbiamo speso 140 euro.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.