Gita nelle Langhe 2016

Recensione di del 26/10/2016

Osteria dell’Arco

33 € Prezzo
7 Cucina
6 Ambiente
6 Servizio
Rapporto qualità/prezzo: Normale
Prezzo per persona bevande incluse: 33 €

Recensione

Solita gita di ottobre nelle Langhe con i miei cognati.

Mio cognato, a cui toccava la scelta del ristorante ha optato per L'Osteria dell' Arco a Alba, presidio Slow Food.

Ci presentiamo nel locale alle 12,30 per non trovarlo troppo affollato.

Accoglienza professionale anche se un poco freddina,

Ometto di descrivere la location, l'ambiente e l'apparecchiamento in quanto già descritti da altri recensori e immutati.

Veniamo accompagnati al tavolo (dopo uno slalom tra i tavoli, un po troppo ravvicinati, evitando di scontrarci con il personale) e noto subito la scarsa presenza di appendiabiti, nota stonata in quanto,

essendo a fine Ottobre, siamo tutti muniti di giacconi.

L'unico appendiabiti trovato è incastrato tra un tavolo e una credenza cantinetta, il che renderà problematico e fastidioso il recupero degli indumenti.

Quando il locale ha raggiunto il tutto esaurito hanno posizionato degli appendi abiti in mezzo ai tavoli.

Sulla tavola è presente il cestino del pane con grissini e fette di pane fresco e morbido tipo casalingo.

Vengono portati subito il menù e la lista dei vini.

Nonostante vi siano solamente quattro o cinque tavoli occupati, l'attesa per la comanda (effettuata da una sola persona) è piuttosto lunga.

Non mi soffermo sul menù (scaricabile in PDF dal sito del locale) costituito quasi totalmente da

piatti del territorio.

Lista dei vini molto corposa, compreso quella del vino a bicchiere, con un rapporto prezzo/qualità adeguato.

Io e mio cognato optiamo per un calice di Nebbiolo (piuttosto scarsino) a 4 €, giudicato ottimo (ma siamo entrambi piuttosto incompetenti).

Le signore per un bottiglia di minerale in vetro a 2€.

La comanda consiste in:

2 antipasti con carne cruda, coniglio e nocciole e insalata russa 12€

1 baccalà mantecato con patate e tartufo nero 12€

1 cardo con fonduta e tartufo nero 9,50€

Primi

2 crema di zucca, ravioli di seirass e tartufo nero 10€

Secondi:

2 tagliata di fassone ai ferri 16€

Dessert:

1 tris di dolci 10€

1 cremino al gianduja e lamponi 6€

2 caffè 1€

1 grappa 3€

Tutte le portate sono risultate molto gradite con un plauso particolare alla carne cruda all’albese, al baccalà, alle tagliate di fassone (carne cotta al punto giusto, tenera e con un ottimo contorno di broccoli saltati) e ai dolci.

Unico neo l’insalata russa, buona ma un poco freddina. Il cameriere, interpellato in proposito, si giustificava dicendo “dato che l’insalata è di nostra produzione, per ragioni igieniche, dobbiamo tenerla nell’abbattitore”.

Forse un colpetto di microonde avrebbe risolto il problema senza alterare eccessivamente il gusto.

Servizio professionale ma un poco freddino.

Conto totale di 134€ con un rapporto prezzo/qualità/quantità normale tendente al buono.

Condividi la tua esperienza

Raccontarci le tue personali esperienze è fondamentale per permetterci di conoscerti sempre di più ed offrirti consigli su misura per te. ilmangione non è più un'esperienza statica, ma una potente Intelligenza Artificiale che impara a conoscerti partendo da quello che ti piace.