«Maccarone m'hai provocato? Ed io me te magno!». L...

Recensione di del 14/02/2010

La Dispensa

16 € Prezzo
7 Cucina
10 Ambiente
8 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Buono
Prezzo per persona bevande incluse: 16 €

Recensione

«Maccarone m'hai provocato? Ed io me te magno!». La citazione dell'Albertone nazionale non è che d'uopo per queste ultime settimane culinarie. Ci si chiede dove sono finite le trattorie "vecchio stile" e gira e rigira si ritrovano nel polmone dell'amata Brianza, oggi meritevole di essere provincia attorno al cuore di Monza. Una vera e propria dispensa, che mio cognato si è premunito di portarmi in rassegna per mangiare qualcosa di sfizioso e a buon prezzo dopo una partita a bowling. La qualità non è per niente lasciata al caso. Tutt'altro! L'ambiente è quello che deve essere.
Una bilancia da pesa riposa nello slargo della saletta in penombra per la feste degli innamorati, una vecchia credenza riporta tutti i condimenti del caso, di quelle di legno del tipo tarmato. Una chicca.
La possibilità di parcheggio è buona e di questo dobbiamo ringraziare il parroco che lascia aperti i battenti del cortile a fianco della chiesa, mentre l'ambiente apparentemente spartano gode della giovialità dei ragazzi che servono ai tavoli: rapidi ed efficienti. Connubio perfetto. Tutt'intorno al locale ci sono gabbie metalliche dove venivano riposti i sacchi di zucchero e farina, ma non finisce qui perché i tavoli, anch'essi di metallo con un piano in vetro, al di sotto riportano altri circoli di metallo.
Sono apparecchiati di una tovaglietta che riporta il logo del locale e le posate sono semplici. Come timido tentativo ci sono delle candeline deliziose poggiate su tovagliolini di carta.
Mangiare in posti del genere riporta al fascino di un tempo, vissuto forse più dai nostri nonni ancor prima che i nostri genitori.

Mangiare una pizza è quello che ci soddisfa il palato. Così, ordinata una Carlsberg alla spina, facciamo un giro tra le pizze che ci offre alla carta. C'è un discreto assortimento. La scelta punta decisa verso la focaccina della zia e su una porzione di patate fritte da dividere.
Le patate sono fresche, tagliate e non di quelle surgelate. Al tavolo c'è l'occorrente per condire e stuzzicare con dei buonissimi torinesi (grissini ovviamente).
La rotazione dei tavoli è veloce, così anche se di gente ne entra che è un piacere, altrettanta ne esce. Nessuno fa anticamera per un tempo troppo lungo.
La birra scende che è un piacere e le patate sono cotte al punto giusto.
Prendiamo la focaccina della zia, guarnita di salame piccante, olive nere e gocce di pomodoro.
Leggera, croccante, ultrasottile. Può anche non piacere perché va al di là della classica, ma la farina così fresca e la pasta tanto friabile al palato, è di un etereo indescrivibile.
La porzione di patate è comunque abbondante, tanto che c'è posto per un dolce in due.
Qualche cuoricino svolazzante ci ricorda, qualora l'avessimo dimenticato dopo il bombardamento mediatico subliminale dei media, che oggi è San Valentino.
Ebbene: torta al cioccolato con una spolverata di zucchero a velo e un biscotto doppio a forma di cuore (pastafrolla al cioccolato) in un piattino semplice.
Tutto in realtà è semplice e proprio qui sta la genialità. Ho detto che è un posto apparentemente spartano, proprio perché le suppellettili appese alle pareti e gli arzigogolati attrezzi usati per la pesa e per la macinatura se ne stanno a riposo come se appartenessero con naturalezza al locale.
Fatta qualche foto ricercata - i ragazzi del posto apprezzano scambiandosi occhiate e battute - paghiamo il conto e ce ne andiamo nella notte solitaria. Un altro bel posto in cui portare amici per serate di goliardia e perché no, anche la propria moglie per vivere quell'atmosfera poco artificiosa ma tanto vera di un ambiente familiare e al contempo ricercato nei particolari, che riportano indietro con la memoria.
Alla dispensa appunto e perché non sentire il rumore degli zoccoli dei cavalli sul selciato fatto di terra nuda?
Prezzo a persona intorno ai 16 €. Varrà la pensa tornarci per gustare qualche piatto diverso per una rivalutazione definitiva. Consigliabile.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.