Quest'anno dopo moltissimo tempo abbiamo deciso di...

Recensione di del 04/04/2010

Antica Osteria dei Camelì

100 € Prezzo
10 Cucina
9 Ambiente
10 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Ottimo
Prezzo per persona bevande incluse: 100 €

Recensione

Quest'anno dopo moltissimo tempo abbiamo deciso di passare la Pasqua al ristorante, in questo bellissima corte ristruttara di recente situato ad Ambivere. Il ristorante vive un periodo di grandi riconoscimenti, a livello di critiche, guide e notorietà su riviste del settore.
Per la giornata di Pasqua il pasto prevede un menu di sei portate più piccola pasticceria e caffè.
Si inizia con un carpaccio di tonno su velo di formaggio fresco di capra, extravergine salato con la soia e capperi croccanti. La materia prima è eccezionale, raffinato il gioco di sapori che parte con un dolce del tonno, l'amaro del caprino, la croccantezza dei capperi e il salato della soia.
Come secondo antipasto passata di piselli freschi, pepite di fegato d'anatra e scampi rosalati. Gli scampi si sciolgono in bocca si sente il mare, l'abbinamento con le pepite di fegato e la passata di piselli è qualcosa che di straordinario.
Terzo antipasto crespella farcita con gamberi, totani e alici al pomodoro.
Il piatto si presenta con tre tipi di crespelle avvolte una al nero di seppia, una al pomodoro, una classica, con una passata di pomodoro, piatto molto delicato ma cucinato con cura ed eleganza.

Quarta portata ravioli ripieni di mortadella del presidio, grana, asparagi e pistacchi. Notevole la pasta tirata a regola d'arte, ripieno ben saporito che si abbina bene ai pistacchi tostati e all'asparago.

Quinta portata capretto da latte allevato in collina bergamasca cotto nel vino bianco e rosmarino e servito con la polenta. Adoro la carne del capretto ma mai in vita mia avevo provato un capretto del genere, il selvatico che solitamente ha la carne di questo animale, che a qualcuno può dare fastidio, in questo piatto è completamente annullato, fantastico il piatto migliore di questo pranzo.

Dolce tortino morbido di mele e pane, cioccolato pralinato con fiocchi di mais e gelato ai datteri diamond. Ottimo il dolce, menzione speciale per il gelato ai datteri veramente sublime. Si finisce con una piccola pasticceria di produzione propia e con quattro caffè jamaican blue mountain!
Onore e merito a questo ristorante dove il servizio e la cura per il cliente sono maniacali, e per la gentilezza del patron Camillo Rota visto che ha sostituito dei piatti non graditi nel menu per i miei commensali.
Servizio impeccabile, pane e tovagliato da ricordare.
Nel menu erano compresi i seguenti vini Brut rosè 2005 metodo classico il Calepino per gli antipasti. Per il primo e secondo Montepulciano d'Abruzzo riserva Casale Vecchio 2007 Farnese.
Con il dolce Moscato d'Asti naturale 2009 Paolo Avezza.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.