Settimana di Champions League in quel di Amsterdam...

Recensione di del 22/11/2010

Bussia

70 € Prezzo
5 Cucina
8 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Scarso
Prezzo per persona bevande incluse: 70 €

Recensione

Settimana di Champions League in quel di Amsterdam ed i miei colleghi con cui lavoro in questo stadio spingono al fine di andare a mangiare in questo ristorante che dovrebbe presentare una tipica cucina italiana. Prima di dare il mio benestare e comunque intrigato dal nome del ristorante che evoca uno delle mie terre preferite in Italia butto un'occhiata al sito che mi incuriosisce, i piatti non sono direi tipicamente tradizionali ma abbastanza interessanti. Ci presentiamo intorno alle 20:30, siamo a due passi da Prinsengracht uno dei canali più deliziosi della città resi ancora più romantici da gli addobbi natalizi che già li adornano con largo anticipo. Il ristorante è su due piani, molto carino, direi set up delizioso ed accoglienza veramente piacevole. Siamo in un gruppo di sei, io unico italiano, poi uno svizzero, un tedesco, un portoghese, un montenegrino ed un serbo, quindi tocca a me (devo dire con malavoglia) procedere ad una serie di spiegazioni e chiarimenti; il collega montenegrino arriva addirittura a non guardare la lista e a confermare alla gentilissima cameriera che prenderà esattamente quello che io ho ordinato, bah...
La lista non è vastissima, tre primi, tre secondi, tre antipasti ed altrettanti dolci, ci sono delle formule a prezzo fisso con menu da 4,5 o 6 portate ed i costi non sono certamente economici, 15-20 euro per antipasti e primi, qualcosina di più per i secondi. La lista dei vini presenta scelte molto interessanti ma i ricarichi sono da brivido, 3-400%, con una bella serie di Baroli di annate abbastanza vecchie a prezzi abbondantemente sopra i 100 euro; considerando il budget cerco nella lista che comunque ribadisco essere interessante e trovo una Barbera d'Alba Vigna Pugnane 2007 di Franco Conterno, 37 euro a bottiglia ben spesi direi.
Passiamo a quanto consumato. Come antipasto io prendo una zuppa di fagiolini con gorgonzola e tartufo nero: gli accostamenti mi lasciavano un poco dubbioso e ancora più dubbioso divento quando il piatto mi arriva vuoto con al suo interno solamente un minuscolo pezzo di gorgonzola, 4 fagiolini in gelatina e 4/5 scagliette di tartufo, ma ecco, il cameriere arriva con una simil-teiera e versa una mini porzione della parte liquida della zuppa che ricopre il resto. Piatto un po' strano, i sapori non si mixano in modo molto armonico, il tartufo nero credo fosse di qualità abbastanza mediocre dato che sia per sapore che per odore non si avviciniva nemmeno a quello che un vero tartufo può offrire; piatto direi nel complesso insufficiente.
Come piatto principale ordino un filetto e stinco di cinghiale con lardo di Colonnata. Anche qui la presentazione è decisamente interessante ma anche in questo caso la materia prima non è delle migliori. Certo questo piatto mi soddisfa di più del precedente, ma la consistenza della carne un po' tenace ed il sapore non particolarmente entusiasmante non contribuiscono a renderlo certo indimenticabile. Inoltre le porzioni sono veramente ridotte soprattutto se accostate ai prezzi.
Ancora affamato ordino un dolce, soufflè all'arancia e frutto della passione, questo decisamente fa la sua onesta figura: il soufflè si fa mangiare e non appesantisce comunque la cena.
Chiudiamo con una nota positiva, un caffè ristretto veramente ottimo (quasi al livello del nostro da bar) e selezione di amari italiani lasciati sul tavolo (Montenegro, Averna, Ramazzotti ed un quarto mai sentito nominare prima, Rosso Antico). Prendo un Montenegro dato che oramai poche volte mi capita l'occasione ed è bello ogni tanto riassaporare delle cose che fanno scaturire ricordi di anni passati.
Che altro dire: ci ritornerei? Credo di no. Ambiente veramente delizioso, servizio impeccabile, ma piatti non a livelli di eccellenza e a mio avviso un poco "overpriced".

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.